Titolo

"Operazione Cortina": una polemica inutile

2 commenti (espandi tutti)

Ora mi domando se domani si riuscisse a recuperare tutto il denaro evaso, la pressione fiscale aumenterebbe di x%, cioè è come se fosse introdotto una nuova tassa. Non sarebbe recessiva?

Certo. Difatti nè in questo sito nè sul mio blog nessuno ha mai propugnato l'idea superfissa che azzerare l'evasione fiscale sarebbe possibile e risolverebbe tanti problemi.
Resta vero che:

-Una quota di evasione fiscale non è eliminabile ed è presente anche nei paesi più virtuosi.

-Una discreto pezzo della nostra economia sommersa, plausibilmente, cesserebbe di esistere se gli operatori fossero obbligati a pagare integralmente le tasse

Questo non toglie che l'evasione sia una forma di illegalità (peraltro molto diffusa e sgradevolmente tollerata dalla nostra cultura) che come tale e insieme a tutte le altre (inlcusi gli abusi di chi vessa le imprese quando fa i controlli) va combattuta.

-Una quota di evasione fiscale non è eliminabile ed è presente anche nei paesi più virtuosi.

Corretto.  Sotto certe soglie (es:8-10%) lo sforzo ed il costo per ricuperare la poca evasione sarebbe superiore al gettito ricuperato. Inoltre per ottenere risutati superiori bisognerebbe  predisporre una sorta di Stato di polizia che turberebbe le dinamiche sociali e politiche.  Quindi se l'evasione supera il 14-15% si puo' pensare di intervenire con intensità (a maggior ragione se supera il 20-25%) ma anche qui a mio avviso gli interventi non sono tanto legati ai controlli ma a due fattori:

1) gli strumenti (per esempio l'incrocio tra dati di stock e dati di flusso, possibili dove esiste una patrimoniale vera) ed il medodo (per esempio esaustivo e non a campione)

2) la riduzione della spesa pubblica, della burocrazia, delle norme astruse e contorte