Titolo

Perché votare FARE per Fermare il declino, in Pillole

4 commenti (espandi tutti)

Non è dovuta all'euro. Questo deve essere chiaro.

 

Quello su cui concordo è che nell'euro certi Paesi (come l'Italia, la Grecia, ecc.) non sarebbero dovuti essere ammessi, almeno non prima di aver risolto i loro problemi e fatto le dovute riforme strutturali.

 

L'austerità e le riforme andavano fatte 20 anni fa, non ora.

Questa è stata forse l'unica colpa della politica nord-europea nel portare Paesi poco virtuosi per avvantaggiarsi sui mercati finanziari e nel commercio internazionale.

 

Ma questo non significa che quei Paesi poco virtuosi non abbiano beneficiato dell'euro. Il problema è che la politica locale dei medesimi ne ha approfittato per rimandare le soluzioni ogni volta, pur di mantenere il controllo economico-sociale negli stessi.

ma che è? l'esame di stato? questo è il problema dell'euro: l'aura mitologica e morale che le è stata data. quelli buoni, con la moneta buona sono i bravi, gli altri quelli che copiano...
sveglia ragazzi il trucco è durato a lungo. Siamo entrati in un sistema monetario denominato euro non perché sono stati buoni con noi e noi discolacci non abbiamo studiato. le nostre classi dominanti hanno raggiunto un accordo perché loro credevano di guadagnarci. e noi abbiamo aderito ad un trattato internazionale. chi crede che i trattati internazionali siano irreversibili perché non prevedono clausole rescissorie è bene che ripassi il bignami di storia. sui benefici dell'euro, li vediamo ogni giorno, infatti grazie all'euro oggi le nostre città sono meno inquinate dalle automobili (pochi possono permettersi di farle sgasare) e dalle fabbriche che chiudono. quelle chimiche poi son quasi chiuse tutte, e grazie a questo i pesci nuotano in fiumi pulitissimi. w 'l'euro, w la decrescita, w il partito unico dell'euro unico vincitore sicuro di queste elezioni farsesche

m.

E' quello che ho scritto. I politici cercavano di guadagnarci, perché se fosse stato un progetto davvero serio il tetto del rapporto debito pubblico/PIL  al 60% ce l'avrebbero fatto rispettare già 30 anni fa, cosa che non è avvenuta per ragioni vuoi di compromesso, vuoi di convenienza.

 

I trattati internazionali sono reversibili, ma il problema che non cogli è che l'euro alla fine ci ha portato dei benefici.

Tutto il resto che hai scritto è demagogia. Le imprese inquinano, tutto sta a trovare degli incentivi per poter limitare certe esternalità negative. Molte ordinanze dell'UE non le approvo nemmeno io, perché puzzano molto di socialismo stantio (vedi quote latte, dazi doganali, antitrust invadente ed inefficace).

Il fatto poi che le fabbriche chiudano non dipende certo dall'euro.

 

Non c'è nessuna aura, parlano la storia e i dati di questi Paesi (Grecia, Italia, ecc.) per poterli ritenere poco affidabili dal punto di vista finanziario. Gli altri Paesi più a Nord si sono mossi prima, noi no. Questa è la realtà dei fatti.

e  alcune cose ,messe insieme, mi stupirono,particolarmente.

1)l'aumento del reddito di cina(soprattutto) india ecc rispetto al pil mondiale

2)tutti i paesi occidentali hanno ridotto la loro quota di pil rispetto al pil mondiale

3)solo l'italia (tra i paesi occidentali)ha visto ridurre il reddito procapite negli ultimi 15 anni meglio di noi fanno anche grecia e spagna

http://www.econstats.com/weo/CITA.htm