Titolo

"Operazione Cortina": una polemica inutile

8 commenti (espandi tutti)

Chiariamo questa cosa, perche' e' importante.

L'evasione espressa in euro di base imponibile non dichiarata e' maggiore al nord, quella espressa in base imponibile non dichiarata relativamente a quella tassabile (la % evasa, cioe') e' maggiore al sud.

Il motivo, ovviamente, e' che il reddito tassabile e' maggiore al nord. Somme relativamente piccole evase al sud, quindi, risultano in piu' evasione al sud se misuriamo l'evasione relativamente al reddito tassabile.

Questo ancora prima di aggiustare per il diverso potere di acquisto di 1 euro al nord e al sud.

C'è da dire che proprio sotto la tabella quel rapporto (Economia non osservata e flussi finanziari) specifica che:

"A livello territoriale va tuttavia osservato che questo risultato è in contraddizione con altre stime dell’evasione e con le stime ufficiali dell’economia sommersa, secondo le quali questa dovrebbe essere in media più diffusa nel Mezzogiorno. È però plausibile che, da un lato, i dati utilizzati colgano solo in parte i casi di evasione totale, la cui diffusione si ritiene essere particolarmente accentuata nel Sud"

Comunque è interessante notare come il dato abbia entusiasmato chi da tempo aspettava l'occasione per poter confutare il libro di Ricolfi e le tesi "nordiste", finalmente possiamo dire che si evade di più al nord, wow!!! Basta così poco per essere felici...

Quella maledetta ricerca di bankitalia, è stata ripresa decine di volte dai media per dimostrare che il nord evade di più del sud. Come lei stesso ha dimostrato, la ricerca è corretta perche' nel paragrafo successivo alla tabella dei dati, da la spiegazione giusta. Purtroppo i media si sono fermati alla tabella (come era prevedibile forse), e viene usato per fare propaganda. Ultimo in orgine cronologico è Piero Sansonetti:

http://www.glialtrionline.it/home/2012/01/02/evasione-e-corruzione-benvenuti-al-nord/

che arriva persino ad affermare sulla base di quei dati che

"a occhio e croce, il Sud è dieci volte più virtuoso del Nord"

Sono basito.

Non mi pare complicato. Prendiamo il caso dell'IRAP, confrontiamo le figure 6 e 7 qui:

Espressa in euro per contribuente di quella specifica imposta (non pro-capite, che non ha molto senso, come discusso sotto), figura 6, l'evasione e' simile al Nord e al Sud e infatti la Lombardia e' la regione in testa.

Espressa in euro evasi relativamente a quelli dichiarati, fugura 7, l'evasione e' molto maggiore al Sud, e infatti la Lombardia e' la regione in fondo.

Espressa in euro per contribuente di quella specifica imposta (non pro-capite, che non ha molto senso, come discusso sotto), figura 6, l'evasione e' simile al Nord e al Sud e infatti la Lombardia e' la regione in testa.

La fig.6 che citi, corrisponde ad evasione IRAP stimata per il totale della provincia, non per contribuente IRAP della provincia.  L'articolo e' scritto male e la figura risente delle cattive pratiche all'italiana che enfatizzano sempre l'evasione delle citta'/province/regioni con piu' abitanti, citando i valori totali senza dividere per abitanti o contribuenti. Se osservi bene l'entita' di evasione di quella figura e' sempre maggiore nelle province piu' grandi (es. Milano vs. Sondrio) quando invece l'intensita' di evasione e anche l'evasione assoluta pro-capite e' maggiore a Sondrio, ma ci sono molti meno abitanti. La stessa osservazione si ripete in tutte le regioni, es Palermo vs. Enna.  Non mi vorrai raccontare che a Enna sono al minimo di evasione pro-contribuente assoluta...

Quindi la Lombardia non e' in testa nemmeno come IRAP evasa per contribuente IRAP. La lombardia a me risulterebbe nelle ultime posizioni, e' la regione che sotto tutti i punti di vista evade meno, secondo me. Poi, ritengo che la densita' di contribuenti IRAP sia nel Nord uguale o semmai superiore al Sud, quindi usare gli abitanti invece dei contribuenti non e' molto diverso e semmai fa diminuire l'evasione pro-capite nel Sud.

La fig.6 che citi, corrisponde ad evasione IRAP stimata per il totale della provincia, non per contribuente IRAP della provincia.

Hai, ragione, scusa: sono io che ho letto male.  Erano milioni di euro e la "media" si riferisce al tempo, non ai contribuenti.

Ora che abbiamo chiarito, prendiamo Enna e Milano.

EN e' max nella misura relativa, min in quella in euro.

MI e' mix nella misura relativa, max in quella in euro.

Se il numero di evasori e' lo stesso (cosicche' la probabilita' di prenderne uno anche con solo controlli random e' la stessa) al fisco conviene mandare i controllori una settimana in giro per MI piuttosto che per EN, no? Non c'entra nulla chi vota cosa.

Ma il punto importante in realta' mi pare un altro, cioe' l'efficienza relativa dei controllori. Infatti sia a MI sia a EN ci sono uffici dell'agenzia delle entrate con controllori ben pagati, a tempo indeterminato, e difficilmente trasferibili altrove. Mi aspetto che il rapporto controllati/controllori sia simile, se non superiore ad EN. Eppure li' l'evasione relativa (che adesso e' la misura appropriata perche' non possono muoversi da li' e andare a controllare altrove) e' molto piu' grande ad EN. Siccome la tecnologia per evadere e' la stessa a MI e ad EN, c'e' un chiaro problema di efficienza della PA. Insomma, la lotta all'evasione passa anche dal rendere piu' produttive le risorse che gia' ci sono in loco.

Ora che abbiamo chiarito, prendiamo Enna e Milano.

EN e' max nella misura relativa, min in quella in euro.

MI e' mix nella misura relativa, max in quella in euro.

Non sono d'accordo. Usando le stime dello studio da te citato abbiamo:

Enna, imponibile irap evaso/dichiarato 137.6%, evaso/totale 56%

Milano imponibile irap evaso/dichiarato 6.2%, evaso/totale 5.8%

Usando a spanne reddito pro-capite di Milano 35k Euro, Enna 15 kEuro, e applicando le stime di evasione irap ottengo:

Enna, reddito evaso pro-capite in Euro 8.7 kEuro

Milano, reddito evaso pro-capite in Euro 2.0 kEuro

Quindi Enna e' ai vertici sia per intensita' che per importo assoluto di evasione pro-capite. Spero non si voglia addebitare a Milano di avere piu' abitanti. Lo Stato italiano dovrebbe concentrare le sue forze ad Enna, non a Milano.

Se il problema sono i redditi bassi che secondo qualche buona anima "devono" evadere, quei 4 cialtroni in Parlamento decidano una buona volta di detassarli, sia nel Sud sia nel Nord, anzi nel Nord devono detassarli di piu' perche' la vita e' piu' cara ed un reddito minimo dignitoso e' maggiore. E la smettano una buona volta di usare l'eccesso di evasione nel Sud Italia come scusa per spremere soldi senza limite nel Nord Italia (con l'appoggio degli utili idioti nord-italiani) specie dove oggi si paga piu' che altrove e si evade meno che altrove.

Quindi Enna e' ai vertici sia per intensita' che per importo assoluto di evasione pro-capite. Spero non si voglia addebitare a Milano di avere piu' abitanti. Lo Stato italiano dovrebbe concentrare le sue forze ad Enna, non a Milano.

Nel caso IRAP a denominatore devono esserci le unita' assoggettate a questa imposta (non la popolazione), se no il confronto non ha senso. Anche a parita' di popolazione il numero di imprese e' molto diverso perche' e' molto diversa la distribuzione della produzione per settore di attivita' economica.