Titolo

La crisi dei treni a vapore

3 commenti (espandi tutti)

La mia molto umile opinione è che quelli che ancora votano in Italia lo facciano in base a 2 presupposti:

1-che il voto vada a uno schieramento che ha qualche possibilità di contare qualcosa (voto utile)

2-che lo schieramento appaia il meno lontano possibile dal proprio sistema di valori

questo modello, per quanto rozzo spiega abbastanza bene perchè  

a-personaggi come  Berlusconi possano prendere ancora un certo numero di voti nonostante siano assolutamente inaffidabili e non abbiano fatto quasi niente di quello che avevano promesso

b-personalità come di Pietro possano agevolmente mettere su nuovi ppartitica

c-partiti come la Lega possano ancora essere considerati il male minore da un certo eelettorato 

In sintesi Ai fini del risultato elettorale conta poco se hai il programma più valido o se è quanto sei un persona per bene o affidabile: conta se hai ex ante chances entrare in Parlamento e a quale sistema di valori vieni accomunato (i dettagli del programma non lo legge nessuno)

non so cosa tu intenda come "sistema di valori", se solamente ideali o anche qualche cosa che si lega all'interesse economico ma io aggiungerei anche un

3-che il politico che voto faccia qualche cosa per me (pensione di invalidità, anzianità, contratti con lo stato, non esageri con la lotta alll'evasione anzi faccia un condono in ogni anno pari e dispari, anche edilizio e cose del genere). 

Insomma in un paese clientelare in cui l'evasione arriva a circa 180 miliardi, le malversazioni contro lo stato forse a 60 ed il tutto coinvolge un esercito tra 6 ed 11 milioni di persone, anche il punto 3 conta.

In effetti con sistema di valori sono stato vago. Intendevo esattamente quello che dici tu solo in un accezione più vaga: credo che l'elettore non legga i programmi specifici ma che abbia una percezione vaga (che ho cercato di esprimere nel concetto di sistema di valori) di quanto utile/dannoso possa essere un partito e che voti in base a quello.

Ad Es alcuni elettori avranno paura della sinistra che mette le tasse e dunque voteranno tutto quello che vagamente può essere contrapposto ad essa, etc