Titolo

Il governo Monti, i Politici, e la Fase 2

5 commenti (espandi tutti)

A proposito di dichiarazioni imprudenti, a me pare tale anche il maxiconcorso annunciato da Profumo.

Cioe', non mi pare il modo migliore di iniziare a mettere mano ai problemi della scuola italiana. Fare un'altra lunga graduatoria per le assunzioni con le stesse regole di reclutamento e con lo stesso modo di (non) valutare scuole e insegnanti (meglio, di non utilizzare almeno i risultati delle valutazioni esistenti come Invalsi) e' come dire: "avanti tutta come prima".

Non necessariamente: data una domanda di nuovi insegnanti, meglio soddisfarla pescando una lista di idonei formata in un concorso nazionale che attraverso le graduatorie provinciali, dove si fanno punti in molte maniere non legate alla capacità didattiche. Il problema è la presenza di una domanda di nuovi insegnanti. Prima della manovra 1 si poteva prevedere una ondata di pensionamenti, ora non lo so

Vero, meglio prendere da una lista fresca che dalle graduatorie provinciali.  Meglio ancora rendere queste ultime meno rilevanti/vincolanti dando piu' poteri/liberta' (e responsabilita') ai presidi nella fase di reclutamento.

Vero, meglio prendere da una lista fresca che dalle graduatorie provinciali.  Meglio ancora rendere queste ultime meno rilevanti/vincolanti dando piu' poteri/liberta' (e responsabilita') ai presidi nella fase di reclutamento.

Sarebbe un grave errore, almeno fino a quando i dirigenti scolastici non saranno effettivamente responsabili di ciò fanno, sino al licenziamento. Servirebbe solo a creare nuove sacche di clientelismo e a infeudare ancora di più ampie zone del paese.

È senz'altro vero che il meccanismo di reclutamento degli insegnanti va migliorato, ma direi che è ancora più urgente provvedere per i presidi, la cui qualità è in troppi casi davvero imbarazzante. Del resto fino ad oggi sono stati spesso selezionati in modo molto poco trasparente.

totalmente d'accordo. I presidi (o dirigenti scolastici) sono in larga maggioranza politicizzati e mandati su dai sindacati. Ergo rispondono a quest'ultimi, non ad altri. Pessima cosa dar loro in mano il reclutamento. Sarebbe fare come all'università, dove con i concorsi locali si sono fatte le peggio cose.