Titolo

La crisi dei treni a vapore

1 commento (espandi tutti)

I treni a vapore rappresentano una visione del mondo che aveva un senso in una certa epoca e ora non lo ha più. In particolare la metafora intendeva stigmatizzare la difesa di qualcosa che non ha più senso.

Per metterla un po' più pratica un certo numero di anni fa poteva funzionare assumere gente in enti pubblici o aziende controllate dallo stato, monetizzare subito il consenso elettorale e spedire il conto ai posteri via debito oppure farlo pagare a chi non era ancora tassato a sangue.

Oggi spazio per nuovo debito o nuove tasse non ce n'è e chi difende ancora questo approccio secondo me non è tanto diverso da un immaginario difensore dei treni a vapore.

Spero che così sia più chiaro