Titolo

Due argomenti fallaci riguardo alla politica fiscale in Italia oggi. I: Austerita' e recessione

1 commento (espandi tutti)

Il ragionamento non è rozzo. E' solo approssimato, come in tutti i modelli. Ma nonostante ciò si trova nei dati empirici, perché le varie componenti in parte si compensano da sole.

 

Tuttavia è del tutto ovvio che non esiste un solo tipo di spesa o un solo tipo di tassazione. Ad esempio è molto differente l'effetto della tassazione a seconda di diverse fasce di reddito. E questo è un risultato tipicamente keynesiano.
Parimenti, anche diversi tipi di spesa hanno effetti diversi. Ad esempio i trasferimenti, proprio nell'analisi keynesiana, hanno un moltiplicatore minore degli investimenti.

 

Per non parlare del fatto che, ad esempio, un'ampia letteratura keynesiana analizza i diversi moltiplicatori e come la spesa pubblica deve essere intesa non solo a creare la domanda, ma a riqualificare l'offerta, anche attraverso la programmazione economica (che non vuol dire che lo stato produce tutto, sia chiaro)

Non c'è proprio nulla di rozzo. Posso capire lei, che magari non conosce l'argomento, ma da Bisin questa accusa è inaccettabile e dimostra un bias ideologico grande almeno come una buca keynesiana.