Titolo

La responsabilità sociale dell'impresa: un dialogo

3 commenti (espandi tutti)

“ Supponiamo che vi siano due paesi dove i fattori della produzione abbiano esattamente la stessa efficienza e che intrattengano relazioni commerciali e finanziarie simili quelle oggi esistenti, [......]. Si supponga che il partito degli alti salari ( qui Keynes intende aumento salariale a completo carico dell’imprenditore) raggiunga i suoi obbiettivi in un paese, ma non nell’altro. Ne consegue che il capitalista riceverà  una più alta remunerazione del capitale investito nel paese con bassi salari. Di conseguenza preferirà  investire i suoi capitali in quei paesi dove sono meglio remunerati. Ne consegue che il paese degli alti salari subirà  una maggiore disoccupazione[......].In conclusione le conseguenze di una estrema libertà  dei mercati che viene concessa alla finanza che investe all’estero dove viene meglio retribuito l’investimento dei capitali, a causa di una diversità  storica e socioeconomica mi a sempre turbato. Fino a che punto è legittimo investire in paesi con condizioni socioeconomiche diverse godendo dei vantaggi dei bassi salari, aumentando e migliorando gli utili delle nostre aziende Nazionali.” J.M.Keynes


Di contro:

Milton Fredeman  " La responsabilità sociale delle imprese consiste nell’aumentare i profitti “

Si supponga invece che il partito della alta remunerazione del capitale (e qui Senyek intende alta remunerazione del capitale a completo carico del lavoratore) raggiunga i suoi obiettivi in un'industria ma non in un'altra. Ne consegue che il lavoratore ricevera' una piu' bassa remunerazione del lavoro nell'industria con alta remunerazione del capitale. Di conseguenza preferira' trasferirsi in industrie dove sara' meglio remunerato. Ne consegue che imprese in un'industria con una bassa remunerazione del capitale subira' un maggiore deflusso di capitali. In conclusione le conseguenze di una estrema liberta' di movimento che viene concessa ai lavoratori che scelgono di lavorare dove sono meglio retribuiti, a causa di una diversita' storica e socioeconomica mi ha sempre turbato. Fino a che punto e' legittimo offrire il proprio lavoro in industrie con condizioni socio-economiche diverse godendo dei vantaggi della bassa remunerazione del capitale, aumentando e migliorando i salari?

bene anzi, ad essere sincero, quasi nulla. Sarebbe così gentile da chiarire?
Grazie