Titolo

Euro, domanda, e produttività: un viaggio nel mito. Parte 1

2 commenti (espandi tutti)

Ma anche qui, come detto nel post. Dobbiamo considerare l'euro una sciagura perchè ha indotto (attraverso canali molteplici, anche incluso un effetto di irrational exuberance sulla crescita della produttività nella periferia) un afflusso di capitali verso le aree meno sviluppate dell'Europa? Poniamoci piuttosto il problema di come gestire in modo ottimale i K flows all'interno di una unione monetaria. Ma perchè questo deve voler dire tornare indietro con tutto il sistema dell'euro? Andiamo avanti no?

Sono d'accordo con lei, e mi sembra utile adottare un approccio del tipo "inutile piangere sul latte versato". Il problema di fondo è che, pur volendo mantenere un approccio "laico" riguardo all'utilità di far parte di un'unione monetaria, bisognerebbe non soltanto chiedersi se sia stato effettivamente un bene per la nostra Nazione aver importato quella "credibilità", e quei capitali, durante lo scorso decennio. Il problema è quale prezzo stiamo pagando ora che la "bolla" é scoppiata, e capire come uscirne.

Quale sarebbe, a suo parere, la soluzione per poter permettere alle economie periferiche di recuperare competitività? Anche riguardo a questo tema, si sentono infatti numerose opinioni. Risulta piuttosto evidente il fatto che Germania ed alleati si oppongano strenuamente ad ogni tipo di mutualizzazione del debito (eurobills, eurobond) e ancor meno sembrano disponibili ad accettare quella reflazione relativa che permetterebbe alle economie "periferiche" di recuperare quel differenziale di inflazuione che, secondo Krugman, rappresenta la causa sostanziale della perdita di competitività di queste ultime.

Oppure ritiene che la drammatica deflazione in corso nelle economie "periferiche" sia una strategia alla lunga sostenibile, e soprattutto efficace? Non mi sembra che in Grecia stia dando grandi frutti, mi corregga se sbaglio.. Ma immagino che siano tematiche "calde" che potrebbe voler riservare per i futuri post.