Titolo

Per usare bene il bisturi occorrono endoscopi efficienti.

4 commenti (espandi tutti)

Non si potrebbe creare un portalone unico e obbligare chiunque abbia capacità di spesa  a fare data entry manuale di ogni operazione?

Una cosa del tipo: affinchè un ente qualsiasi spenda anche un solo euro occorre che

1-Un qualche valletto faccia data entry dei dettagli della spesa

2-Salvato il record, il valletto stampi la pagina di sintesi su carta 

3-Il barone di turno appone firma sigillo e ceralacca sulla cartuscella e la spesa diventa autorizzata

 

In questo modo il burocrate medio è convinto di fare una delle procedure burocratiche che tanto ama, ma nel frattempo ci troviamo un bel database alimentato in tempo reale.

 

No data entry, no party. Perchè no?

Punto 1
Il data entry si fa già troppe volte: acquisto di un libro in una biblioteca universitaria, e automatizzata più o meno allo stato dell'arte: inserisco il prezzo per chiedere il preventivo, lo inserisco nell'ordine, lo reinserisco quando arriva il libro insieme ai dati della fattura, la collega dell'amministrazione ha già inserito l'importo dell'ordine per chiedere il CIG, lo reinserisce quando paga la fattura... insomma, non c'è un modo di ottenere i dati senza aggiungere un'altra data entry?

punto 2
in un'altra vita immatricolavo auto alla motorizzazione. Alle 11, quando tutti gli uffici provinciali immatricolavano, il sistema andava a passo di lumaca.
Pare che lo stesso succeda al portale http://www.autoritalavoripubblici.it/portal/public/classic/Servizi

per richiedere CIG e CUP (che più o meno è una buona approssimazione di quello che proponi: senza CIG non si può pagare niente... visto che l'hanno già fatto?)

Il problema della lentezza del punto 2 è risolvibile, basta fare le cose per bene.

 

Il punto 1 lo rovescerei: voglio il data entry per le mie finalità conoscitive e di monitoraggio della spesa, dopodichè il dato inserito si può recuperare e mettere a disposizione per tutte le altre finalità (fatturazione, archiviazione etc).  

voglio il data entry per le mie finalità conoscitive e di monitoraggio della spesa, dopodichè il dato inserito si può recuperare e mettere a disposizione per tutte le altre finalità (fatturazione, archiviazione etc).

e tra l'altro non ho mai sentito menzionare i dati così raccolti per la spending review.

 

Devi richiedere il CIG per la singola spesa (la G sta per "gara", si suppone che a monte di orni decisione di spesa ci sia una gara  per scegliere l'offerta più vantaggiosa, che non è sempre vero) e poi il codice va riportato su ogni fattura relativa alla spesa. Il problema è che il software per la richiesta CIG non dialoga con quelli operativi, nel mio caso il gestionale della biblioteca, per cui non posso recuperare il dato dell'importo, che comunque sarebbe aggregato per l'intero ordine, mentre a me serve il valore dei singoli libri.  

Comunque, faccio un esempio, proprio ieri mi è arrivato un preventivo di un fornitore solitamente affidabile, che mi ha offerto lo sconto del 21%... solo che ha sovrastimato il costo dei libri: un catalogo di mostra del Louvre a 49 € prezzato 79,90 di base, per esempio.  Se non me ne accorgevo, facevo spendere un centinaio di euro in più su un ordine di quattro libri, e tutto l'inserimento in una database centralizzato non serviva a niente (anche perché hai un CIG per 360 euro di "materiale bibliografico"... senza sapere i prezzi di mercato di quello che c'è dentro non puoi giudicare se è un prezzo congruo. )

 

Allora, oltre il data entry dell'importo, dovresti acquisire anche i preventivi e la composizione analitica della spesa: pensa alla sanità. Richiedo una autorizzazione di spesa di Xmila euro per "materiale di consumo", poi dentro ci sono i cerotti o le siringhe usa e getta a dieci euro l'uno.  

Ci sarebbero due possibilità, una è far diventare il Consip un "superportale" dove uno possa vedere i prezzi di tutti i possibili  fornitori, una specie di Kelkoo o MisterPrice per la PA, l'altra è definire i vari programmi gestionali in modo da farli colloquiare col database di monitoraggio. Oppure il controllo si potrebbe fare sulle somme erogate dalle banche che fanno il servizio di tesoreria ai creditori, se quello che serve è il dato quantitativo aggregato