Titolo

Per usare bene il bisturi occorrono endoscopi efficienti.

4 commenti (espandi tutti)

è vero! Ma rimane la difficoltà, per come la cosa è stata fatta, separare il loglio dal grano. Come trovare i suggerimenti originali fra 100000?

Molti suggerimenti sono per forza relative a situazioni che tutti conoscono compresi Monti, Giarda e Bondi. Non è ancora il tempo di usare la lima fine ci sono ancora  canali di colata e bave. Ma gli sprechi(=furti) evidenti sono a vantaggio della casta e chi li tocca muore, come i fili della luce.

Le tecniche ci sarebbero, penso

anche questo è vero, seppur non sufficiente per produrre risultati positivi. A maggior ragione se, come ci scommetto, il 90% delle proposte si riduce a copie precompilate di proposte di taglio delle spese militari (con particolar riferimento agli F-35 su questo sito già trattati in senso divergente), a proteste contro gli stipendi e i privilegi dei parlamentari e a frizzi e lazzi vari.

Scommetto che, se qualcuno ha inviato proposte innovative, magari addirittura ben circostanziate, anche senza una compilazione categorizzata e richiedente il rispetto di determinati criteri, sarebbe facile individuarle, se solo si volesse. Resta il fatto che, supposto che si voglia individuarle, resta ritengo insormontabile la giusta obiezione di Lanfranconi, soprattutto se si include nei vantaggi della casta quello di procurarsi i mezzi per alimentare le clientele.

con il metodo sopra accennato della "peer review" si potrebbe far molto, ancor più se le proposte venissero strutturate come brevemente indicato ma facilmente intuibile, con un'analisi referenziata dei dati su cui si basano, oppure avessero bisogno di ricevere tali integrazioni da sostenitori terzi o un certo numero di approvazioni per ottenere tale verifica da fonti istituzionali (anch'esse soggette a pubblico controllo).
Sono assolutamente d'accordo sul fatto che la maggior parte degli sprechi siano a vantaggio dei poteri forti ma ho dei dubbi sulla loro forza residua di opposizione.
Sono convinto che tale metodo sarebbe più proficuo e meno manovrabile dai medesimi della democrazia diretta propugnata dal M5S, per esempio, mentre penso che potrebbe incontrare i favori di molte delle migliori menti nazionali, anche per interesse privato, anche se assunte nelle istituzioni. Per quelle che sono le mie modeste conoscenze della specie umana dubito che questo possa bastare a far loro sposare la tesi, anche se penso che, qualora alcuni accademici dotati di una certa stima pubblica e inseriti in "salotti" periferici, potrebbero bastare a dare credibilità e un minimo di consenso a una formulazione un po' meno rudimentale di quella su esposta, trovando facilmente sponda in molti giovani impegnati nelle istituzioni, come anche nel privato, e pure in certa parte considerevole dell'arcipelago dei movimenti sia liberali che di sinistra.

Certo Monti, né alcun partito uscente vincitore dalle prossime elezioni, né probabilmente il M5S se putacaso (per assurdo, direi, almeno oggi) arrivasse tra un anno ad avere la maggioranza assoluta, potrebbero, se mai volessero, implementare qualcosa del genere. Ma viviamo in uno scenario di crisi che aumenta le possibilità di variazioni sistemiche indotte da strutture periferiche meglio adattative alla situazione e star dalla parte della ragione offre comunque i suoi vantaggi.