Titolo

Law and economics, in salsa nostrana.

1 commento (espandi tutti)

Re: anonimi

OutLier 7/6/2012 - 20:09

Caro Michele,

raccolgo con piacere il tuo invito a continuare con i commenti sul blog e ti ringrazio per aver chiarito – per chi non  l’avesse compresa – la tua posizione rispetto ai commentatori anonimi.

In effetti non è banale contenere l’intrusione del troll che, celandosi dietro l’anonimato, sceglie deliberatamente di interferire nella discussione con argomentazioni false e pretestuose oppure, senza dimostrare la propria tesi, denigra le idee, il lavoro o la competenza altrui. Mi pare che nessuno in questo blog neghi la possibilità di essere in disaccordo con quanto viene illustrato e discusso nei vari post; proprio per questo è importante però che le proprie affermazioni e convinzioni abbiano una valenza logica, coerente e intelligibile e siano, quando è possibile, comprovabili. Soprattutto è bene che la discussione proceda con stile e buon gusto, vale a dire con educazione. Quando sono presenti questi elementi, pur restando valida l’idea che la posizione paritaria tra interlocutori sia preferibile, l’essere anonimi o noti, a mio modesto avviso, cambia poco e le cose tendono a funzionare piuttosto bene.

Non è forse vero, in fin dei conti, che la forza di un’idea trascende colui che la esprime?

Per il momento gradirei poter restare anonimo, con il benestare della redazione, alle condizioni scritte sopra. Se tali condizioni sono sufficienti a garantire il dialogo costruttivo continuerò a commentare cercando di contribuire nelle mie possibilità, tempo (poco, purtroppo) permettendo.