Titolo

Due implicazioni del caso Lega Nord

4 commenti (espandi tutti)

Tutto molto bello ma... come mai la cattolica Austria e la cattolica Baviera non hanno gli influssi "negativi" della religione cattolica?

Io non ho scritto che gli elettori italiani eleggono cialtroni senza valutarli adeguatamente perche' sono cattolici, io ho scritto che lo fanno 1) perche' l'istruzione di massa e' stata tardiva in Italia e tuttora il livello medio di istruzione e' basso (entrambi i fattori valgono anche rispetto ad Austria e Baviera) 2) perche' le elites italiane, particolarmente in questo caso quelle cattoliche e social-comuniste, sono di bassa qualita'. Le elites bavaresi e austriache sono di qualita' nettamente superiore.  In parte, cio' dipende dal fatto che l'Austria e' stata per secoli centro di un impero in competizione militare serrata con la Francia, la Spagna, la Turchia, la Prussia e la Russia, per poter competere militarmente senza soccombere evidentemente le elites austriache hanno imparato che e' conveniente avere cittadini istruiti piuttosto che sudditi analfabeti da abbindolare con favole e superstizioni. In Italia invece le elites, forse anche per il passato di dominazione barbarica, sono state storicamente piu' interessate a sfruttare i sudditi locali, mantenuti ignoranti e superstiziosi, piuttosto che a competere con le altre potenze europee anche nel campo dell'istruzione del cittadino medio. Quale che sia la ragione ultima, sta di fatto che il comportamento storico fino ad oggi delle elites italiane mostra la loro scadente qualita' nel confronto europeo.

So cosa hai scritto, infatti non ho risposto a te ;-)

Riapro questa discussione per segnalare un'interessante ricerca (fonte NBER) che essenzialmente propone in modo articolato la tesi di questo commento circa la relazione tra rivalità militari, promozione dell'istruzione di massa da parte delle élites e processi di democratizzazione, portando a sostegno anche dati statistici.

Grazie del riferimento. Le mie fonti sono oltre a riflessioni personali testi come D.Landes, The Wealth and Poverty of Nations.