Titolo

Il governo Monti, i Politici, e la Fase 2

5 commenti (espandi tutti)

quando ho fatto microeconomia serale alla facoltà di economia di Torino 6 anni fa,il il libro era questo:

http://www.libreriauniversitaria.it/microeconomia-pindyck-robert-zaniche... edizione del 2002 mi pare,questa è quella del 2007

e conteneva mi pare anche un capitolo sulla teoria dei giochi di circa 40 pagine,che a lezione abbiamo affrontato in parte.

Il docente era Terna,del corso serale per studenti/lavoratori o lavoratori/studenti :D.

in effetti,guardando l'elencazione del programma di tutti i corsi di micro,non risulta che facciano ancora quel capitolo sulla teoria dei giochi

http://www.econ.unito.it/corsi/info/micro_a

pero' credo che sul libro ci sia,visto che il libro è ancora quell e che tra i vari capitoli citati,viene saltato proprio il 13 che sul mio libro,anche se del 2002,trattava proprio della teoria dei giochi.

Mi pare un po' strano,secondo me,da qualche altra parte,in qualche altro corso deve esserci.Sarà infilato all'interno di qualche altro corso.

Vedo che il corso esiste...o esisteva

http://www.econ.unito.it/corsi/info4/teoriagioc

è dalla specialistica per i corsi fino al 2008/2009,del nuovo ordinamento...tu sei del nuovissimo ordinamento e li non c'è tra i corsi.Devi sperare,ma credo che sia difficile,che quando arriverai alla specialistica,si tenga ancora  e puoi sempre metterlo tra i crediti liberi,cosa che non penso tu possa fare ora nella triennale.Pero' se il corso si tiene e non si sovrappone con altri tuoi corsi e magari è nel secondo semestre quest'anno,potresti comunque seguirlo,anche se poi non dai l'esame,se ti interessa.

Comunque sai vero,che il corso di laurea di economia nella magistrale è solo piu' in inglese (economics)?

http://www.econ.unito.it/didattica/info/dida009

 

questo invece,è il vecchio corso della specialistica di economia,che era in italiano e prevedeva la possibilità proprio di scelta tra il corso di economia pubblica II o il corso di Teoria dei giochi,ma ripeto,credo che valga ancora per poco e per chi si era immatricolato immagino negli anni precedenti,con il nuovo ordinamento.

http://www.econ.unito.it/didattica/info/dida010/economia/pianoeconomia.pdf

hai provato a guardare su klips?

Se proprio vuoi a Venezia ,Economics and Management ,laurea triennale(lingua inglese) ,c è il corso game theory di 6 crediti al 3 anno.Potresti dare le materie che corrispondono nei 2 corsi ,quello in cui sei iscritto adesso e quello di Economics and Management,così ti ritrovi i crediti quando cambi.Qui il corso di studi:

http://www.unive.it/nqcontent.cfm?a_id=93654

 

 

Caro Christian, essendo (insieme a Dino Gerardi) il docente del corso di teoria dei giochi a Torino, sono ovviamente chiamato in causa. Ti confermo che il programma del corso di laurea triennale di Economia e Commercio non prevede un corso specifico di teoria dei giochi. Sono assolutamente d'accordo con te che sarebbe molto utile avere un corso del genere al secondo o terzo anno, ma io sono un "matematico", e quindi la mia opinione conta fino ad un certo punto. I colleghi economisti pensano che corsi su argomenti piu` "applicati" siano ancora piu` importanti. (Non so quanto venga fatto nel contesto del corso di Micro I, ma dubito che siano piu` che cenni).

Il corso esiste nella Laurea Magistrale (LM), che come ha correttamente notato Roberto viene tenuta in inglese e non in italiano. In realta`, non fa neanche parte del piano di studi della LM in Economics --sempre perche' ci sono materie piu` importanti da studiare-- ma di quello della LM in Quantitative Finance and Insurance. Pero` puo` essere seguito anche da studenti di altre LM come corso complementare. Ad onor del vero, devo anche osservare che il corso e` solo per meta` (21 ore) di teoria dei giochi vera e propria, mentre l'altra meta` (21 ore) e` di teoria delle decisioni. Infatti si chiama Games and Decisions (come il vecchio corso in italiano si chiamava Teoria dei giochi e delle decisioni). C'e` pero` un corso di sola teoria dei giochi che Dino insegna al Collegio Carlo Alberto, e che puo` essere frequentato anche da "esterni".

In ogni caso sono a tua disposizione per ulteriori approfondimenti. Un saluto e auguri di buone feste, anche agli altri frequentatori del sito che si sono letti tutto questo OT.

 

Rolllo

Se la tripla l non è uno sbaglio tipografico o un vezzo, condivideresti meco l'origine o l'etimologia?