Titolo

Due argomenti fallaci riguardo alla politica fiscale in Italia oggi. I: Austerita' e recessione

1 commento (espandi tutti)

ho letto con attenzione le tue obiezioni e parte del lavoro che mi hai citato nel post precedente. non è ragionevole supporre che un eventuale passaggio dall'euro alla lira sarebbe un pranzo di gala, come direbbe il compagno mao. comunque sia è prevedibile che se il paese sopravvivesse all'uscita dall'euro questo potrebbe portare, una volta scoperti gli svantaggi, tutti i vantaggi della svalutazione. comunque sia questo è uno scenario prettamente teorico. una eventuale uscita di un paese dall'unione monetaria avrebbe delle conseguenze sulla stabilità di tutta l'area eu difficilmente prevedibili e probabilmente pericolose. il problema è che noi tutti stiamo vedendo con i nostri occhi tutti gli svantaggi dell'opzione austerità con aggancio a moneta forte. in particolare, se ragioniamo senza pregiudizi sulle conseguenze che questo tipo di politiche hanno indotto in grecia, anche in termini di sostenibilità del debito (e siamo al secondo default in un anno...), e che stanno portando sulla stessa strada anche il nostro paese e le altre economie periferiche dell'euro, non si può dire che alla prova dei fatti quella che sembra essere l'unica strada percorribile stia portando ad un qualche risultato. la mia impressione è che così com'è fatto l'euro abbia poca vita davanti. le riforme necessarie a farlo sopravvivere dovrebbero prevedere dei meccanismi di recupero della bilancia dei pagamenti (target2) in casi di squilibri strutturali. Lo scenario di rottura dell'unione monetaria è così pieno di incognite che finora è stato ritenuto impercorribile. il caso che citava krugman, quello dell'inghilterra e della francia è interessante perché l'inghilterra era agganciata al gold standard come noi siamo con l'euro. e difendere il gold standard portò ad un fallimento economico da manuale descritto da keynes in uno dei suoi scritti più famosi "le conseguenze economiche di winston churchill". il punto è: se le politiche di austerità coordinate in europa fallissero ( e lo stanno facendo) la rottura dell'unione monetaria sarebbe una necessità, e rischierebbe di avvenire di colpo, per abbandono di qualche paese in modo unilaterale, magari guidato da un partito nazionalista e dai colori poco allegri... saluti m.