Titolo

"Operazione Cortina": una polemica inutile

5 commenti (espandi tutti)

Succederà quello che succede negli altri paesi.

Questa gente alzerà le tariffe o deciderà di trovarsi un altro lavoro lasciando il campo a compagnie più grandi e strutturate, che pagano le tasse e che adesso non possono entrare nel mercato causa concorrenza sleale.

Ditte che metteranno i dipendenti in regola, invece che in nero senza tutela e contributi, ditte che offriranno servizi e prodotti garantiti, secondo le normative vigenti.

Aggiungo:
qualora qualche attività veramente importante per la società diventasse insostenibile, allora  l'impossibilità di fare "il nero"  porterebbe ad affrontare il problema (come nei paesi civili) cercando una soluzione. Come si è fatto ad esempio con le badanti, invece di continuare chiudendo un occhio e vivendo di favori e connivenze. 

Appunto... come con le badanti.

Nella  patria d'eccellenza delle medesime, che non a caso sono, in rapporto alla popolazione in percentuali da capogiro rispetto agli altri Paesi, abbiamo fatto finta di niente per anni, chè l'evasione, in realtà, è condivisa ed esercitata con scioltezza "da un sacco di gente per bene"  altro che falsi magri a Cortina a mangiare canederli col Ferrarino).

E adesso, moltissime sono regolarizzate "all'italiana" e molte altre tornano in Ukraina chè i vecchietti, con 50-70 euro giorno, vanno all'ospizio del prete (quando ha posto) e buonanotte.

Io capisco che il livello di discussione di NfA sia spesso distaccato e tecnico, per poter osservare e descrivere un fenomeno in modo "meno retoricamente vuoto" (ecc. ecc.) ma liquidare le osservazioni che facevo sulle conseguenze del fenomeno evasione nelle micro imprese attuali e sugli scenari possibili che si aprono per un sacco di persone in carne ed ossa, che non c'entrano nulla con l'evasione dei loro datori di lavoro, beh, a me fa uno strano effetto. Non escludo d'essere io quello "fuori dal mondo" ma un commentino, ogni tanto, su questi aspetti mi piacerebbe leggerlo.

 

Ma secondo te nei paesi dove l'evasione è combattuta i lavoratori stanno meglio o peggio che in Italia? E in questi paesi, a livello di servizi e qualità di vita, stanno meglio o peggio dell' Italia?

Perchè il combattere l'evasione, e le aziende che esistono solo grazie al nero, in Italia porterebbe alla fine della civiltà mentre tutta l'evidenza dimostra che nei paesi dove queste situazioni non esistono questi eventi NON si sono verificati e si sta mediamente meglio?

Certo il cambiamento non sarà indolore per tutti ma nessun aumento di tasse lo è (e la lotta all'evasione è un aumento di tasse) ma a noi deve interessare lo sviluppo del paese o come faranno gli  evasori a titrare a fine mese adesso?

O gli imprenditori evasori sono tali solo a partire da alti redditi,  prima sono imprenditori che vanno capiti?

A me preoccupa di più la sorte di chi viene sfruttato da questi "imprenditori" in nero e di quegli "imprenditori" che devono chiudere a causa dei concorrenti in nero.

Ruggeri, se ho dato l'impressione di pensare che combattere l'evasione, e le aziende che esistono solo grazie al nero, in Italia porterebbe alla fine della civiltà, giuro che devo farmi vedere da un buon medico (e re-imparare a scrivere in italiano:)

Io sto proprio perorando la causa della sorte di chi viene sfruttato da questi "imprenditori" in nero e provo a riflettere sul fatto che un'azione seria ed incisiva su questa realtà avrà delle conseguenze e saranno pesanti, purtroppo, anche per chi ha la sola colpa di lavorare alle dipendenze dei bischeri in questione.

Penso che sia importante ragionare (socialmente, politicamente, economicamente) sullo scenario descritto proprio perchè è (dovrebbe essere...) ineluttabile, in un Paese serio.

Malinconico si è appena dimesso  perchè qualcuno l'ha convinto che certe "rilassatezze" non sono più compatibili con robe come la serietà, la responsabilità e la rappresentanza politica (proprio perchè prescindono dall'eventuale valore penale dell'accaduto).

Forse qualcosa stà cambiando davvero.

Calzolari lascia stare il medico! :-)

Nel risponderti riprendevo un mio discorso generale, la frase in questione non è specificatamente riferita al tuo commento. Insomma ti ho usato come "straw man".

Per quanto riguarda i dipendenti di questi "imprenditori" e la loro sorte, io sono invece convinto che la loro situazione, dopo un iniziale momento, non può che andare a migliorare e notevolmente.

Dato che la mia è una convinzione  molto "empirica", invocavo un articolo di nfA sull' argomento.