Titolo

Politica fiscale e crescita

1 commento (espandi tutti)

Credo che la chiave di tutte le discussioni sull'efficacia dei differenti tipi di politiche sia quello affrontato alla fine di questo articolo.

Per valutare correttamente gli effetti di politiche fiscali e/o di spesa pubblica è indispensabile partire dalla condizione iniziale del paese. Aumentare le tasse in un paese in cui la pressione fiscale è del 20% rispetto ad un paese in cui la stessa supera il 50% non avrà probabilmente gli stessi effetti, sia a breve che a lungo termine. Lo stesso vale per le variazioni di spesa pubblica rispetto al PIL, sia in termini assoluti che pro-capite.

Inoltre per la spesa pubblica avranno probabilmente influenza anche la sua composizione ed efficienza. Per esempio la parte corrente rispetto a quella per investimenti, o quella direttamente finanziata dalle tasse rispetto a quella a debito per la composizione. E per l'efficienza vale lo stesso discorso.

Posso pensare per esempio che una riduzione di spesa dovuto ad un aumento della "produttività" nell'erogazione dei servizi abbia effetti piuttosto differenti dalla cancellazione di un intervento pubblico "necessario". Per esempio il supporto alla ripresa delle attività produttive in zone colpite da calamità naturali.

Entrambi sono riduzioni di spesa, ma se la prima posso pensare abbia effetti espansivi, la seconda avrà quasi certamente effetti recessivi.