Titolo

Il millenarismo di Tremonti e lo stato della stampa

1 commento (espandi tutti)

Brancaccio non mi convince su varie cose ma lo seguo da un po', lo trovo rigoroso rispetto a tanti ciarlatani dell'eterodossia e mi fornisce sempre un termine di paragone utile per capire. Indubbiamente lui pone un problema di 'domanda effettiva' e critica i modelli che lo escludono o che lo relegano al 'breve periodo'. Ma non credo che si possa inserirlo tra i sostenitori del 'deficit spending' sempre e comunque. Non penso nemmeno che voglia riempire a forza la pancia dei tedeschi con la pasta. Anzi, nell'articolo lui pone un problema di produttività del lavoro stagnante in Italia e quindi di costi relativamente alti. Invece su una particolare idea di 'piano' si, lui insiste. E' una idea atipica, molto pragmatica, da 'programmazione' e da 'campioni nazionali'. 'Insomma, fa molto 'capitalismo francese' e poco o nulla 'socialismo dei soviet'. Però comunque non mi piace.