Titolo

Come e dove ridurre la spesa pubblica. Un esercizio di benchmarking

2 commenti (espandi tutti)

Mi sembra che hai fatto un grande lavoro e con criteri corretti, complimenti.

Vorrei comunque ricordare che basterebbe fare qualcosa di molto piu' semplice per ridurre gli sprechi della spesa pubblica italiana, sarebbe sufficiente ridurre progressivamente la spesa pubblica delle regioni che spendono pro-capite piu' della media, con una forza e decisione proporzionali allo sforamento rispetto alla media.  Oppure si potrebbe direttamente allineare le spese pro-capite a quelli delle 3-4 regioni migliori. Ci vogliono pochi aggiustamenti per fare il tutto in maniera equa e soprattutto virtuosa, in modo che per una volta, in Italia, siano incentivati gli amministratori piu' efficienti e meno ladri, e siano penalizzati quelli che rubano e sprecano. Per esempio la spesa sanitaria potrebbe essere equalizzata richiedendo che per ogni classe di eta' sia allineata agli standard migliori, per tener conto della diversa distribuzione di eta'.

sono daccordo

tu dai un criterio di come ridurre la spesa, cosa non coperta dall'articolo. Fatto ciò che tu dici potrebbero anche crearsi risorse per migliorare uniformemente il tutto.

Esempio da asilo: la regione A virtuosa spende a , la B (con metà abitanti con la stessa distribuzione di età) spende b= 0,75a. La spesa di A + B è comunque allineata alla spesa del paese scelto come campione. Se si riesce a ridurre la spesa di B a 0,5A, come dovrebbe essere, si crea un 14% di extra risorse che possono essere usate per migliorare la spesa sia di A e che di B, pur rispettando lo standard esterno. (nel campo della sanità  per esempio si potrebbero coprire almeno in parte, come in Francia e Germania, le prestazioni odontoiatriche). Sono convinto che applicando il criterio di uniformità al migliore interno si risparmierebbe  molto più del necessario creando i presupposti per migliorare per tutti le prestazioni.