Titolo

Riflessioni su economia e materie umanistiche

9 commenti (espandi tutti)

Penso di aver letto tutti i commenti e sono rimasto abbastanza sorpreso nel constatare che in nessuno,mi pare, si faccia riferimento al fenomeno delle enclosures che permise nell'Inghilterra del 1700 una diversa  e più efficiente organizzazione delle risorse produttive permettendo di aumentare  la produttività nel settore agricolo e l'assorbimento da parte dell'industria della manodopera espulsa favorendo il  settore industriale che ebbe la necessaria disponibiltà di manodopera per far fronte alla domanda di beni provenienti dal settore agricolo e dal commercio con l'estero.Penso che combinati insieme all'aumento demografico,all'innovazione scentifica applicabile ai settori produttivi  tutti questi fattori abbiano reso possibile un aumento della classe dei lavoratori in proprio  molto superiore rispetto alle epoche precedenti  facendo registrare quindi un aumento del benessere generalizzato e la maggior tutela della classe politica dei cosiddetti valori borghesi.Naturalmente il tutto andrebbe corroborato da dati sulla produzione industriale ,aumento della produttività ,aumento demografico ecc,purtroppo non ho il tempo,ma dai miei studi di storia economica mi pare di ricordare  ,in linea generale, che furono questi i principali fattori che innescarono la nascita e lo sviluppo dell'industria e che il cambiamento dei valori nelle società dell'epoca sia  solo il risultato finale del processo.

Questo è un esempio di come le istituzioni siano intervenute nel modificare il sistema giuridico, creando  nuove situazioni favorevoli allo sviluppo di una forza lavoro mobile. Qualcun altro parlerà di proletariato, esercito industriale di riserva, lamenterà le condizioni di vita delle classi popolari nel secolo XIX. 

Come direbbero i maestri Zen ...La perfezione in questo mondo sta nell'accettare l'imperfezione

al fenomeno delle enclosure .. combinati insieme all'aumento demografico,all'innovazione scentifica applicabile ai settori produttivi ..

IMVHO se Caesar e Augustus non avessero vinto, o meglio, e l'esito della crisi della Republica fosse stato diverso dal principato, possibilmente in certi scenari avremmo potuto avere una rivoluzione industriale anticipata.

Sappiamo poi dai carotaggi in Groenlandia che la produzione industriale (o almeno la capacità di inquinare!) Romana doveva ad un certo punto essere abbastanza simile a quella raggiunta dall'Europa nel XVI-XVII secolo, possiamo azzardare conservativamente che, indipendentemente dalle inefficienze del principato, il cristianesimo e le invasioni Germaniche ci siano costati almeno 12 secoli di progresso.

 

Sono contento che il tema della rivoluzione industriale inglese attragga tanti commenti, ma farei sommessamente presente che le vaghe reminescenze di un esame di storia economica non sono sufficienti. Suggerirei agli interessati di leggersi almeno Allen e Mokyr, che presentano un quadro aggiornato, anche se parziale e da punti di vista molto personale, delle ricerche in corso e della conventional wisdom fra gli esperti

Ok prof Federico lo farò sicuramente.Storia Economica è forse la mia materia preferita.Tra l'altro ,ho  cominciato a dare un'occhiata al libro di Allen che ha indicato   qualche commento piu sopra.  Ricordo che ebbi difficoltà,quando studiai la materia,a capire bene il processo di industrializzazione nell'URSS di Stalin.Il libro descriveva la popolazione dell'URSS come quasi esclusivamente agricola e le cui tecniche erano arretrate  e dato che i beni   prodotti erano destinati al commercio per industrializzare il Paese, mi domandavo,da dove provenisse la monodopera che tirò su l'industria pesante.Per quanto riguarda il commento ,ho scritto quelle cose perchè mi pareva che determinati fattori,ritenuti importanti ,  non fossero stati presi in considerazione nei commenti,in generale.

Non sono un esperto di storia sovietica, ma se mi contatta personalmente vedo di mandarle quelche reference

La mail è comunque Giovanni.Federico@eui.eu

PS insulti solo in inglese, così perlomeno imparo qualche parolaccia :-)