Titolo

Perché votare FARE per Fermare il declino, in Pillole

1 commento (espandi tutti)

chi non va all'universita' (per lo piu' famiglie a basso reddito) la paga - con le proprie tasse - a chi ci va (per lo piu' famiglie a reddito medio e alto). Non mi sembra equo.

Visto che abbiamo un sistema di tassazione progressiva, la no tax area etc., il trasferimento regressivo che voi date per scontato a me invece pare tutto da dimostrare. Le famiglie a basso reddito facilmente ricevono in servizi dallo stato (sanità, scuola, etc.) più di quanto paghino in tasse: comunque venga speso, è fatica che un contributo negativo diventi una spoliazione.

A voler essere sospettoso, direi questo: voi metterete l'asticella del basso reddito piuttosto in alto quando si tratta di dimostrare che i ricchi rubano ai poveri, ma poi la metterete molto più in basso quando si tratterà di decidere chi ha diritto alle borse di studio. Risultato: la classe media, trovandosi fra le due asticelle, lo prenderà in quel posto.

Il modello US invece NON E' privatocentrico. Alcune delle migliori universita' sono pubbliche, soprattutto in California: UCLA, Berkeley, UCSD...

Guarda che l'UC del mio post è appunto la University of California (l'ombrello sotto cui stanno tutte quelle che citi).

Il sistema di prestiti per quanto mi riguarda rende molto piu' chiaro il costo dell'investimento in istruzione e permette di valutarne meglio costi e benefici.

Il sistema dei prestiti, per quel che riguarda la storia, ha permesso alle università di aumentare enormemente le rette rispetto all'inflazione, senza che a ciò sia corrisposto un pari aumento della qualità dell'insegnamento (anche solo per una questione di diminishing returns).

In questo modo si evita il fenomeno dell' "universita' parcheggio" con fuoricorso pluriennali come succede da noi.

I fuoricorso vengono agitati come uno spauracchio irrazionale, ma:
- il costo aggiuntivo per l'università di un fuoricorso che si presenta solo per dare un paio di esami a semestre, e magari nel frattempo lavora part time, è pressoché nullo, e ampiamente compensato dalla retta che il fuoricorso paga;
- possiamo pensare che sia meglio che uno vada a lavorare piuttosto che stare "parcheggiato" in università, ma in questo momento il mercato del lavoro è limitato dal lato dell'offerta: se lo mandi via dall'università non è che vada in ufficio, al massimo va al bar.

Nessuno qui soffre di americomania, al massimo si fa come i cinesi: si copiano da altri le cose che funzionano in maniera umile e senza pretese di "eccezionalismo italiano" (per la serie "ma questo non potra' mai funzionare in Italia perche' noi siamo furbi").

Va bene, ma non c'entra nulla con le mie obiezioni.