Titolo

Due argomenti fallaci riguardo alla politica fiscale in Italia oggi. I: Austerita' e recessione

3 commenti (espandi tutti)

non ho letto tutti i commenti e non so cosa ha generato la discussione. Mi aggancio al dato sul costo del lavoro fiat citato da Corrado Ruggeri.

 

Quando Marchionne era l'idolo della sinistra, oh yes è stato anche questo, diceva questo:

"Mi sono limitato a dire quello che penso e che molti dovrebbero già sapere. E cioè che il costo del lavoro rappresenta il 7-8 per cento e dunque è inutile picchiare su chi sta alla linea di montaggio pensando di risolvere i problemi. 

link .

 

Quindi se anche ci fosse chi lavora gratis, al max si potrebbe vendere la panda a 9200 euro piuttosto che 10000. Mi sembra un incentivo decisivo all'acquisto  (sono ironico).

 

 

Nel 2007 la divisione Fiat Auto su 27 miliardi di fatturato ottenne un utile operativo di circa 800 milioni, quindi un margine medio del 3% a cui devi sottrarre oneri finanziari e imposte. Gran parte di quel 3% proveniva dalle attività in Brasile mentre le attività in Europa stentavano. Da allora i margini sono peggiorati notevolmente in Europa ed ora sono in profondo rosso. L'8% dei costi per chi lavora con margini bassi se non negativi è trascurabile?
(non sto dicendo che non esistano possibili risparmi realizzabili in altre voci di costo)

appunto

marcodivice 21/11/2012 - 12:09

 

(non sto dicendo che non esistano possibili risparmi realizzabili in altre voci di costo)

come da oggetto.

 

La mia affermazione di sopra prendila come una piccola provocazione.Affermazione, tra l'altro, che fece pari pari Marchionne all'epoca.