Titolo

"Operazione Cortina": una polemica inutile

10 commenti (espandi tutti)

Gilberto, innanzitutto i punti su cui sono d'accordo: dal punto di vista delle entrate e dell'evasione fiscale l'operazione Cortina è quasi sicuramente un fiasco totale.

Non sono d'accordo sull'impatto mediatico, che è quello che voleva l'ADE, e di questo ne sono sicuro: l'impatto emotivo è stato fortissimo, c'è una sola cosa che terrorizza l'evasore: essere fermato per domandargli: scusi lei come se lo è comprato il Cayenne ?
D'altronde questa estate hanno fermato centinaia (c'è chi dice migliaia) di barche per controlli fiscali, ma sui giornali arrivava solo un trafiletto, a Capri ci sono stati due giorni "infernali", ma impatto mediatico zero, per questo serviva Cortina, e, come ho scritto, la prosima operazione sarà magari bloccando Porto Cervo con la Cavour, ma solo per il risalto mediatico, perchè l'operazione mediatica deve rispondere a dei criteri precisi che ho elencato in un mio commento, e Cortina risponde a tutti requisiti (ahitè).

Sull'incrocio dati PRA-GdF credo ci sia un problema: il PRA registra targa, possessore e intestatario di un veicolo, ma non la potenza dello stesso, che è invece registrata sulla carta di circolazione, e non so se è possibile la query sulla sola potenza del veicolo (sicuramente non fino a ieri), da qui la necessità di fermare fisicamente il veicolo o fotografarne la targa (il diavolo è nei dettagli..).

Riassumo: impatto mediatico elevatissimo a costi contenuti, risultati immediati pochi (ma non si cercavano nemmeno), ma contenuto "educativo" elevatissimo, basta vedere le reazioni politiche (di coccodrillo perlatro, questa operazione è sicuramente stata organizzata sotto il governo precedente).

dal punto di vista delle entrate e dell'evasione fiscale l'operazione Cortina è quasi sicuramente un fiasco totale.

Quale dovrebbe essere per te il gettito minimo recuperato dagli ispettori del fisco (o altro criterio quantitativo) per non considerare l'operazione un "fiasco totale"? E quale ammontare un successo?

Mi basterebbe un euro in più di quel che son costati 80 ispettori dell'ADE in trasferta in un giorno semi-festivo.

Poichè non hanno elevato nemmeno una contestazione, direi che è stato un fiasco totale.

Mi basterebbe un euro in più di quel che son costati 80 ispettori dell'ADE in trasferta in un giorno semi-festivo.

Sei stato accontentato: 2 milioni di euro, pare.

Dall'articolo non si evince affatto che i 2 milioni e più sono stati incassati al netto delle spese dei controlli, ma che quello è il totale delle entrate.

Non è possibile fare i conti adeguatamente, ma è più che evidente che una verifica di questo peso (almeno 100 funzionari dal giorno prima sul posto) e con le conseguenze indotte del caso (decine di funzionari impiegati prima, per preparare il blitz, e dopo, tra verifiche successive, gestione amministrativa, contestazioni, cause, mezzi, ecc.) non si giustifica adeguatamente.

Facciamo il ragionamento inverso: se Befera sostiene che per ogni 100 euro recuperati se ne spendono solo 0,85 (con un rapporto di 117,64), questo vorrebbe dire che per 2 milioni ne sarebbero stati spesi solo 17.000,00). Siccome la cifra è palesemente inadeguata, questo vorrebbe dire che il controllo è stato un fallimento!

Prova ne è che Befera ha comunicato solo i dati generali sulla convenienza dei recuperi, ma non quelli relativi alle operazioni svolte a Cortina, limitandosi a indicare la (bassa) somma recuperata.

Il tutto a prescindere dagli effetti depressivi che, localmente, l'intervento ha causato nella Regina delle Dolomiti.

Personalmente, posso appoggiare e comprendere anche strategie di impatto mediatico come i controlli a Cortina, poichè è comprensibile che i contribuenti si educano anche con azioni eclatanti (non credo che il contribuente nasca buono per natura), però le affermazioni di Befera mi sembrano prive di fondamento.E' solo fumo.

A prescindere dal fatto che le cifre sui procedimenti avviati non tornano ("63 accertamenti avviati, 142 sono stati definiti e solo 32 restano pendenti") e che, comunque, ne resta aperta una buona quota di aperti il che vuol dire che la parte più costosa deve ancora venire...

Oh, e' apparsa la possibilita' di rispondere e ne approfitto subito.

Per come e' stata strutturata l'operazione, l'impatto mediatico c'e' stato, ma non sugli evasori, che invece hanno visto come siano usciti indenni dai controlli i negozi (si poteva fare un controllo degli scontrini dalla strada? Si', si poteva e si doveva, cosi' da evotare di sparare cifre che non reggono in sede di contenzioso e di colpire davvero gli evasori e il senso di presidiare i negozi per guardare i registri in uno dei giorni piu' caldi dell'anno quale era, si voleva suscitare odio e terrore nei confronti dei guardiani dell'ADE?

Quanto ai controlli elettronici, basta invertire il giro di interrogazioni: prima vai all amotorizzazione e fai mettere su un HD tutte le targhe delle auto con le caratteristiche che ti interessano, poi fai "girare" quell'elenco sugli eleaboratori del PRA e trovi partita IVA e codice fiscale dei prorpietari. A quel punto prendi questo nuovo elenco e vai a vedere cosa dichiarano. E ti trovi l'elenco di tutte le posizioni sospette d'Italia, senza stare a afre polemiche o senza basarti su statistiche e prendendo di sorpresa anche quelli che l'anno prosismo gireranno alla larga da Cortina. Ci arrivo io che sono un geologo, che si dovrebbe fare cosi', possibile che si debbano fare sceneggiate, se si vogliono  prendere gli evasori? Dato che lo scopo non era di prendere gli evasori, ma di mandare il messaggio "anche i ricchi piangano" a chi si sente tartassato, la modalita' utilizzata per il blitz trova la sua spiegazione. Io, pero', non apprezzo questo genere di rappresentazioni teatrali ed avrei preferito vedere la mannaia del fisco colpire qualcosa di piu' che un negozio su 35 controllati. I commercialisti che aiutano a frodare il fisco sono molto piu' preoccupati da controlli a tappeto automatici, che da un posto di blocco con il maresciallo che ferma tutti. Il messaggio, da un punto di contenimento dell'evasione, avrebbe avuto un risultato pratico molto piu' elevato.

.. per questo era necessario quella messinscena. Ripeto fino alla noia: NON SI VOLEVA COLPIRE L'EVASIONE , ma solo mandare un messaggio di comunicazione del tipo: attenzione vi veniamo a stanare dappertutto. E, ripeto, a leggere le discussioni su fb e sui mass media l'obiettivo è stato pienamente raggiunto. Che poi serva o non serva si vedrà solo nei prossimi sei mesi, quando l'effetto della "campagna pubblicitaria Cortina" si dovrebbe cominciare a vedere.

Sull' Hard Disk della MCTC (provinciale, non esiste un registro nazionale) anche lì io farei un gesto teatrale: dieci volanti che arrivano sgommando nel piazzale della MCTC di Roma, Milano, Napoli, Palermo, immagini di fianzieri che entrano ed escono con delle memory stick in mano (possono anche essere vuote) e dicono: in 30 giorni sapremo i nomi di tutti i possessori di auto di lusso in Italia e quelli non congrui gli mandiamo un bel accertamento fiscale. Il giorno dopo ti faccio vedere che dichiarazioni dei redditi, e per ottenere un successone lo farei a ridosso delle dichiarazioni dei redditi.

Perchè, sia ben chiaro, io parlo della campagna di comunicazione sulla lotta all'evasione fiscale, tutte le altre considerazioni, comprese quelle sulle tasse giuste/ingiuste io le faccio al bar. Come ben sai.

Si puo, si puo... basta creare un semplice bot che accede ad un servizio online come questo, estrapola i dati e li salva in un DB, 1 giornata forse 2 di lavoro http://www.sevim.it/gratis/targa.asp

è sempre per targa, dovrebbero indicizzare il campo kw (non è detto che non lo stiano facendo/fatto), che, da quel che so, fino al 2011 non era ancora avvenuto. Comunque carino il sito, grazie per la segnalazione.

il bot (tipo web crawler) produrrebbe semplicemente una sequenza di richieste in base alla targa (da AA000AA, poi AA001AA ecc.) al sito sopracitato estrapolando con un parser HTML (uno script che legge l'HTML e piglia solo i campi che interessano) i KW e associandoli al relativo numero di targa li salverebbe in un DB. Una query poi nel DB con i filtri per KW restituirebbe tutte le targhe con potenza superiore a es. 100KW. PS. il sito esiste almeno dal 2008.