Titolo

Aderisco a “fermare il declino” partendo dal PD

8 commenti (espandi tutti)

Anche per me questo e' un fatto osservabile, oggi e in passato, in Italia.

Perfetto gli ambiti territoriali di cui discutiamo riguardano l'Italia, FiD riguarda l'Italia, possiamo fare osservazioni e verifiche in ambiti territoriali più estesi CERCANDO DI TENERE PRESENTE CHE NOI ABBIAMO POCO A FARE CON QUELLE CULTURE, il problema è che quando operano gli opinionisti italiani tralasciano la parte più rilevante perchè la loro pancia gli fa credere di poter  paragonare dei contesti mooolto differenti perchè loro si sentono come gli altri e in realtà hanno poco a che farci.
Le ideologie in italia sono ancora estremamente  radicate, abbiamo una cultura non organizzata e strutturata anche nei ragionamenti  che permettono  di misitificare qualsiasi evidenza, se poi ci aggiungiamo anche una bassa propensione alle regole  e alta propensione ai privilegi ecco tutto diventa opinabile col  culo degli altri.

Tuttavia una parte, anche se credo non tutto, di questa osservazione si puo' spiegare come caratteristica culturale italiana di oggi e del passato, che sia pure lentamente, puo' cambiare.

Esatto, ti faccio presente che qui ultimamente è diventato molto comune cambiare in peggio e che i miglioramenti da noi iniziano quando siamo vicini al fondo, anzi quando si tocca il fondo. Non per niente da noi è usuale dire che sin quando non crolla il ponte non si fa mai niente e personalmente sono arrivato alla conclusione che nel caso dell'Italia, come della grecia, si dovrebbe toccare il fondo per un discorso al di là di quello economico, ovvero come lezione degli errori che portano la nostra cultura.

Negli anni '80 a pochissime ragazze interessavano fisica e matematica, e i migliori studenti erano quasi esclusivamente maschi. Nell'arco di 30 anni non si e' raggiunta la parita' ma ho potuto veridficare sperimentalmente che i migliori studenti di fisica e matematica includono percentuali progressivamente maggiori di donne.

Allora, cerco di definire ambiti e contesto perchè come puoi osservare in altri commenti le parole sono interpretate e manipolate a piacimento, tieni conto che negli anni ottanta ero iscritto in fisica e a quei tempi facevamo analisi con i matematici, infatti avevamo un programma matematico più lungo degli ingegneri.
Posso cercare di interpretare l'attinenza di matematica e fisica per gli ambiti scientifici,  ma i numeri di cui parli in ambito di interesse generale sono estremamente risicati (tra il ridere e il serio, se qualche donne fa una setta dei matematici e ci si mette a creare degli adepti  ti trovi le statistiche tra uomini e donne rivoluzionate :-)  ).
Il caso da me citato dell'informatica, oltre per le mie conoscenze di ambito, ha numeri di interesse generale molto più evelato, sia di studio che di lavoro enormemente superiori.  Ci sono tanti giovani che si interessano di informatica senza neanche avere una laurea breve e se chiunque stallato opinionista vuole andare ad un linux day troverà molti più uomini che donne. La Sardegna ha una grossa comunità linux e di materie informatiche in genere, come la comunità JUG (JavaUserGroup), etc, ...perchè? Molto semplice, da noi c'è sempre stato meno lavoro e quindi si aveva più tempo anche post-diploma e ci si arrangiava studiando tecnologie informatiche per recuperare qualche lavoro. Da un pezzo c'è questo problema di disoccupazione ,soprattutto giovanile,  che si è esteso in Italia, da un pezzo si sta in casa dei genitori sino a tarda età, da un pezzo soprattutto donne e anche uomini lavorano part-time. Ora come si può autodevastare un cervello per convincersi che uomini e donne non ugualmente tempo e capacità per dedicarsi alla politica è per me giustificabile solo per ideologie senza fondamenta e mancanza di ragionare in modalità più strutturata e verificata.
Visti gli ultimi decenni le materie di cui parli e conosci meglio  sono invece una ottima e più attinente materia per argomentare come culturalmente hanno agito i nostri genitori, peggiorando e non migliorando il contesto italiano, basta prendere una laurea inutile (o un diploma inutile) e vissero tutti felici e contenti.

Dagli studi esistenti in proposito sembra che esista, non solo in Italia, un condizionamento culturale per cui le donne non sarebbero adatte alle materie tecnico-scientifiche. Per esempio risulta che a parita' di altre condizioni le donne raggiungono risultati migliori nelle classi femmilili, piuttosto che in quelle miste, dove in maggior misura si sottomettono agli stereotipi culturali.

Uno stereotipo ha un fondo di verità e di evidenza, non è una ideoleogia al di là delle evidenze, può essere usato per rappresentare delle evidenze, e soprattutto per rappresentare che degli ambiti che anche in culture MOLTO PIù PROGREDITE DELLE NOSTRE sono di minore interesse per le donne, e quindi, A MAGGIOR RAGIONE possono esserlo meno interessanti alle donne italiane (in altri ambiti può essere l'opposto). Lo stereotipo è stato usato proprio per dire CHE IN ITALIA SERVE UN CAMBIAMENTO CULTURALE RADICALE, come quello che può portare noi uomini ad avere più scarpe delle donne.

Per quanto riguarda la politica, poi, l'Italia ha una partecipazione femminile particolarmente bassa, in altri Paesi e' tipicamente doppia la percentuale di donne elette, e nei paesi scandinavi la percentuale di eletti donne e' dello stesso ordine degli eletti uomini. Per questi motivi ritengo non si debba considerare lo scarso interesse e la scarsa partecipazione delle donne alla politica come qualcosa di immutabile.

La percentuale di quelli che pensano che le cose siano immutabili sono quelli che lo hanno visto troppo a lungo nella loro vita SOPRATTUTTO CON GRANDI E PICCOLE RENDITE DI POSIZIONE, e che purtroppo lo hanno insegnato ai propri figli.
E' per quello che la mia personale di analisi degli impatti sul verificarsi o non verificarsi di un default in Italia  è propensa ad un default, tanti italioti necessitano di una urgente e severa lezione proprio per effettuare un radicale cambiamento culturale. La mia personale analisi pensa che FiD, se mantenuto e limitato solo in quei 10 punti, avrà un rischio elevatissimo di mantenere nel breve e medio periodo questo iceberg di inciviltà e rendite senza un vero cambiamento radicale culturale, a questo punto la mia personale analisi del rischio e degli impatti dice MEGLIO IL DEFAULT.

Probabilmente una parte corrisponde ad un maggiore sincero interese delle donne per i figli (che si puo' spiegare razionalmente perfino in termini di evoluzione), una parte riflette un conformismo alla cultura tradizionale che sia pure lentamente puo' cambiare.

Tante hanno giustamente delle aspirazioni nel lavoro e nello stipendio, in Italia c'è un problema devastante di tardo inserimento nel mondo del lavoro (ormai è degenarato in elevata assenza), se entri tardi a lavorare ti trovi troppo presto ad un bivio per limiti di età, con lavori generalmente insoddisfacenti, e il marito non è cmq escluso dal problema perche ad una certa età anche il marito vuole spesso il figlio.
Quindi continuo a pensare che non ci sono particolari fattori che impediscono a uomini e donne di iniziare ad interessarsi e dedicarsi alla politica, il problema può essere unicamente dovuto all'età di uscita dalla vita politica, ma nella prima fase sino a 35-40 anni (alla faccia della prima fase :-) ) anche grazie ad Internet  puoi interessarti più facilmente e partecipare più facilmente.
L'interesse tra le donne è minore e in italia si stanno pareggiando dei numeri solo perchè l'italiano maschio è nauseato (a tanti consiglio cmq di prendersi un bello specchio) e le donne hanno generalmente più tempo a disposizione e quindi una piccola parte di queste ci si dedica di più,  ed è vergognoso insultare le persone che lo evidenziano e che usano uno stereotipo per evidenziare una difficoltà elevata come un cambio culturale radicale per invertire i numeri.

Sono abbastanza d'accordo su tutto, quindi riduco il piu' possibile la replica visto che non credo ci sia interesse di pubblico su commenti e dialoghi oltre una certa lunghezza.

E' per quello che la mia personale di analisi degli impatti sul verificarsi o non verificarsi di un default in Italia  è propensa ad un default, tanti italioti necessitano di una urgente e severa lezione proprio per effettuare un radicale cambiamento culturale. La mia personale analisi pensa che FiD, se mantenuto e limitato solo in quei 10 punti, avrà un rischio elevatissimo di mantenere nel breve e medio periodo questo iceberg di inciviltà e rendite senza un vero cambiamento radicale culturale, a questo punto la mia personale analisi del rischio e degli impatti dice MEGLIO IL DEFAULT.

Sono c'accordo, personalmente poi mi preoccupa anche il fatto che il federalismo sia solo il decimo di 10 punti. C'e' il rischio di prolungare l'agonia dello Stato continuando a taglieggiare chi paga le tasse con una presisone fiscale del 55-60% per pagare stipendi e pensioni d'oro ad una marea di politici e dirigenti statali responsabili del disastro. Comunque sempre meglio FiD che almeno propone di diminuire la spesa pubblica rispetto alle stupidaggini reiterate negli ultimi decenni.

Ora per esempio si straparla ora di 1 miliardo di euro di "risorse": che il governo dovrebbe tirar fuori da non si sa dove secondo il circo mediatico, dalle tasche dei cittadini nella realta', per "rilanciare la ripresa" con sconti, bonus, rottamazioni a beneficio di prescelti di Stato "virtuosi" come chiede Confindustria. E queste stupidaggini sono in discussione ora col governo Monti, non oso immaginare a che livello si scenderebbe con Berlusconi o con Bersani nel 2013.

consiglio questa lettura abbastanza indicativa dell'encefalogramma piatto dell' Italia per quanto riguarda l'innovazione: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/09/04/oecd-senza-internet-litalia-non-va-da-nessuna-parte/341754/.

Invece di stupidaggini come tassare le bibite gassate, il governo farebbe meglio a fare uno stuido per capire come mai ad es. in Francia la spesa per la connessione ADSL e' parecchio piu' bassa che in Italia.  Perfino Telecom Italia offriva tempo fa canoni molto piu' bassi in Francia che in Italia.

Recentemente mi e' capitata una piccola esperienza indicativa del malfunzionamento dello Stato. Dovevo fare una banale denuncia, ho scoperto che si puo' farla su web. Tuttavia, siccome il burocrate vuole la sua parte, la denuncia si fa su web ma poi si deve andare in questura a firmarla a mano.  Leggo su web l'orario, sono aperti dalle 8 alle 20 anche di sabato. Vado in questura, tutto chiuso, eccetto il piantone che spiega, si' in teoria la questura e' aperta ma siccome il dipendente allo sportello oggi non e' venuto deve tornare lunedi'.  Ritorno in questura lunedi' mattina, nonostante ci fosse solo un'altra persona avro' aspettato un'ora, ovviamente nessuna fila veloce per chi ha fatto la denuncia via web rispetto a chi la deve compilare materialmente.  Viene il mio turno e ... sorpresa ... nella questura dello Stato italiano la denuncia via web non va, e si fa la denuncia di nuovo, con buono spreco di tempo sia da parte del cittadino sia da parte del dipendente pubblico pagato con le tasse dei contribuenti.

anche l'efficentissimo stato del Maryland in quanto a burocrazia non scherza! Peccato che lo spreco di tempo sia solo da parte del contribuente! Per fare il passaggio da patente TX a patente MD bisogna andare al MVA (motor veicle administration) portandosi dietro una caterva di carte (tutto in doppio perche' se no lo stato di MD non si fida). Ovviamente ti informi on line degli uffici piu' vicini a te (le distanze americane sono arcinote) e dei documenti da portare. EBBENE: per una procedura che in definitiva non richede piu' di dieci minuti io e mio marito abbiamo dovuto andare in due uffici diversi, fare la trafila di ammissione (prendi il numeretto e un civil servant (PA impiegato) ti controlla se la documentazione e' in ordine, andare da due diversi sportelli e richiedere la presenza del supervisor. MORALE: sei addetti del MVA (personale statale MD) hanno trovato sei motivazioni diverse per rifiutarsi di fare la semplice pratica al che mio marito, da bravo US citizen ha detto che non ci si comporta cosi' e che in tutti gli altri stati mostrando la carta di identita' militare (documento federale) la procedura di passaggio di registrazione patente da stato a stao ci era costata solo dieci minuti. Il supervisore si e' preso cinque minuti, ha riesaminato per la settima volta le carte e ci ha detto che per questa volta ci facevano un piacere! Alla modica cifra di 45USD. Notare che lo stato di MD (dove abbiamo perso quattro ore tutta una mattinata al MVA) e' uno stato DEMOCRATICO, mentre lo stato del TX e' retto dai repubblicani (stesso costo ma tempo perso solo dieci minuti) 

e io pago!! diceva Toto'

Mal comune mezzo gaudio, ma scommetto che la gentilezza e l'organizzazione della burocrazia del  Maryland siano comunque incomparabilmente meglio degli standard italiani. In ogni caso, purtroppo, e' uno dei tanti segni che gli USA sono in decadenza, secondo me senza interruzione dal 1960-1970 almeno. Sia pure con civilta', organizzazione, trasparenza e gentilezza inarrivabili dall'Italia, anche gli USA stanno progressivamente aumentando la burocrazia formale e l'importanza dei legulei con le stesse nefaste conseguenze della vecchia Europa e delle sue propaggini peggio organizzate come l'Italia.

La gentilezza migliore in USA e' un fatto soggetivo (l'impiegato per ripicca, obbligato dal supervisore a lavorare parlava con un accento talmente pessimo che nemmeno il mio marito USA per nascita capiva le domande a cui dovevo rispondere)

In Italia usare le procedure on line per fare qualsiasi cosa e' un nightmare : tutto al finale lo devi rifare di persona a piedi e perdendo giorni di lavoro, non ore . Potete anche non credermi sulla parola, ma le trafile alla agenzia delle entrate sia al sud (Pozzuoli) che al nordest (Padova) sono identiche e non ti salvi lavorando on line: DEVI sempre andare di persona e perdere TANTO tempo. Sembra che solo in PA il tempo non sia denaro!

partiamo da qui:
http://www.key4biz.it/News/2012/08/28/Tecnologie/banda_larga_PIL_Arthur_D_Little_212245.html

gli ambiti qui sopra sono prevalente sulla componente Communication Tecnology, ovvero si focalizza cmq su raffronti di benefici legati tra la capillarità vs capacità della banda di accesso internet.

Non dimentichiamoci comunque  che il nostro paese è attualmente questo:

http://www.linkiesta.it/computer

Infatti le conseguenze le abbiamo pricipalmente allargando l'ambito a tutto l'ICT, ci si dovrebbe chiedere quanto invece incidono sul PIL gli investimenti tra IT e CT, ovvero quanto conviene investire su ognuno tenendo presente ambedue le due macro aree, infatti , oltre alle aziende la PA ha dei limiti di automazione dei processi ed è culturalmente indietro di almeno un decennio rispetto gli altri paesi su cui si operano i confronti.

Non a caso, oltre alle problematiche operative che tu hai citato abbiamo anche normative dei tempi del cucco che ridicolizzano le sparate dei nostri grandi politici sul fare tutto online. Immagina che il nostro assessore regionale al turismo che professa cambiamenti rilevanti grazie al web, portali semantici, informazioni da raccogliere dagli operatori, etc.. etc..., probabilmente non sa, come dice il sito SUAP della regione sardegna, che non si può aprire un'agenzia di viaggio online, infatti l'agenzia di viaggi  DEVE AVERE  UN LOCALE COMMERCIALE .... A PRESCINDERE (chissà perchè mi viene in mente TOTO' :) )

A che servono le procedure informatiche se devi rifare la pratica a mano? Forse l'OECD non ha ancora afferrato appieno la gravità dei problemi italiani.

 

Comunque la prossima volta che devi denunciare un qualsiasi reato ricordadi ti dire che sospetti il colpevole sia SB: troverai frotte di magistrati che sgomiteranno per accaparrarsi l'indagine!

;-D