Titolo

Come dilapidare i frutti di una riforma epocale. Condannati a crescere!

1 commento (espandi tutti)

perchè i cittadini stanno pagando le pensioni di chi non le ha pagate in proporzione, narcotizzati da frasi ridicole come "i diritti acquisiti" e che trattiamo come se fossero frasi religiose, e perchè l'INPS/INAIL pagano spese di assistenza sociale (molte assegnate in modalità ingiuste) finanziate da proventi che sono poi accreditate  in unico calderone e che invece andrebbero scorporate .

Quando la gente non capisce che i soldi pagati di propria tasca per la pensione devono pagare pensioni "giuste" e rimanere all'interno degli isituti che le eroga ecco che si trova naturale finire di fare il gioco di chi  vuol fare  ammuina .
Da una parte i risparmi pensionistici si utilizzano per costruire bilanci statali palesemente falsi e dall'altra ci si inventa tassazioni allucinanti che finiscono all'INPS e che  non ci hanno niente a che fare.

Diventa evidente che se siamo narcotizzati dentro e molti pensano che le pensioni debbano essere pagate da altri risparmi statali e che non centrano una beata mazza con il capitolo pensionistico, poi ti trovi lo stato che fa ammuina e sfrutta il criterio da cervello anenstetizzato per fare l'opposto, ovvero alimentare le pensioni e indennità varie con nuove tasse che non centrano niente.

Mitica è la tassa di imbarco aereo di due euro, abbiamo turisti che finanziano l'INPS senza ricevere alcun contributo pensionistico o di indennità varie, che ne so,  se cade l'aereo diamo una indennità ai parenti dei morti per dirne una inventata a casaccio.

A me quello che da fastidio dei meccanismi italiani ormai radicati nelle persone e che non si cerca di applicare soluzioni mantenendo fermi criteri di attinenza, giustizia ed equità, l'Italia è la nazione industrializzata (ancora per poco) dove l'ingiustizia si impenna, infatti avere delle soluzioni che riportano un pò di ricchezza MA CHE MANTENGONO E ALIMENTANO ANCORA PER TANTI ANNI LE INGIUSTIZIE le ritengo inadatte per qualsiasi insegnamento culturale futuro, meglio il default.