Titolo

E se abbassassimo le tasse?

1 commento (espandi tutti)

Mi pare che tu dica:"Visto che i privilegiati hanno ottenuto i propri benefici perchè sono vicini ai politici, non riuscirai mai a togliergli il beneficio per darlo a chi non ha gli agganci"

In linea generale e in condizioni normali, il ragionamento non fa una piega. Ci sono però dei momenti eccezionali in cui la gente che ha sempre subito si stanca e inizia a decapitare i nobili. Prima di arrivare a questo punto, io immaginavo che, di fronte a forti pressioni dall'esterno e all'atmosfera da "fine del mondo" si potesse portare a casa qualcosa.

Vero che BS e i suoi non taglieranno mai i privilegi della loro corte e dubito fortemente che lo farebbe un'alternativa politica di sinistra. Se però la paura sale ancora e, prima di incendiare auto e negozi, arriva un tecnico tipo Draghi io credo che una suppostina di questo genere non sarebbe impossibile:

 

  • Hai la scusa che siamo sull'orlo del baratro
  • I privilegiati di corte sono pochi e, in fondo gli chiedi solo di lasciare quello che hanno preso in più
  • I beneficiati sono tanti, sono i soliti tartassati e gli stai offrendo una carota in mezzo ad una pioggia di bastonate 

 

Quindi la ratio è:

 

  • In mezzo a tante misure recessive, un modesto incentivo alla crescita attuato senza spesa aggiuntiva
  • Approfitto della situazione eccezionale per proporre un'altra misura in altri tempi impraticabile 
  • Alcuni politici potrebbero considerarlo un congruo investimento in marketing

 

Poi passata la tempesta, chi è vicino ai politici tornerà a crescere più degli altri e ad ottenere privilegi, è inevitabile. Ma perchè non cogliere l'occasione per tentare almeno di dargli una batosta?