Titolo

Due implicazioni del caso Lega Nord

1 commento (espandi tutti)

Un pezzo di paese, con istinti diversi da quelli che sembrano essere alla radice del declino, esiste.(...)È probabile che un elettorato con simili istinti costituisca anche la maggioranza del Movimento 5 Stelle. Insomma, esso esiste e, anche se non maggioritario, è sostanziale. Ma tale elettorato non solo appare essere minoritario, esso appare anche essere ignorante e poco intransigente, disposto ad accettare uomini della provvidenza piuttosto che programmi politici credibili, credulo di promesse salvifiche piuttosto che di riforme concrete e di cambi istituzionali veri.(...) Detto altrimenti: prono a credere che basti mettere dei politici "buoni" alla guida di una macchina statale completamente identica a quella esistente per poter ottenere risultati migliori e che il problema non sia, invece, quello di cambiare lo stato, ridurne i poteri, introdurre meccanismi di responsabilizzazione, eccetera. (...)Una lebbra, platealmente, cattolica: gli uomini buoni, si sa, fanno i miracoli qualsiasi siano le circostanze. Basta trovarli ...

Sì, esistono. Ne conosco parecchi. Leghisti della prima ora, leggero sbandamento con Idv  e ora M5S. Report e Travaglio sono la loro bibbia. L'unico dubbio: forse comprendono che la riforma del paese è prioritaria rispetto ad ogni "uomo della provvidenza" ma, in mancanza di alternative, ad esso si affidano.