Titolo

Libera nos a malo

23 commenti (espandi tutti)

un altro aspetto a mio avviso importante che spiega i pessimi risultati 2002 - 2005 è la debolezza dimostrata dalla programmazione o gestione di Tremonti (e/o Siniscalco direttore del Tesoro e per un anno Ministro). Con un budget si stabilisce un obiettivo (indebitamento netto/deficit per le pubbliche amministrazione) e si dimensionano entrate e spese compatibili con il suo raggiungimento. Se si buca l'obiettivo può significare:

a) sovrastima delle entrate o incapacità di realizzarle se il loro livello era possibile.

b) sottostima delle spese o incapacità del loro controllo se il loro livello era possibile

In entrambi i casi gli scostamenti possono essere riconducibili anche a decisioni consapevoli in seguito a pressioni.

Sta di fatto che il cdx ha bucato, nel periodo 2002-2005, il budget che esso stesso aveva fissato alla fine dell'anno precedente come mostrato dalla tabella seguente. Lo stesso non è successo al CSX nei quattro anni  pieni precedenti. Si vedano sotto le considerazioni per gli anni a gestione mista. 

 

la tabella mostra anche che gli unici due anni in cui il budget redatto dal cdx non è bucato sono:

il 2006 quando nella gestione è subentrato il CSX dopo aprile

il 2010 quando il budget è stato fatto addirittura nello stesso anno.

Il budget del csx risulta bucato nel 2001e 2008 quando, dopo aprile, nella gestione è subentrato il cdx. 

Penso che ciò risponda anche ad alcune obiezioni di Giovanni Vera al quale per le auto aziendali darò una risposta specifica.

Quella tabella dimostra che le stime previsionali del cdx sono attendibili come quelle di un bambino col pallottoliere, ma va ricordato che il centrosinistra ha spesso avuto la tendenza a sovrastimare il deficit per ritrovarsi poi con tesoretti spendibili. http://www.lavoce.info/articoli/pagina2525.html

Nel 2006 l'impatto della manovra estiva fu limitato ad uno 0.1% del Pil, quindi non credo che sia merito di Padoa Schioppa se sono stati rispettati gli obiettivi della legge di stabilità di dicembre 2005.(la tabella in quel 3.4% di deficit include 1 punto di Pil di spese straordinarie per la Tav,senza le quali le stime sarebbero state ampiamente battute come per il fabbisogno che non considerava quella voce). 

Per quanto riguarda il 2001 ritieni che uno scostamento di ben 2.3 punti di Pil sia dovuto al governo Berlusconi insediatosi da giugno?

Per quanto riguarda il 2001 ritieni che uno scostamento di ben 2.3 punti di Pil sia dovuto al governo Berlusconi insediatosi da giugno?

 

 

dovresti chiederlo a lui che mi impressionò col pareggio nel 2003

 

io so solo che Lui il 27 settembre 2001 (16 giorni dopo le torri poi usate spesso come scusa) firmò e licenziò la "RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA ( RPP ) - RELAZIONE PER IL 2002" dove quotava il deficit 2001 a -13944 milioni = -1,14% (pagina 46) giustificando la differenza rispetto allo 0,8% di Visco al balance fra: crescita spesa sanitaria maggiore dell'ipotizzata, minore efficacia nel contenimento della spesa di acquisto di beni e servizi, ritardo nella vendita degli immobili (fatti negativi) e all'introduzione del monitoraggio della spesa , al patto di stabilita' interno con le Regioni , allo snellimento delle procedure per vendere gli immobili unitamente ad una insperata riduzione dei tassi (-0,4% ) (elementi positivi).

Meno di 100 giorni prima della chiusura dell'esercizio ha quindi stimato l'i.n. a -1,14% contro il -3,1% che avrebbe realizzato. Forse puoi giudicare anche tu senza chiedere a LUI!

La mia domanda non era retorica. O la sinistra sbagliò vistosamente le sue previsioni nella finanziaria del 2001 ( cosa che farà spesso lo stesso voltremont negli anni successivi ) oppure Tremonti ha realizzato negli ultimi mesi del 2001 misure a deficit (aumenti di spese, riduzioni fiscali e/o facilitato l'evasione), o forse un mix dei due.  Abbiamo evidenze della seconda?

mi pare che la risposta sia nel post a cui rispondi lo ha detto, anzi scritto, LUI

crescita spesa sanitaria maggiore dell'ipotizzata, minore efficacia nel contenimento della spesa di acquisto di beni e servizi, ritardo nella vendita degli immobili

ed io aggiungo frenata della crescita in q3 e q4 (Eurostat dà anche la crescita per quarter)

non ho invece stimato i danni della Tremonti-bis estesa a artigiani e professionisti

i fatti positivi 

all'introduzione del monitoraggio della spesa , al patto di stabilita' interno con le Regioni , allo snellimento delle procedure per vendere gli immobili unitamente ad una insperata riduzione dei tassi (-0,4% )

 tranne la diminuzione dei tassi (di cui non aveva merito) erano chiacchiere e come tali non hanno prodotto effetti.

all'introduzione del monitoraggio della spesa

vuol dir che non lo faceva prima: immaginarsi P3,P4 e gli Anemoni!

allo snellimento delle procedure per vendere gli immobili 

le ha snellite al punto che nel 2009 ha dovuto ancora riacquistarne per un miliardo. 

In fine forse ti è sfuggito che il forecat di Visco (-0,8%) per il 2001 era del dicembre 2000 quello di Tremonti per lo stesso anno (-1,1%) di fine settembre 2001 stesso con praticamente già tre trimestri consuntivati.

Se vuoi approfondire nel sito del MEF ci sono migliaia di pagine sul 2001; io da quelle che ho letto ho tratto quanto sopra. 

il deficit reale del 2006 è stato di circa il 2,5%,visto che il 3,4% (come ha detto anche Giovanni) ingloba la decisione presa dal governo Prodi con la finanziaria del 2007,di caricare sul 2006 l'aver deciso di caricare sul bilancio statale il debito ISPA...andate a leggervi i commi dal 966 al 969 della legge 27 dicembre 2006 numero 296 (finanziaria per il 2007 del governo Prodi) e il comma 1364 che prevede che solo i commi prima elencati entrassero in vigore ancora nel 2006 per poter caricare l'onere relativo pari a 12 miliardi 950 milioni sul 2006 e quindi mostrare un deficit piu' alto di quello effettivo,essendo una manovra puramente contabile e non una effettiva spesa fatta nel 2006.E che il deficit sarebbe stato intorno al 2,5 senza quella mossa,lo ha ammesso pure Padoa Schioppa non ricordo se in un DPEF o in una relazione unificata sull'economia e anche l'ISTAT quando ha fatto le comunicazioni  di rito dell'indebitamento.Quindi nel 2006 sia il deficit che la spesa in conto capitale sono stato drogati da quasi 13 miliardi dal governo Prodi e bisogna tenerne conto quando si fanno raffronti sul deficit,sul saldo primario e sulla crescita della spesa primaria.Per quanto riguarda la curva di spesa e il punto del 2000,quella discesa è dovuta solo al fatto che gli introiti delle licenze UMTS furono conteggiate non come entrate ma come minori spese e incisero mi pare per 1,2 punti di PIL come riduzioni di spesa (ma non chiedetemi il perchè).

In sostanza il Governo Prodi nel 1997 ha ereditato un avanzo primario del 4,6,lo ha meritoriamente portato al 6,6 nel 2007 ma negli anni successivi,Prodi e gli altri governi di centrosinistra,invece di approfittare della discesa dei tassi ( 11,5 punti di PIL il peso degli interessi nel 1996,6,3 nel 2001,riduzione di 5,2 punti...4,6 nel 2006 riduzione di 2,7 punti per Berlusconi), per puntare decisi al pareggio di bilancio partendo da un avanzo cosi' consistente,lo hanno fatto scendere fino al 3,2 del 2001...quindi hanno ridotto dell'1,4 l'avanzo primario in 5 anni,con 5 anni poi di crescita economica a tassi certo piu' elevati del periodo successivo in termini nominali (a cui vengono rapportati avanzo primario,spesa,entrate e deficit e pure debito),il governo Berlusconi ha ereditato un avanzo primario al 3,2 nel 2001 e lo ha lasciato a circa il 2,2 nel 2006 (al netto del caricamento dei debiti ISPA e relativi interessi) quindi riducendolo di circa 1 punto.

Insomma,le cose non sono proprio cosi' chiare ed evidenti come si vuole far credere,sul come siano stati gestiti quei 10 anni tra i due governi e su chi abbia fatto cosi' meglio o cosi' peggio.

E la posta straordinaria e solo contabile del 2006 droga anche il calcolo dell'aumento di spesa primaria tra il 2006 e il 2007 e gli scostamenti tra spesa primaria/PIL tra i due anni.Sta di fatto che poi,nel 2008,dopo aver ottenuto un deficit all'1,5 nel 2007,il governo Prodi fa una finanziaria che peggiora in tendenziale di uno 0,4 avendolo già peggiorato in corso d'anno con due decreti legge che spendevano parte dei tesoretti,portando il deficit tendenziale per il 2008 al 2,2,che poi con la RUEF di aprile 2008 Padoa Schioppa prevede al 2,4 per l'abbassamento della previsione di crescita per il 2008 dall'1,5 della finanziaria allo 0,6 della RUEF.Poi voglio dire,la genialata del TFR inpotato all'INPS di Padoa Schioppa (circa 5,5 miliardi) con la finanziaria 2007,dove la mettiamo?

Poi è anche da dire che ci sono state varie revisioni dei dati tra il 2001 e il 2004 del deficit,a causa di riclassificazioni richieste da Eurostat di certe voci:infatti,in un primo momento il deficit comunicato dall'ISTAT di volta in volta è sempre stato sotto il 3%,salvo poi aumentare successivamente per varie riclassificazioni.

Certo che io mi sarei aspettato da un governo di centrodestra soprattutto,un controllo e un freno alla spesa pubblica tra il 2001 e il 2006 e un pareggio di bilancio,pur in un contesto di crescita non eccelsa...

Pero' rimango dell'idea che per il 2009 e il 2010,pur con tutti i limiti qualitativi del caso,Tremonti ha agito in maniera diversa dal quinquennio precedente ( e comunque la finanziaria del 2005 mi pare che la fece Siniscalco e proprio nel 2005 di è avuto il deficit peggiore,sopra il 4 e senza riclassificazioni ISTAT) ed è riuscito a tenere i conti relativamente a posto sia rispetto alla caduta del PIL tra il 2008 e il 2009 e sia nei confronti di molti altri paesi europei e non (e per fortuna) e non mi associo quindi,allo sport prevalente in tutti  e mi pare anche qui,che prevede che Tremonti abbia fatto disastri sui conti pubblici e ritengo piu' realiste le cose che hanno detto le varie istituzioni e anche Draghi rispetto a questa questione...per questo mi sono stupito quando in altri post,si continuava a dire che Draghi ha mentito...per me non ha affatto mentito...vista la situazione economica e di bilancio a livello di paesi coinvolti nella grave crisi.

Poi certo,esiste il mondo ideale,esistono le soluzioni ideali e allora a quel punto non si salva piu' nessuno,ne Prodi ne Berlusconi ne altri in questi 20 anni...lo so anche io quante e quali cose andrebbero fatte...ma ripeto,siamo sicuri che nel paese ci sarebbe una maggioranza di elettori che che voterebbe per chi propone queste soluzioni?

 

 

Il sistema di finanziamento dell'opera continuò ad evolversi attraverso l'architettura del project financing e la legge Finanziaria del 2003 perfezionò il modello diapprovvigionamento dei capitali.Tav s.p.a. entrò nell'orbita di Infrastrutture s.p.a. il cui azionista unico era la Cassa Depositi e Prestiti. Infrastrutture s.p.a. era preposta a finanziare il progetto dell'alta velocità attraverso il reperimento delle risorse sul mercato bancario e su quello del capitale, cioè contraendo prestiti ed emettendo obbligazioni, la cui restituzione sarebbe stata garantita dallo Stato. In virtù di tale sistema l'intero debito ricadeva sulle spalle dello Stato che inizialmente era però obbligato a pagare annualmente solamente i relativi interessi intercalari, senza essere costretto ad iscrivere l'intero debito nel proprio bilancio, salvo poi dovere procedere in un secondo tempo alla restituzione dell'intero capitale con conseguenze devastanti per l'equilibrio dei propri conti.

Recentemente (2006 nota mia perchè l'articolo è di allora) l'Unione Europea ha messo in luce il carattere mistificatorio di questa operazione, smascherando la reale natura pubblica di Infrastrutture s.p.a. e costringendo lo stato italiano ad iscrivere in bilancio 13 miliardi di euro di debito TAV occultato in maniera fraudolenta.

Roberto, la cosa è chiarissima. Nel 2006 si è dovuto sanare, perchè costretti dalla U.E., una delle tante tremontate perfezionata con la finanziaria del 2003. Quei soldi (,87%) del PIL 2006 avrebbero dovuti essere contabilizzati nel 2003 quando rappresentavano lo 0,97% del PIL peggiorando della stessa misura saldo primario e indebitamento netto.

Nel 2003 c'era Tremonti pertanto quello ,97% con sconto è tutto e solo suo.

La tua difesa ad oltranza di Voltremont è comunque da ammirare.

 

 

Per quanto concerne Ispa, «tutto il debito emesso nel contesto della costruzione di collegamenti ferroviari ad alta velocità deve essere registrato come debito pubblico». Inoltre «la contropartita del debito emesso da Ispa è una transazione finanziaria sotto forma di un prestito dal Governo a Rete Ferroviaria Italiana-Treno Alta Velocità».
Se al momento in cui il debito deve essere rimborsata da Rfi-Tav questo non accade «ci sarà una assunzione di debito da parte del Governo la cui contropartita sarà un trasferimento di capitale dal Governo a Rfi-Tav. I trasferimenti di capitale saranno imputati solo per quegli anni in cui una parte del debito deve essere rimborsato e solo per la parte che Rfi-Tav non sarà in grado di rimborsare».
Di conseguenza, afferma Eurostat, «il debito pubblico nel 2004 aumenterà di 7,5 miliardi di euro, pari allo 0,6% del Pil» senza effetti immediati sul deficit «eccetto che per il pagamento degli interessi».

http://www.ilsole24ore.com/fc?cmd=art&codid=20.0.1183253393&chId=30

quindi risulta che Eurostat avesse detto di accollare il debito come debito delle AAPP,ma che l'impatto sul deficit sarebbe dovuto essere applicato solo quando al momento delle varie scadenze del debito,RFI-Tav non sarebbe stato in grado di rimoborsare e solo per la parte che non sarebbe stato in grado di rimborsare...ergo,mi pare di capire,che a fronte di questa previsione di Eurostat,invece,il governo Prodi abbia scelto a fine 2006 di far pesare tutto il debito sul deficit del 2006...facendo un operazione diversa da quella richiesta da Eurostat...ti risulta?

E quindi che non fosse affatto richiesto da eurostat che lo stato si accollasse il debito,che poteva benissimo rimanere in capo alla cassa depositi e prestiti,venendo conteggiato nel debito pubblico ma senza impatto sul deficit se non nel caso e per la parte conseguente che alle varie scadenza non fosse stata rimoborsata da RFI-TAV.Sbaglio?

Poi vedo che sul resto non hai avuto niente da ridire per cui presumo di aver scritto cose corrette e da te condivise...non c'entra nulla la difesa di Tremonti,c'entra una certa obiettività nel valutare le cose e mi pare che purtroppo anche qui alcune volte la si sia persa,vista l'avversione notevole verso Tremonti,su cui si sono anche scritti libri...

Poi vedo che anche per la Corte dei Conti "appare anomala la disposizione contenuta nel comma 1364 della legge 296/2006 (finanziaria 2007),la quale ha fatto retroagire gli effetti di detta finanziaria sul precedente esercizio 2006,aggravandone i risultati di amministrazione in modo imprevedibile e consistente,data l'entità del debito cosi' iscritto pari ad euro 12.950.000.000 piu gli interessi pari ad euro 617.816.738"...pag 21 di questo documento della corte dei conti

http://www.corteconti.it/export/sites/portalecdc/_documenti/controllo/se...

 

http://legxv.camera.it/cartellecomuni/leg14/RapportoAttivitaCommissioni/...

"Il 23 maggio 2005 l’EUROSTAT ha reso note le proprie decisioni:

1) i versamenti anticipati effettuati dai concessionari della riscossione nel 2003 e nel 2004 sono considerati irrilevanti ai fini dell’indebitamento netto (erano stati precedentemente contabilizzati in riduzione di tale saldo per 2,7 miliardi nel 2003 e per 1,1 nel 2004) e vanno in aumento del debito pubblico;

2) i prestiti contratti nel 2004 da Ispa per il finanziamento degli investimenti relativi alla infrastruttura ferroviaria dell’alta velocità sono considerati come debito dello Stato, senza influenzare l’indebitamento netto;

3) alcuni oneri connessi con le operazioni di cartolarizzazione di immobili devono essere inclusi nell’indebitamento netto del 2004"

http://www3.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20050524_01/Re...

 

 

 

Mi spiace che dopo avere presentato 14 numeri, di cui 11 puliti ed utili per supportare le tesi di Brighella,  la discussione stia praticamente andando O.T. concentrandosi su due dei tre relativi ad anni a gestione mista ed annoiando i lettori. La colpa è solo mia  che ho risposto a Giovanni Vera e me ne scuso con tutti. Se cambiamo il deficit 2006 dal -3,4% al -2,5% (eliminandodallespese i circa 13 miliardi Ispo) quanto sostenuto dal mio post non cambia.

 

Non voglio però lasciare senza risposta Roberto che ha speso tempo in una ricerca peraltro fruttuosa

2) i prestiti contratti nel 2004 da Ispa per il finanziamento degli investimenti relativi alla infrastruttura ferroviaria dell’alta velocità sono considerati come debito dello Stato, senza influenzare l’indebitamento netto

In effetti, alla luce di quanto sopra, non si capisce perchè i crediti ISPO rimessi siano stati contabilizzati anche come spesa in conto capitale. (sto anche cercando l'originale della risoluzione Ecofin)
Cercando di capire ho però visto che la decisione, resa operativa dalla finanziaria, era già accettata dal governo di cdx infatti dalle conclusioni della diligence del compianto Faini:


Sintesi dei risultati della verifica sui conti pubblici 2006 del 06-06-2006
..........................................
Le analisi dei diversi gruppi hanno avuto come punto di partenza la situazione delineata dalla Relazione trimestrale di cassa presentata a inizio aprile 2006.
...........................................
L'aggiornamento del tendenziale di finanza pubblica comporta una stima al rialzo del
rapporto deficit-Pil dal 3,8%, previsto nella Relazione trimestrale di cassa, al 4,1%.
Http://www.tesoro.it/documenti/open.asp?idd=4104

si evince che con molta probabilità già la trimestrale del primo trimestre 2006, scritta e licenziata ai primi di aprile dal governo di cdx, la considerava a spesa. Non era ancora stata emessa la sentenza IVA auto (14 settembre 2006) e la trimestrale (purtroppo non più disponibile sul sito del MEF) stimava l'indebitamento netto di fine anno al 3,8% (vedere ultimo riquadro). Se questo è vero, e non so cosa altro abbia potuto fare collocare il deficit ad un simile livello, il successivo governo avrebbe solo ufficializzato con legge una decisione già presa. O tu hai elementi per spiegare in modo diverso la stima al -3,8% del deficit 2006 della Tremestrale?

 

 

questa è la trimestrale che dici tu

 

http://www.rgs.mef.gov.it/_Documenti/VERSIONE-I/Finanza-Pu/Trimestral/20...

 

semplicemente riprende quelle che erano le previsioni della finanziaria 2006 votata a fine 2005

http://www.mef.gov.it/documenti/open.asp?idd=2

e non era per nulla previsto di accollare all'indebitamento il debito ISPA ma si tenevano le garanzie statali su quel debito,anche se il debito rimaneva a carico della CDP che è fuori dal perimetro della AAPP...semplicemente era previsto di seguire quello che aveva detto Eurostat e cioè di non far pesare sull'indebitamento l'accollo del debito ISPA,se non per le quote di oneri e per le quote in scadenza che sarebbero state a carico dello Stato.La semplice incorporazione di ISPA in CDP non comportava quindi,l'accollo sull'indebitamento...lo ha comporato i commi della finanziaria 2007 del governo Prodi,nel prevedere l'accollo diretto del debito allo Stato che ha comportato una "sopravvenienza passiva" e quindi una relativa spesa in conto capitale addebitata alle AAPP.

Semplicemente non era stata prevista la maggiore crescita e la crescita notevole delle entrate fiscali,ma che non lo abbia fatto Tremonti a fine 2005 forse era normale,visti i dati che aveva in quel momento,che lo abbiano fatto Prodi e Padoa Schioppa a metà 2006 (con dati che mostravano un tasso di crescita cumulato delle entrate fiscali a doppia cifra) e al momento della presentazione e durante l'iter di approvazione della finanziaria 2007 quando era evidente che il tendenziale era molto  migliore (e invece,in quella finanziaria è stato tenuto alto il tendenziale del deficit,non so se prudenzialmente o per il voler enfatizzare le azioni del precedente governo).

Sarà diffiicile togliermi dalla testa,viste queste evidenze,che certi trucchetti li hanno fatti pure Prodi e Padoa Schioppa e per meri fini politici...

il tuo link non è alla trimestrale del primo trimestre 2006 licenziata ad aprile del 2006, base della diligence del compianto prof. Faini, bensi' all R.P.P. di settembre 2005. Mi ero infatti stupito che a te uscisse.

La trimestrale a cui mi riferisco era l'ultimo documento di finanza pubblica emesso nel 2006 dal III governo Berlusconi: sul MEF c'è il link ma non funziona. I dati che ho citato li ho presi dalla diligence di Faini.

guarda che la trimestrale viene emessa con mesi di ritardo,la trimestrale del primo trimestre 2006 è stata fatta da Padoa Schioppa...l'ho trovata ma non l'avevo linkata perchè Faini non si riferiva a quella,visto che  parlava di trimestrale emessa ad aprile che era riferita al IV trimestre 2005.Se vuoi ti linko anche la trimestrale del I trimestre 2006,ma non era quella a cui faceva riferimento.

http://www.rgs.mef.gov.it/_Documenti/VERSIONE-I/Finanza-Pu/Trimestral/20...

io dal MEF non riesco a prelevare quelle oltre una certa data.

hai quella a fine 95

grazie

intendi 95 o 2005?Devi andare sul sito della ragioneria dello stato ti,guaradare sulla destra dove trovi "trimestrali di cassa" e ti si apre la pagina.Poi puoi scegliere l'anno tramite un menu' a tendina a destra in alto per poter selezionare vari anni..va indietro solo fino al 1998,purtroppo...

http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Finanza-Pu/Trimestral/2010/index.html

 

 

 

Grazie

Cercando qua e là ho visto che la riclassificazione di cui stamattina hai pubblicato il comunicato ISTAT non si riferisce ai 12950 milioni di € del 2006 ma a soli 6413 milioni del 2004. (QUI pagina 12 e tabellina a pag 13)

In ogni caso desisto: ho già detto che migliorando di 0,9 punti il risultato 2006 il succo del mio discorso iniziale non cambia.

grazie comunque  

infatti,l'ho postata proprio per far capire che l'ISTAT specificava che l'impatto era solo da fare sul debito e non sull''indebitamento...l'altra parte dei 12 miliardi e rotti sono stati conteggiati poi nel debito del 2005.Insomma,qualcosa cambia in tutto il ragionamento che si è fatto prima.Ripeto,il centrosinistra aveva ereditato nel 1997 un avanzo primario del 4,6 e lo ha lasciato al 3,2...il centrodestra lo ha ereditato al 3,2 e lo ha lasciato al 2,2...non c'è molta differenza e la poca che c'è è a svantaggio del governo di centrosinistra.E rimane il fatto del comportamento di Prodi e Padoa Schioppa riguardo alla questione ISPA di cui non parla praticamente nessuno..poi riguardo alla crescita del debito negli anni successivi al 2007,ci sarebbe anche da fare un bel ragionamento sull'uso che fanno i governi a fine anno del conto disponibilità del tesoro...fine 2007 il governo Prodi lo ha ridotto a 9 miliardi dai 22 di fine 2006 mentre Tremonti ha aumentato il conto disponibilità a fine anno dai 9 del 2007 ai 42 del 2010,piu' di 2 punti di PIL...avrebbe anche potuto giocarci al livello minimo come Prodi ed avere un debito/PIL piu' basso di 2 punti,ma per fortuna ha preferito seguire una linea prudenziale

Io rimango piuttosto perplesso sulla vicenda, visto che ancora oggi per Eurostat il deficit 2006 vale -3,4%, mentre in un altro caso, sopra riportato, già nel 2005 Eurostat aveva smascherato i "trucchi contabili della finanza creativa" di Tremonti degli anni 2003 e 2004 (che portarono alla nota procedura di infrazione per deficit eccessivo conclusa solo nel 2008 quando il commissario Almunia dichiarò [in Italia] «il deficit è stato portato sotto il tetto del 3% del Pil in maniera credibile e sostenibile»).

 

per Eurostat vale il 3,4 perchè ormai è stato stabilito che in base alla norma della finanziaria 2007 del governo Prodi,lo stato si accollava direttamente il debito ISPA,venendosi a creare cosi' una specie di "sopravvenienza passiva".Non capisco su cosa tu sia perplesso,in questo caso non c'è stato nessun trucco contabile da parte di Tremonti...semmai c'è stato un trucco contabile da parte di Prodi e Padoa Schioppa per far aumentare il deficit del 2006 per dimostrare che il governo precedente aveva lasciato un bilancio in disordine,cosa che in realtà non era.

Grazie della risposta.

In conclusione il deficit/PIL 2006:

per Eurostat vale il 3,4 perchè ormai è stato stabilito che in base alla norma della finanziaria 2007 del governo Prodi,lo stato si accollava direttamente il debito ISPA,venendosi a creare cosi' una specie di "sopravvenienza passiva".

 

Non affermavo affatto che fosse un "trucco" di Tremonti, semplicemente ricordavo che di fronte a veri "trucchi contabili", quali quelli adottati dal Tremonti per gli anni 2003-2004, Eurostat non tardò a smascherarli già nel 2005 ( dando avvio alla poco nota procedura di infrazione per deficit eccessivo contro il nostro paese). Questo EVIDENTEMENTE non lo è, a dispetto di articoletti spazzatura apparsi 3 anni fa nel giornalino di propaganda della famiglia del premier.

 

 

Non ci siamo capiti.Io lo chiamo trucchetto quello di Prodi e Padoa Schioppa,ma dal punto di vista delle regole Eurostat,non lo è.Mi spiego.Eurostat nel 2005 decise che il debito ISPA,essendo garantito dallo stato ed essendo chiaro che i futuri ricavi non sarebbero stati sufficienti a rimborsare il debito,decise che quel debito andava conteggiato direttamente nel debito delle Amministrazioni Pubbliche,senza che questo pero',avesse un impatto sul deficit,se  non nel momento in cui lo Stato avrebbe dovuto rimborsare anno dopo anno le quote di questo debito.E se il governo Prodi non fosse intervenuto con quella norma a dicembre 2007,il deficit sarebbe stato intorno al 2,5,dato corretto secondo le regole Eurostat,che non avrebbe avuto niente da ridire.Senonche',appunto,Prodi e Padoa Schioppa,decisero verso fine anno di inserire nella finanziaria quella norma,che faceva accollare subito direttamente allo Stato il debito ISPA (che intanto era stata inglobata dalla cassa depositi e prestiti che si era fatta carico del debito,ma che essendo al di fuori del perimetro della AAPP,non dava,appunto,problemi per il deficit),creando quella sopravvenienza passiva.Ecco pechè parlo di trucchetto:perchè non essendoci nessuna indicazione di Eurostat di fare quell'operazione,quella fu una decisione politica ed è difficile togliermi dalla testa il fatto che Prodi e Padoa Schioppa decisero quell'operazione perchè per mesi avevano gridato ai conti in disordine,al fatto che il governo Berlusconi avrebbe lasciato i conti in disordine salvo poi accorgersi dopo la metà dell'anno,che grazie alle maggiori entrate,in realtà il deficit sarebbe stato al di sotto del 3%.A quel punto,la situazione ISPA cadeva a fagiolo per poter far peggiorare il deficit.All'epoca,poi,il deficit era stato addirittura conteggiato al 4,6 mi pare,perchè erano stati accollati anche gli effetti della sentenza sull'IVA delle auto aziendali,ma questo secondo accollo era stato deciso da ISTAT ed Eurostat e non dal governo.Salvo poi,durante il 2007,decidere Eurostat ed ISTAT di non accollare quel presunto debito per i rimoborsi IVA tutti sul 2006,ma imputarli via via negli anni a seconda degli effettivi rimoborsi che si sarebbero poi effettuati.Ecco perchè parlo di trucchetto,trucchetto per far peggiorare il deficit (nel rispetto delle regole Eurostat,ma operazioni non richiesta da eurostat e non necessaria) nel 2006 a carico del governo Berlusconi,essendo stato il 2006 legato all'ultima finanziaria del govern Berlusconi.Spero di essere stato piu' chiaro.Tra l'altro,invece per il 2007,il governo Prodi beneficio' rispetto al deficit,del fatto che Equitalia fosse stata riclassificata all'interno della AAPP,operazione fatta da Tremonti,con la creazione in un primo tempo della Riscossioni SPA detenuta interamente dal pubblico,la quale società ebbe il compito di inglobare le varie società di riscossioni in giro per l'Italia ceh fino ad allora erano private.In seguito,riscossioni spa divenne Equitalia e siccome Equitalia aveva un saldo di bilancio positivo,il suo rientro tra le amministrazioni pubbliche ha fatto migliorare il deficit nel 2007.Tra l'altro,l'operazione di Tremonti di far tornare la riscossione nelle mani dello stato,anche secondo Padoa Schioppa in uno dei docuementi di finanza pubblica,ha migliorato la percentuale di riscossioni,con benefici per il bilancio statale dal punto di vista della cassa (anche se resta ancora scandalosamente bassa la percentuale di incassi rispetto all'accertato).

Che c'entrano gli articoletti spazzatura?Io queste cose le ho lette direttamente dai documenti di finanza pubblica del MEF e di ISTAT.

 

Grazie, con questa risposta dettagliata ho chiarito completamente i dubbi.

Unico appunto: la norma del governo Prodi per il rientro contabile del debito ISPA dovrebbe essere di dicembre 2006 e non 2007.

Per il 2006 il deficit iniziale era stato stimato al 4,4% 

"ma al netto degli oneri straordinari dovuti ai rimborsi Iva sulle auto aziendali (15,982 miliardi), ai debiti Ispa (12,95 miliardi) e alla retrocessione alla società di cartolarizzazione dei crediti agricoli, si è ridotto al 2,4%"

tratto da

http://www.repubblica.it/2007/02/sezioni/economia/conti-pubblici-37/ista...

 

 

P.S. Il riferimento all'articoletto spazzatura è ad un articolo di fine agosto 2008 secondo cui Eurostat "smascherava" i conti di Prodi a proposito del deficit 2006, pubblicato nel giornalino di propaganda della famiglia del premier. Fuffa as usual, visto che Eurostat non ha considerato l'operazione un trucchetto da invalidare.

 

 

 

E infatti Eurostat non ha smascherato nulla,riguardo ai 19 miliardi dell'IVA per le auto aziendali,semplicemente in un primo tempo erano state proprio ISTAT ed Eurostat a decidere di conteggiare quel costo tutto sul 2006,cosi',salvo poi,dopo qualche mese,rivedere la questione e decidere in maniera diversa.Riguardo invece alla questione ISPA,Eurostat non ha detto nulla riguardo alla decisione di Prodi di accollare il debito direttamente allo Stato,per cui quell'articolo era errato nella parte in cui citava eurostat,se quello era il tenore,visto che io quell'articolo non l'ho letto,ma da quello che dici mi pare di capire che pero' nella sostanza diceva cose corrette rispetto al fatto che comunque c'era stato un intervento del governo Prodi,non richiesto da eurostat,che peggiorava il deficit del 2006 riguardo al debito ISPA.Credo che ora finalmente ci siamo capiti ;)

Si, ci siamo capiti, la spiegazione è stata precisissima.

Grazie di nuovo.

 

P.S. l'articolo spazzatura non lo cito (già il titolo "bilanci falsi, la Ue smaschera Prodi") in quanto ho il massimo disprezzo per lo scribacchino che infestava un altro forum solo per fare propaganda al suo padrone, arrivando in alcune occasioni perfino a stravolgere dati e serie numeriche.