Titolo

"Operazione Cortina": una polemica inutile

3 commenti (espandi tutti)

Non ho mai detto di essere solidale con gli albergatori di Cortina o con i grandi evasori. Forse non sono stato felice, ma credevo di aver parlato di chi evade per necessità. Dal mio punto di vista un'importante e netta maggioranza. Non entro punto su punto. Non farò Cicero pro domo sua. In ogni caso ribadisco il mio diritto a proteggere il mio sudato orto da qualsiasi ladro che sia il rom o lo Stato per me non fa differenza. 

p.s. anche i miei genitori sono dipendenti pubblici, ma non vorrei che l'idea dell'evasione si chiuda nell'opposizione pubblico - privato. L'insegnante può evadere con un doppio lavoro, ma anche accettando di non farsi fare una fattura o molto più semplicemente lucrando sul prezzo più basso conseguente all'evasione fiscale del prestatore d'opera. E' questo il punto. Se l'idraulico mi fa 100 senza fattura, sto evadendo anch'io. Se il fruttivendolo mi fa pagare meno le mele perché è solito non fare la ricevuta (ed io lo so anche se per me la pretendo), sto comunque lucrando sulla sua evasione del reddito prodotto. Credo si tratti di cose da non dimenticare. 

Non ho mai detto di essere solidale con gli albergatori di Cortina o con i grandi evasori. Forse non sono stato felice, ma credevo di aver parlato di chi evade per necessità. 

perdonami però il bliz l'hanno fatto a Cortina, mica contro chi evade per necessità. Se parliamo di Cortina e conveniamo che qugli evasori sono cosa diversa da "chi evade per necessità" quest'ultimo, che c'azzecca?

Inoltre aggiungerei che chi evade per necessità mediamente  finisce nella zona fisiologica (dove non vale la pena fare i controlli) pertanto più o meno verrà sempre lasciato in pace quindi non mi pare il caso di chiamarlo in causa per difendere chi va in vacanza a Cortina.

Credevo parlassimo di chi va in albergo e non vuole pagare, cioè tutti gli evasori. Nel caso stessimo parlando solo di quelli di Cortina chiedo venia mi sono allargato troppo