Titolo

Il mito della prima casa

2 commenti (espandi tutti)

repetita juvant

massimo 24/6/2013 - 19:55

Sui conti correnti bancari gravano numerosi balzelli: da quelle più evidenti come l'imposta di bollo (1,5 per mille) a quelle subdole: l'ISEE non è una tassa, me se hai sul conto più di una certa cifra paghi di più altre cose; praticamente una tassa "travestita".  Ma la tassa più grossa che colpisce i conti correnti e tutte le attività espresse in moneta (ma non gli immobili) si chiama "inflazione": al momento siamo a poco più dell'1% ma in passato è stata molto più alta.

Sono d'accordo che una quota pubblica del 55%, unita ad una pesante regolamentazione del rimanente 45% somiglia tanto all'URSS, ma il punto è la pressione fiscale complessiva, non questa o quella tassa.

 

Tornando alla sostanza dell'articolo io trovo strano che la "prima casa" sia impignorabile per i debiti verso lo Stato, mentre lo rimanga per debiti verso altri soggetti. Dovviamo aspettare che Equitalia ceda i crediti ad una società di riscossione privata?

Giusto

Guido Cacciari 25/6/2013 - 11:55

Sì, ho poi riletto il tuo articolo e ho capito che era molto più specifico di come l'avevo interpretato inizialmente. Ho quindi modificato il contenuto del mio commento, probabilmente mentre tu stavi già rispondendo.

Ciao e grazie comunque della risposta.