Titolo

Una nuova fase per nFA

1 commento (espandi tutti)

Anche io avrei questo tipo di perplessità, se avessi ancora 16 anni, purtroppo ne ho il doppio. Ho sentito fare questo ragionamento in piu' occasioni e si puo' riassumere in "io lavoro per la ditta X anche se sono contrario a certe pratiche di X, ma il personaggio Y che dichiara pubblicamente che X è male non dovrebbe avere/avere avuto nessun rapporto con X". A me sembra piu' logico richiedere al personaggio pubblico Y di seguire lo stesso standard morale che applichiamo a noi stessi.

 

In termini pratici, credo che i wahabiti siano uno dei gruppi piu' retrivi e nemici dei diritti umani al mondo, ma se mi offrissero un lavoro in un fondo sovrano saudita ci andrei a lavorare domani? Beh, evito di fare apprezzamenti sulla coerenza personale di chicchessia. Non sto dicendo che fare discussioni su coerenza/credibilità sia sbagliato in sé, ma almeno si abbia il coraggio di dire "io sono contrario ai contributi pubblici e per questo se domani ci sono contributi per acquistare un nuovo PC e io devo cambiare il PC non li prendo appositamente, anzi se me li offrono li rifiuto". Se riuscite a fare un ragionamento del genere siete persone migliori di me e avete tutta la mia stima, in caso contrario mi asterrei da critiche sulla coerenza di chicchesia. Tra l'altro la situazione è paradossale, perché posto che OG volesse fare il giornalista avrebbe lavorato PER FORZA in un posto che prende contributi pubblici (ah no c'è Mediaset, ahah), cosi' come se fosse stato un avvocato sarebbe stato un iscritto all'Ordine, se fosse stato Professore Universitario avrebbe goduto della progressione automatica per anzianità e esempi a caso a seguire.