Titolo

Solidarietà a Oscar Giannino

20 commenti (espandi tutti)

Ed ora sei fra quelli che hanno capito "el ritorno dee teniche"?

"Mirenghi", o chi diavolo tu sia, ma il senso del ridicolo tu proprio mai, mai, mai?

secondo me si sono messi daccordo, ogni post su NfA deve contenere un commento su brancaccio. E' abbastanza divertente questa cosa.

Invece secondo me è una notizia molto interessante il fatto che dei comunisti anarcoidi abbiano dato del fascista a un liberale che esprime la sua massima stima per un marxista.

Se poi qualcuno fatica a riconoscerlo perché la bile gli ha dato alla testa è un problema suo, mica mio. ;-) Su Boldrin, la sua tenera sensibilità su questo tema è ormai cosa nota e anche comprensibile, dati i trascorsi per lui infelici, e quindi non fa proprio testo. ;-))

 

la bile gli ha dato alla testa [..] la sua tenera sensibilità su questo tema è ormai cosa nota [..] i trascorsi per lui infelici

Ma che razza di modo di argomentare è questo? Credevo di essere su nfA e invece mi son sbagliato. Sono al cinema e sto vedendo Il Padrino; o forse è Gomorra?

Ho guardato le pubblicazioni e le citazioni di entrambi e ho capito chi fa testo e chi no, fuori dal 'Sannio'.

Mi sa che abbiamo un troll. Forse il solito. 

Il divertente siparietto sull'attenzione da dedicare a codesto Brancaccio (che non conosco granchè) dice molto sull'attitudine all'aggressione che alberga nel blog, ma soprattutto dice ancora di più sull'ideologia (c.d. "liberista").

RR

Ho guardato le pubblicazioni e le citazioni di entrambi e ho capito chi fa testo e chi no, fuori dal 'Sannio'.

Galileo Galilei fu molto contrastato con le pubblicazioni, e tutti (dicasi tutti) i suoi colleghi all'Università di Padova non se lo filavano.

NB: questo non implica minimamente un parallelo intellettuale fra Brancaccio e Galilei, sia chiaro.

RR

Forse non c'era la peer-review anonima?

1) non c'era la peer-review per niente

2) TUTTI i colleghi di Galilei (che in quel momento stavano facendo interessantissime discussioni sulla natura dell'anima) se la fecero sotto.

RR

1) Che c'era una sorta di peer-review o peer-pressure lo stai dicendo tu :)

2) Ancora mi sfugge in che senso potrebbe costituire un argomento negativo a favore di Brancaccio.

Intendi che Galileo non faceva testo? Quindi, secondo l'orrido Mirenghi, il 'Galileo' del nostro caso dovrebbe essere Boldrin.

Intendi che Galileo non faceva testo? Quindi, secondo l'orrido Mirenghi, il 'Galileo' del nostro caso dovrebbe essere Boldrin

Sfortunatamente per loro, nè Boldrin nè Brancaccio sono all'altezza.

Mi interessava controbattere l'argomento del mero ricorso alla bibliometria per determinare la qualità.

RR

 

Non la qualità, quella non sono in grado, intendevo, seguendo la definizione del Mirenghi, chi fa testo e chi no. Brancaccio ne fa molto meno e quindi 'probabilmente' è molto meno all'altezza.

Lasciate stare Alberto. Lui con Brancaccio ha un problema serio, è la sua ossessione. Ed è evidentemente grave. Se proprio volete fare qualcosa, chiamate Milingo.

[Alberto sto solo scherzando sul fatto che EB sia presente in tutti i tuoi commenti, niente di più, seriamente.]

 

Confesso l'ossessione. Il fatto è che partivo prevenuto ma piano piano ha iniziato a convincermi. Non sulle questioni del lavoro, perché secondo me la libertà di licenziamento è necessaria per fare funzionare le imprese (indipendentemente dalla correlazione con i tassi di disoccupazione). Ma per esempio sul fatto che i tedeschi stanno mettendo in ginocchio quello che resta della industria italiana. I liberisti che non affrontano questo problema enorme e che si accodano alla signora Merkel mi fanno francamente pena.

 

Ma per esempio sul fatto che i tedeschi stanno mettendo in ginocchio quello che resta della industria italiana. I liberisti che non affrontano questo problema enorme e che si accodano alla signora Merkel mi fanno francamente pena.

Può darsi, ma per capire questo (potenziale) problema basta il trilemma di Mundell.  La teoria di Brancaccio è piuttosto confusa, in quanto lui usa un modello "post-keynesiano" che non ammette distinzioni tra breve e lungo periodo.  Questo IMHO è un serio problema.

Peraltro, una parte importante della questione è stata risolta (IMHO; vedremo gli effetti sui mercati lunedì) in quanto Draghi nell'audizione al Parlamento Europeo si è di fatto impegnato a non permettere un calo dell'inflazione Eurozona, anche se ciò dovesse provocare un aumento dei prezzi nei paesi core (per rivalutazione interna).