Titolo

L'inglese per tutti

2 commenti (espandi tutti)

A parte la valutazione sulla qualità del Politecnico, cosa che dovrebbe dimostrare e non asserire in maniera tanto apodittica, rimane che l'eliminazione dell'ostacolo linguistico è uno dei più importanti per internazionalizzare un ateneo.

L'ostacolo linguistico non esiste, perché praticamente tutti i corsi del Politecnico (almeno ad ingegneria) hanno un equivalente offerto interamente in inglese. Qui non si tratta di introdurre l'inglese, ma di eliminare l'italiano.

Non ho parlato della qualità assoluta del Politecnico, ma di quella dei suoi studenti stranieri in confronto a quella dei suoi studenti italiani. Se fossero importati in quanto bravi, la loro qualità media dovrebbe essere superiore a quella dei locali. Così è in molte università americane, ad esempio, ma non al Politecnico, almeno per quel che riguarda ingegneria.