Titolo

Come dilapidare i frutti di una riforma epocale. Condannati a crescere!

11 commenti (espandi tutti)

Forse il fatto che dal 1990 al 2008 in base ai dati citati qui: http://en.wikipedia.org/wiki/World_energy_resources_and_consumption i consumi procapite di energia complesivi degli USA siano diminuiti, e non AUMENTATI ESPONENZIALMENTE mette le cose in una prospettiva leggermente diversa....

Sai, se sposti le produzioni industriali in Cina (+111% pro capite, +146% totale)...

come spiega il rapporto del DOE, basta guardare le figure.

Basta decidersi se il problema sono i consumi dei paesi ricchi o le centinaia di milioni di poveri che preferiscono mangiare mezzogiorno e sera e vivere in un appartamento piuttosto che morire di fame a zappare le campagne abitando in una capanna.
quanto poi alle soluzioni è inutile arrampicarsi sui vetri, la proposta del titolare del marchio "decrescita" è questa ( scritta letteralmente sul suo MANIFESTO):
L'impresa alternativa vive o sopravvive in un ambiente che è e dev'essere diverso dal mercato mondializzato. È questo ambiente dissidente che bisogna definire, proteggere, conservare, rinforzare sviluppare attraverso la resistenza. Piuttosto che battersi disperatamente per conservare la propria nicchia nell'ambito del mercato mondiale, bisogna militare per allargare e approfondire una vera società autonoma ai margini dell'economia dominante.
Se lo pensate davvero provateci e dimostratelo concretamente....

Ma è possibile che non si riesca a fare un discorso serio senza essere accusato di essere un comunista-decrescista-radical-chic-che-si-fa-le-canne-al-centro-sociale?

Non vedo perchè chi usa un termine come "decrescita" che al di fuori delle sballate teorie di Latouche non ha nessun significato plausibile debba poi irritarsi se gli si fa notare che le teorie in questione sono un cumulo di scemenze.

Il fatto che possano esistere problemi di sostenibilità non è messo in dubbio da nessuno, l'idea che sia possibile risolverli senza incorrere in problemi ben peggiori con la proposta di " pianificare le politiche finanziarie dello stato assumendo uno scenario di stato stazionario o addirittura di decrescita" mi sembra perlomeno ingenua e utopistica.

Decrescita significa

NV 22/9/2012 - 23:42

Decrescita significa semplicemente crescita del PIL negativa.

 

Quando uno stato pianifica la propria poiitica finanziaria nella legge finanziaria annuale fa una previsione sul PIL futuro. Questa previsione o è giusta o è sbagliata, è un fatto empirico, non di ideologia. Tipicamente si prevede che il PIL sia crescente, e si sbaglia. Io propongo di prevedere un PIL costante o decrescente, che probabilemte è più accurato e comunque sbagliare per difetto è meno grave di sbagliare per eccesso.

 

Non ho mai proposto di far decrescere il PIL di proposito, che è quello che dice Latouche e che non c'entra nulla con quello che propongo io, come probabilmente ti saresti accorto se avessi letto quello che ho scritto invece di partire all'attacco contro lo straw man.

Sono anni che prevedo una crescita negativa per l' Italia.

è il motivo principale per cui sono emigrato :)

Il punto allora è semplicemente un uso scorretto dei termini.

In italiano il termine decrescita non ha nessun preciso significato sostanzialmente.

Il significato per il 99% delle persona che si interesssano di problemi legati allo sviluppo è SOLO quello utilizzato da Latouche, dato che esistono termini più precisi e adeguati per definire l'andamento del PIL

STAGNAZIONE quando c'è una crescita prossima allo zero

RECESSIONE qundo l'andamento è negativo

Forse sono termini sgradevoli perchè rendono brutalmente evidenti le conseguenze concrete di un calo del PIL mentre l'utilizzo di un termine apparentemente più neutro e asettico permette di illudersi nella possibilità di evitarle grazie ad una pianificazione governativa, ma anche se metti un tight ad uno spaventapasseri tale rimane ( per rimanere nel "campo" degli straw men )

decrescere [de-cré-sce-re] v.intr. (aus. essere; irr.: coniug. come crescere) [sogg-v]
  • • Diminuire in quantità, volume, intensità e sim. SINabbassarsi

http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/D/decrescere.shtml

 

Non mi sembra arabo, comunque stare a discutere sul significato delle parole ha poco senso.

Curiosità, dove si può trovare un dato che dimostri una sostanziale riduzione della produzione industriale USA e Europa in termini reali che giustifichi l'affermazione "sposti le produzioni industriali" ?

Perchè quando sposti qualcosa lo togli da un posto per metterlo in un altro, altrimenti è arduo definirlo "spostamento".

Se la produzione industriale USA è di 9800 dollari procapite ( 20% di un pil procapite di 49000 dollari ) ed è secondo SOLO alla Germania il dubbio che certe affermazioni siano dettate più da pregiudizi ideologici che da argomenti reali mi viene...