Titolo

La crisi dei treni a vapore

5 commenti (espandi tutti)

Articolo veramente superficiale!!

Perchè l'articolo non sembra conoscere la realtà di questo paese. Neanche lontanamente. Tutta teoria. La realtà è tutt'altra cosa. Provi lei ad innovare quando i crediti sono pagati a 700 giorni, un sistema fiscale folle, personale inamovibile, nessun mercato finanziario se non banche ecc.ecc.ecc. Io, quando lo ho fatto (veda www.spirusmed.com) lo ho fatto negli USA.

il treno a vapore di cui si parla è la competività complessiva del paese, compresi quindi i fattori negativi da te ricordati, non certo l'innovazione di prodotto.  se massimo famularo fosse un trombone che rilascia fondamentali dichiarazioni alle agenzie di stampa, avrebbe detto "sistema italia eccecc",  non vaporiere.

innovare la vaporiera vuol dire allora riformare, i prodotti non son certo competenza del governo. il tuo equivoco è però insidioso perchè c'è chi ci conta: le riforme danneggiano privilegi e pigrizie, niente di meglio di chiamare alla resistenza contro l'attacco esterno per rinsaldare il sistema attuale. gli argentini si sono inventati le malvinas, noi non potendo rispolverare nizza e savoia, ce la prendiamo con l'euro

La difesa delle attività economicamente insostenibile è uno dei motivi per cui l'innovazione è poco conveniente in Italia, Per esempio la difesa a spese del contribuente di attività per esempio agricole scarsamente competitive viene fatta torchiando quelle profittevoli, col risultato di tenere in piedi imprese decotte e impedire la crescita di quelle innovative.