Titolo

E se abbassassimo le tasse?

1 commento (espandi tutti)

No perchè negli acquisti hai già foraggiato lo stato con il 20% di IVA.

In pratica proponi di abolire di fatto (vedi altro post) l'imposta sui redditi (progressiva) e rimarrebbe solo l'IVA (proporzionale e quindi ha effetto regressivo) o altre imposte indirette.

Immagina un'IVA al 25% (il massimo previsto nella UE, se non sbaglio) e due contribuenti. Il primo ha reddito 12'000 euro, spende tutto e quindi paga 3'000 di iva. In realtà ha quindi comprato 9'000 euro di beni e probabilmente (che sia lavoratore o pensionato non importa) farà fatica ad arrivare a fine mese. L'altro contribuente ha 120'000 euro di reddito, spende anche lui tutto (se esiste imposta sul reddito, se è ben assicurato ed è sicuro della sua pensione, gli conviene spendere tutto per non pagare imposte dirette) e quindi paga 30'000 di IVA e spende 90'000 in beni di consumo detraibili. Ora i 3'000 pagati in IVA del contribuente povero "pesano" molto di piu', come sacrificio fiscale, dei 30'000 pagati da chi ha redditi medioalti. Vero che per i consumi "sociali" (alimentari)  vedono di solito un IVA ridotta ma alla fine il povero si riduce a consumare solo beni che hanno un'IVA bassa perché non si puo' permettere altro. In questo senso si dice che le imposte proporzionali hanno un effetto regressivo (gravano piu' sui poveri che sui ricchi). Scusa se ti spiego queste cose ma hai premesso di non intendeterne di economia. Non che io ne sappia poi tanto ... ma almeno questo credo di averlo capito.