Titolo

"Operazione Cortina": una polemica inutile

1 commento (espandi tutti)

Possiamo convenire che le tasse sui consumi siano sufficientemente alte da coprire la frazione di spesa pubblica necessaria a garantire giustizia ed ordine pubblico?

Discorso sempre arbitrario anche se l'albergo faceva cagare e costa un occhio tu ci sei stato 3 notti e pretendi di pagare un prezzo diverso da quello che ti chiedono. Non sta in piedi anche se il tuo prezzo e ragionevole e le pretese dell'albergatore assurde non puoi decidere tu, ex post cosa è giusto pagare e cosa no. Se fai così anche in un mondo dove lo stato non esiste, nessuno accetterà di fare scambi con te perchè hai la cattiva reputazione di non voler pagare quanto consumato.

 Sul relativismo delle leggi abbiamo posizioni diverse. 

Qui la faccenda sarebbe lunga. Direi che ci sono almeno 2 equivoci

-Oppressioni grandi e piccole

-Abuso di necessità


Un conto è lo stato non democratico cinese che nega per legge un diritto fondamentale come la libertà di espressione, un altro è lo stato italiano limitatamente democratico che chiede troppe tasse. Per i diritti umani, si fanno rivoluzioni e si possono tagliare teste, per delle multe in cui ti beccano una volta su quattro e se ti beccano la svanghi una volta su due io non vedo in giro gente pronta alla secessione.

Sulla necessità ho scritto più su: non può essere una carta jolly altrimenti qualsiasi regola (non solo la legge) diventa opinabile. Comprensione individuale e al limite perdono (nel senso di ritiro della denuncia) per chi ruba per mangiare, ma in linea di principio tolleranza zero verso chi infrange la legge, altrimenti la legge smette di avere un senso.

 p.s. mi dispiace non aver detto prima che leggo sempre molto volentieri i suoi articoli su noise e che mi scuso se il tono dell'altro post possa essere sembrato troppo aggressivo o eccessivamente sardonico.

Nessun problema, magari possiamo darci del tu