Titolo

Due implicazioni del caso Lega Nord

4 commenti (espandi tutti)

l'idea che gran parte dei mali del mondo siano originati da complotti internazionali, oggi come oggi spacciati come diretti da Goldman Sachs, oppure le teorie sul signoraggio.

Nel caso delle tesi signoraggiste dobbiamo storicamente dare la colpa all'altra parte politica, per così dire.  Le tesi in questione sono una versione un po' aggiornata del cosiddetto social credit, compreso il cosiddetto teorema "A + B" che nomi del calibro di Ralph Hawtrey e John Maynard Keynes si presero la briga di confutare.  Per essere chiari: l'autore di questa teoria (Clifford Hugh Douglas) espresse idee chiaramente antisemite, sul modello dei famigerati protocolli di Sion (complotto dei banchieri internazionali ecc.) e la sua teoria fu ripresa sì da intellettuali di sinistra ma anche da uno come Ezra Pound.

È poi ovvio che la tesi signoraggista odierna trova attrattiva un po' ovunque: ci fu anche un'interrogazione parlamentare al riguardo, e non venne da un partito di estrema destra.

Si sta parlando della situazione italiana. Il "signoraggio" come teoria complottista nasce sicuramente in ambienti di destra ma, in Italia, è diffusa in ambienti di sinistra. Lo stesso successe qualche hanno fa per la teoria che negava la correlazione AIDS -HIV. Non voglio far psicanalisi da due soldi (anzi gratis) ma penso che per alcuni  sia più facile pensare che il comunismo non abbia funzionato per complotti internazionali piuttosto che per problemi intrinseci e questo può aver creato in loro una certa predisposizione a farsi affascinare dalle teorie complottiste.

Grazie dell'approfondimento. Non vorrei dare l'impressione che accuso unicamente una specifica parte politica della pessima acculturazione politica degli italiani, in generale tutte le elites di tutte le parti sono responsabili.  La LN non manca di dare il suo contributo alle teorie sui complotti. Il contributo di propaganda e disinformazione dei comunisti e' piu' documentabile perche' ha lasciato molta documentazione scritta, cosi' come la disinformazione e propaganda nei giornali di proprieta' delle grandi imprese assistite.  Destra, la parte dei cattolici non cattocomunista, e altri fanno propaanda non meno deleteria ma con minore documentazione scritta oppure scritta dove non leggo (es. Libero e Giornale). L'intossicazione dovuta a propaganda di bassa qualita' ha comunque reso permeabile anche le masse di sinistra a queste tesi sul signoraggio provenienti da intellettuali di destra, del resto mi sembrano tesi congeniali anche per gli aderenti alla sinistra.

(ot) concordo

tizioc 4/5/2012 - 14:03

Concordo sia con Ruggeri che con Lusiani.  Io ho citato la storia internazionale di questa teoria, perché pur essendo abbastanza convinto che anche in Italia fosse stata promossa da ambienti di destra non avevo prove dirette a riguardo.  Che poi la tesi sia stata adottata anche a sinistra è facilmente spiegabile visto anche il grande calderone che è oggi Internet; e sarebbe illuminante sapere come si è arrivati all'interrogazione di cui sopra.  Peraltro le sinistre hanno anche una visione del mondo "di produzione propria" (spesso errata e deleteria) con cui fare i conti; si va da considerazioni piuttosto ragionevoli sul carattere della finanza, ai retaggi della tradizione marxista, alla dietrologia cospirazionista vera e propria.