Titolo

Fermare il Declino - La storia vera

9 commenti (espandi tutti)

Massimo guarda che si può benissimo essere contro i parcheggiatori abusivi e a favore dei matrimoni tra omosessuali, eh? Non c'è un trade off tra le due cose.

dovrebbe significare che si deve avere un minimun set di politiche da applicare e rispettare, se tu vai in un paese civile non hai il livello quotidiano di degrado di quello italiano, e sicuramente si può permettere di avere un livello ancora superiore di civiltà, come affrontare e risolvere il problema del matrimonio tra omossessuali (cmq più facile da risolvere perchè non hanno lo stato del vaticano all'interno del loro stato).

Ci sono oggettivamente delle priorità di base da affrontare legate ad un declino, le popolazione di tante nazioni convivevano e convivono civilmente anche senza i matrimoni gay e problematiche etiche similari, invece altre che si vantano di essere leglio degli  altri, generalemente convivono con  inciviltà quotidiana che ormai rasenta il terzo mondo.

Il punto che da evidenza del declino non è che una "cosa" non esclude l'altra, è che attualmente manca una "cosa" di base che nessuno vuole affrontare, al di là delle problematiche economiche e similari.

ben detto

giuliana allen 13/8/2012 - 12:00

condivido, vedrai pero' che ti bacchetteranno per gli errori di battute sulla tastiera e si perderanno per queste quisquiglie

scrivi il tuo e-mail a francesca.chiaromonte@gmail.com grazie

giuliana allen

essere bacchettato sulle quisquiglie su cui si aggrappano i "siamo meglio degli altri".

La frase in oggetto non l'ho usata a caso, è la classisa frase rifugio dell'incivile ipocrita, quando,  nella solita discussione cerchi di spiegare che non puoi tollerare da nessuno determinati comportamenti incivili, messi al muro da una serie di evidenze alla fine ripetono tutti come un clichè la stessa frase:

"MA A ME NON MI DISTURBA"

 

ma attenzione a non generalizzare troppo.
Anche in altri paesi esistono casi di forti disuguaglianze, di razzismo e discriminazione, conflitti etnici, culturali e religiosi, ecc.
Se metti la questione su un piano moralistico ed etico, nessun popolo può dire che è migliore dell'altro. Per la semplice ragione che non è possibile eliminare certi comportamenti.

Più che altro occorrono degli incentivi, affinché si possano limitare in parte, e in questo l'economia è fondamentale.

dire senza ipocrisia e timore "A me disturba" e soprattutto agire di conseguenza, la componente economica in Italia è addirittura paradossale, siccome abbiamo vissuto nella bambagia grazie a tante rendite diffuse facendo 2000 miliardi di debito pubblico, ipnottizzato da famiglie cattoipocrite e sinisbuoniste,  si conclude che tutto deve funzionare così nonostante sia facilmente dimostrabile andando a poco prezzo in qualsiasi nazione europea che la civiltà vera è possible.

In Italia sta storia economica è una buffonata, ti si ritorce contro, bene ci sono più soldi per tutti, io vado di più in giro per Cagliari e di più a mangiare nei locali, la mia vita migliora? NOOOOOOO, un incubo che si ripete con più frequenza: adesso le orde di pakistani con le rose non solo non ti fanno mangiare in santa pace perchè ti assillano e ti interrompono a tavola ogni 10 Minuti, ma adesso iniziano ad assillarti anche dalle 19 in poi per strada quando cammini in compagnia. 

Lo credo io che il sindaco Zedda pensa ai matrimoni gay, attualmente se si baciano due uomini o due donne per strada  i venditori di rose o chincaglierie (quello che consideriamo il nostro fabbisogno lavorativo) non si avvicinano manco se li paghi, dobbiamo diventare tutti gay, per un pò almeno vivremo tutti meglio :)

 

L'economia

Andrea Grenti 14/8/2012 - 14:28

è una scienza sociale, non si occupa mica di "distribuire soldi" e basta.
Gli economisti tentano di capire e studiare le varie tematiche e i problemi che si riscontrano in qualsiasi comunità, per questo è fondamentale che le basi dell'economia debbano essere insegnate alle persone, e da queste comprese. Per non ripetere gli errori del passato.

I venditori ambulanti non puoi mica farli sparire, anche se lo Stato trovasse il modo di interrompere la loro attività sarebbero più i costi che i benefici tratti (per esempio devi impiegare più forze dell'ordine, oppure rinunci a controllare una zona piuttosto che un'altra, ecc.).
Inoltre, a quel punto dovremmo vietare allora anche il volantinaggio o altri tipi di attività ambulanti; non so te, ma uno stato di polizia non è auspicabile per tanti motivi...
Oltre al fatto, che comunque un modo per eludere queste restrizioni lo troverebbero, o perlomeno cercherebbero di farlo.

Se continuano a circolare nella stessa zona, significa che qualcuno le compra le cose che vendono o no? Vorresti vietare anche alle persone di acquistare dai venditori ambulanti?
Possono continuare l'attività purché non ostacolino la libertà individuale di ognuno, ma che in un luogo pubblico (anche privato a dire la verità) non può comunque essere mai assoluta.

"si conclude che tutto deve funzionare così nonostante sia facilmente dimostrabile andando a poco prezzo in qualsiasi nazione europea che la civiltà vera è possible."

Se facessi politica la prima cosa che cercherei di fare è una convenzione con RyanAir che ci andrebbe a nozze con una bella pubblicità provocatoria per l'italia:

"La civiltà esiste e con RyanAir potete venire a vederla"

Sarebbe controproducente? Non è detto 

Mi sembra che hai ragione.