Titolo

"Operazione Cortina": una polemica inutile

2 commenti (espandi tutti)

Potremmo immaginare che l'evasione fiscale sia una prima fase di un movimento sempre più ampio. Rendiamoci anche conto che le rivoluzioni abbisognano di una pluralità di condizioni storiche tra le quali la componente economica è sicuramente preponderante.

Mi sembra un tentativo ex post di nobilitare un comportamento scorretto. Sono rivoluzionari anche quelli che parcheggiano fuori dalle strisce? E con i partigiani che non pagano il biglietto del bus come la mettiamo?

Tolta una parte di evasore per pura libidine, la maggior parte degli evasori prova a difendere il proprio reddito ed il proprio doppio lavoro.. Il fatto che agli onori della cronaca balzi Cortina è indicativo. Si vuol far apparire l'evasione come un fenomeno per ricchi, ma non è così. Purtroppo si evade per necessità.

Ancora una volta mi pare che si mettano dalla stessa parte della barricata, persone che naturalmente si trovano su fronti opposti. Io tiro la riga in modo diverso:

-da una parte gode di una posizione parassitaria in danno degli altri tra cui gli evasori "grossi e grassi"(EGG),  burocrati e boiardi, politici, professionisti che beneficiano di rendite etc 
-dall'altra  c'è chi si fa il culo per mantenere i parassiti ossia i piccoli evasori fisiologici(PEF), lavoratori dipendenti del settore privato, imprese che competono all'estero, etc

Le tue argomentazioni si fondano sullo sfumare gli EGG nella categoria dei PEF (oltre che sull'abusare del concetto di necessità) non è così perchè gli EGG sono parecchio rilevanti soprattutto in valore.

Quindi i coloni americani e i cittadini parigini non meritano l'onore di essere stati dalla parte giusta della storia.
Non stiamo parlando di parcheggiare fuori dalle strisce. C'è una differenza profonda e si chiama proprietà privata che è un diritto naturale dell'uomo. Parcheggiare non lo è...