Titolo

La responsabilità indiretta dei magistrati e i privilegi corporativi della magistratura

2 commenti (espandi tutti)

Ma se la responsabilità in un caso del genere fosse solo genericamente dello Stato, dovremmo configurare che lo Stato è, seppure in parte, un'associazione a delinquere?

perché? Di casi del genere, ovvero di errori guidiziari sono pieni tutti i sistemi, non solo il nostro. Secondo me questo caso, per quanto possa sembrare paradossale dimostra la coerenza del sistema, laddove ha comunque corretto un errore giudiziario. Tieni conto che l´errore comunque é passato attraverso una corte d´assise (almeno due giudici togati), una Corte d´assise d´appello, la Cassazione. Possibile che fossero tutti in colpa grave? Il punto é questo. L´importante é che, comunque, il sistema offra la possibilitá di revisione, cosa, ad esempio, non possibile in stati in cui vige la pena di morte.

 Ed i responsabili come persone, non devono pagare? 

Anche con il carcere?

Certo, che devono pagare, o meglio dovrebbero, solo che i fatti a loro addebitabili sono ampiamente prescritti.

Questo esclude la possibilità di un risarcimento per 21 anni in carcere?

No, per la detenzione ingiusta é previsto un apposito indennizzo.

Oggi, con l´attuale codice di procedura, confessioni estorte in questo modo non sono piú possibili, in quanto hanno valore probatorio solamente quelle rese in presenza di un avvocato e previo avviso che si ha la facoltá di non rispondere. Trovo la cosa sacrosanta, il caso in questione ne é  la prova piú evidente.



Vero. Tuttavia se un professionisita fa male un lavoro (un idraulico, un dentista, un chirurgo) è responsabile del danno fatto (anche se non c'è dolo o colpa grave) ed è buona cosa che abbia un'assicurazione per la responsabilità civile.   Perché non prevedere un'assicurazione, come per i medici?