Titolo

Auto-Promozione:Boldrin su OilProject

6 commenti (espandi tutti)

Mi pare che solo il 10-15% sia in mano alle famiglie, il resto sono banche e stranieri e chi oggi si muove intorno al debito sono quest'ultimi. O no?

Devo ammettere che non ho dati esatti. Il mio guess è 55% fuori, 20-25% banche ed il resto famiglie, quindi forse un po' di più, ma dovrei andare a vedere dati recenti in Bd'I. Se qualcuno li ha handy, meglio.

In ogni caso: i mercati siamo noi, a meno di strane visioni nazionaliste, no?

P.S. Non dicono da dove vengano ("bilanci delle banche" non vuol dire molto) ma se questi dati sono veri il debito pubblico italiano in mano alle famiglie, straniere o italiche che siano, è parecchio maggiore del 15%.

A memoria: il 16% famiglie il 35-40% Istituzioni finanziarie italiane, compresi fondi di investimento. Le banche principali circa 350-400 miliardi (grafico da Santoro ieri sera). Quindi Italiani in totale ca 1000 e famiglie direttamente o tramite fondi pensione ca 600 milioni. Il default sarebbe un bagno di sangue.

Sì anche in un altro post era uscito circa un 30% circa detenuto direttamente e indirettamente dalle famiglie

 Secondo questo articolo di giornale che cita dati del FMI e della Banca d'Italia la percentuale detenuta dai non residenti oscilla tra il 42,4% ed il 39,2%.

Visto quanto è accaduto negli ultimi 2/3 mesi è molti investitori stranieri (banche e investitori istituzionali) hanno progressivamente venduto, almeno in parte, i titoli di stato italiani in loro possesso. Se gli acquirenti sono domestici è praticamente certo che ci siano stati forti movimenti di capitali transfontalieri  che si riflettono sui saldi dei conti che la Banca d'Italia intrattiene con la BCE. Infatti l'Italia, che fino ai primi mesi del 2011, aveva una saldo sostanzialmente in pareggio con la BCE (ovvero con le banche centrali degli altri paesi dell'eurozona), mentre ora è pesantemente negativo. Probabilmente le stime del FMI si basano su tali conti e dovrebbero essere piuttosto verosimili.