Titolo

Perché votare FARE per Fermare il declino, in Pillole

4 commenti (espandi tutti)

il barbuto

beppyz 1/2/2013 - 18:26

p.s. per quanto possa nutrire una piccola comprensione per chi ha votato Mr. B nel lontano 1994 (non tutti lo conoscevano e sapevano di chi si trattasse) il fatto che colui che vi rappresenta sia stato, anche solo in parte, un suo sostenitore in epoche più recenti non mi sconfinfera più di tanto... se si fosse proposto uno tra lei e i suoi esimi colleghi sarebbe stato molto più d'effetto: per affrontare un professore serve un professore!!!

Beppyz, volevo solo ricordarti che tu avrai due voti a disposizione il 24-25 febbraio. Infatti voterai sia per la Camera dei deputati che per il Senato. La conclusione più logica al tuo ragionamento non è quella di NON votare FARE. La conseguenza più ovvia sarebbe quella di darci fiducia votando FARE alla Camera (dove i giochi sono abbastanza fatti dato il premio di maggioranza nazionale) e votare al Senato (dove lo sbarramento è molto alto) chi ritieni possa contrastare Berlusconi con più facilità e vincere le elezioni con più probabilità. Dire che ci voterai in futuro non è molto logico. Avere la possibilità di dare due voti (Camera e Senato) è una grande opportunità. Pensaci. Ciao.

Assolutamente d'accordo. È quello che farò anch'io e consiglierò agli amici preoccupati dall'idea di 'sprecare' il voto. Votare alla Camera (dove l'ordine di arrivo, sia pure con distanza ridotta, non è in discussione) la lista che ha di gran lunga le proposte più serie, cioè quella di FARE, con l'augurio che superi la soglia, e se non ce la fa comunque conquisti uno spazio nell'opinione pubblica. E al Senato (dove la soglia è irraggiungibile per una piccola formazione e dove c'è più incertezza sul risultato) un voto utile a scongiurare lo scenario peggiore (un Berlusconi determinante), che io (turandomi il naso e in omaggio a Renzi) darò al PD.

Attenti che almeno in Lombardia, Veneto e probabilmente anche Lazio raggiungere la soglia al Senato non e' cosi' impossibile come uno puo' pensare.