Titolo

La crisi dei treni a vapore

4 commenti (espandi tutti)

Venuto su il discorso su Fare vorrei testimoniare che passo ancora una certa parte del mio tempo a ricevere ramanzine da persone che mi dicono cose tipo:

-ma come, i politici veccchi sono talmente compromessi e impresentabili e la gente è così incazzata che basta dire 2 cose di buon senso per apparire molto meglio di loro: com'è che non siete ancora al governo?

Oppure 

Avete tutti questi cervelloni e un programma super perchè non vi fare aiutare da qualche esperto che vi renda più compressibili e non sbaragliate la concorrenza? Perché rimanete elitari?

e altre cose simili. Chi ragiona in questo modo sottovaluta alcuni aspetti:

1-costruire e tenere in vita un soggetto politico è cosa molto più difficile, costosa, complicata di quanto non si creda da fuori

2-i comptitor esistenti hanno fondi, visibilità mediatica e possibilità di influenzare l'elettorato che rendono difficilissimo l'accesso per nuovi entranti

3-la maggioranza di coloro che non si astengono antepongono al programma e alla credibilità dei candidati  presupposti quali voto utile e sistema di valori percepito (per questo ad es il PD sopravvive come partito di centrosinistra anche se non fa nulla per il proprio elettorato)

Dai Massimo non ci far sentire in colpa! Qui di ramanzine non ne abbiamo mica fatte. Solo tentativi di dare "suggerimenti", magari poco validi, forse ingenui, ma che sicuramente volevano essere solo costruttivi e con il massimo rispetto per voi che vi impegnate in prima persona, sapendo che Roma non fu costruita in un giorno.

A proposito oggi, avendo un po' di tempo libero, mi sono letto alcuni dei commenti su Il Fatto e mi sono sentito un telefono aperto su Radio Padania***. 

Se penso che spendete energie e tempo anche per aiutare gente del genere, (addirittura Boldrin si è giocato un sabatico a Maiorca a mangiare sobrasada e Pata Negra de Bellota. Pazzo!) la mia stima per chi lavora attivamente in Fare non può che essere assoluta.

*** Ascolto che consiglio. Come in un racconto di Lovecraft vi si aprirà una finestra su un'altra dimensione, piena di creature che non pensavate potessero esistere ancora in questo universo.

 

Solo evidenziare alcuni aspetti che io per primo e tanti altri abbiamo sottovalutato in passato. Aggiungerei anche questo: tanta gente che va a votare divide in mondo in bianco/nero oppure fascisti/comunisti etc

E' tragico rendersi conto che per queste persone o non esisti, perchè non sei nessuna delle alternative che loro contemplano oppure vieni sbrigativamente etichettato con una delle due (generalmente a destra)

Mi pare sia la prima cosa che serve. Scrivo fuor di polemica
Mi rendo conto che posso risultare aggressivo- come evidentemente sono- ed e' molto facile sputare sentenze, per salire sul.. treno in corsa..Ma tant'e',mi pare.
Fuori anche di captatio benevolentiae, direi che occorrerebbe
1-un'idea caratteristica forte (facilmente vendibile/riconoscibile. i.e. brand) in chiave 'marketing'
2-puntare su VANTAGGI (anti.rent-seekers, pro-market) collettivi) e benefici/idea positiva (:brand). Es. l''abbattimento' - sono almeno 40bn pa, credo, sempre nel tentativo di ricerca della obiettivita'... - della spesa pubblica, potrebbe, e sarà 'boffamente' inquadrato come 'macelleria sociale', con la solita aggettivazione impressionistica dei venditori di padelle.), pur ignorandosi che andra' proprio a beneficio di cittadini/imprese (i.e. taglio tasse, cuneo fiscal)
3. Basti considerare il caso Renzi. Spaccato il capello al suo programma (peraltro condivisibile in vari punti) e ai suoi finanziatori, nonostante un canvassing door-to-door durato mesi...(facile, certo, con il posto a sedere assicurato...ma tant'e'), a fronte di 8 punti del 'povero' (metaforicamente) figlio del benzinaio semplicemente risibili (inqualificabili).
4. si fa benissimo a sottolineare le surreali barriere all'ingresso. Bisognerebbe scriverlo a caratteri cubitali, considerato anche solo l'eccellente grado di liberalizzazione della stampa...Grillo (Un Savonarola che urla 'crucifige', ormai) ci e' riuscito con blog 'liquido', via FB, social..etc., oltre che puntando su vis polemica....Serve, forse, una comunicazione (sempre 'formalizzata') piu' 'customizzata'.

Mi scuso per papiro.Forza e coraggio.
Cordiali saluti

Mi scuso per il papiro.