Titolo

Protezione dell'occupazione: alcuni effetti economici e un'idea per riformare

2 commenti (espandi tutti)

Beh, le tariffe vanno anche pesate con il costo della vita. 250 € a Milano è una miseria, in periferia ci campi degnamente.

Il mercato degli sviluppatori sta vivendo un cambiamento quasi epocale. Cercando lavoro per programmatori (senza specificare il linguaggio) la stramaggioranza degli annunci sono relativi a factotum php. Devono sapere html 4, 5, css ogni versione, due rdbms, usare photoshop, sistemista linux, opzionale sapere PHP.

.NET poca roba (soprattutto asp), Java qualcosina, Ruby non si vede ancora, C / C++ spariti. Il paradigma web sta sfondando. 

Ovviamente in Italia non sai mai cosa offrono se non ti chiamano, però il fatto che alcuni di questi lavori sono presentati come "stage" formativi con il solo rimborso spese... non credono offrano gran ché.

Odio profondamente questa cialtroneria...

Parlo in prima persona, faccio il consulente informatico. Ho vissuto 7 anni a Milano, 4 a Dusseldorf e da gennaio sono a Londra.

Posso confermare anche per mia esperienza diretta che i prezzi sono quelli, a parte in finanza dove si parte dai 600 pounds al giorno e si arriva ai 1000 (sempre per programmatori Java).
La vita a Londra complessivamente non e' piu' cara di Milano. Case e trasporti costano di piu' ma paghi un filo meno tasse e la vita in generale (vestiti cibo servizi) costa abbastanza di meno. In Germania costava molto di meno ma le tasse sono piu' alte che in Italia e devi pagare la sanita' privata se sei professionista.