Titolo

La crisi dei treni a vapore

1 commento (espandi tutti)

Mi pare sia la prima cosa che serve. Scrivo fuor di polemica
Mi rendo conto che posso risultare aggressivo- come evidentemente sono- ed e' molto facile sputare sentenze, per salire sul.. treno in corsa..Ma tant'e',mi pare.
Fuori anche di captatio benevolentiae, direi che occorrerebbe
1-un'idea caratteristica forte (facilmente vendibile/riconoscibile. i.e. brand) in chiave 'marketing'
2-puntare su VANTAGGI (anti.rent-seekers, pro-market) collettivi) e benefici/idea positiva (:brand). Es. l''abbattimento' - sono almeno 40bn pa, credo, sempre nel tentativo di ricerca della obiettivita'... - della spesa pubblica, potrebbe, e sarà 'boffamente' inquadrato come 'macelleria sociale', con la solita aggettivazione impressionistica dei venditori di padelle.), pur ignorandosi che andra' proprio a beneficio di cittadini/imprese (i.e. taglio tasse, cuneo fiscal)
3. Basti considerare il caso Renzi. Spaccato il capello al suo programma (peraltro condivisibile in vari punti) e ai suoi finanziatori, nonostante un canvassing door-to-door durato mesi...(facile, certo, con il posto a sedere assicurato...ma tant'e'), a fronte di 8 punti del 'povero' (metaforicamente) figlio del benzinaio semplicemente risibili (inqualificabili).
4. si fa benissimo a sottolineare le surreali barriere all'ingresso. Bisognerebbe scriverlo a caratteri cubitali, considerato anche solo l'eccellente grado di liberalizzazione della stampa...Grillo (Un Savonarola che urla 'crucifige', ormai) ci e' riuscito con blog 'liquido', via FB, social..etc., oltre che puntando su vis polemica....Serve, forse, una comunicazione (sempre 'formalizzata') piu' 'customizzata'.

Mi scuso per papiro.Forza e coraggio.
Cordiali saluti

Mi scuso per il papiro.