Favole & Numeri

Autopromozione: Alberto Bisin, ha pubblicato su Egea - Università Bocconi un libro divulgativo di economia. Il libro è disponibile come e-book e in libreria. L'autore ha bisogna di una nuova moto....a buon intenditor poche parole. Qui la recensione di Andrea, commentata da Alberto

Letture per il fine settimana, 16-11-2013

Letture per il fine settimana, 9-11-2013

Le due o tre cose concrete del documento congressuale di Renzi

5 novembre 2013andrea moro

Nella corsa alla segreteria del PD, Renzi viene spesso accusato di vaghezza nelle idee e nei programmi. Le occasionali uscite televisive sembrano confermarlo, ma è sempre meglio controllare sui documenti scritti. Il quadro dipinto dal documento congressuale del sindaco fiorentino è abbastanza sconsolante. 

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Fassineide, la trilogia. Parte terza

3 novembre 2013sandro brusco

In questo terzo e ultimo articolo (i primi due li trovate qui e qui) della serie discuto le tesi di chi, come Fassina, afferma che non è possibile ridurre la spesa dello Stato senza toccare i servizi per sanità e per istruzione. Si tratta di una tesi popolare tra politici sia di destra sia di sinistra. È anche una tesi palesemente falsa. Analizzo inoltre alcune tesi contenute nell'articolo sui moltiplicatori fiscali e altri aspetti della politica di bilancio.

La conclusione è che gli argomenti di Fassina sono indice di una grave bancarotta intellettuale e morale. Intellettuale, perché gli argomenti portati a difesa delle proprie posizioni sono illogici e basati su dati di fatto non veri. Morale, perché la retorica della difesa degli interessi dei più poveri viene usata in modo spregiudicato per difendere privilegi e interessi ben più corposi.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Letture per il fine settimana, 2-11-2013

Sul federalismo fiscale USA e la golden rule

29 ottobre 2013Luciano Mauro

In un recente incontro ho avuto modo per l’ennesima volta di ascoltare la retorica del: “Ci vuole più Europa, non l’Europa delle ferree regole di bilancio ma delle politiche fiscali comuni,… bla bla bla“, vi risparmio il resto. È una retorica di cui siamo tutti letteralmente inondati, di cui trasudano i  convegni  e che riempie le bocche della nostra élite politico-economica (o dell’élite de noiarti a seconda dei punti di vista). Sarebbe però utile guardare anche alle esperienze storiche in questo campo. Visto che tutti sognano gli Stati Uniti d’Europa  guardiamo all’esempio di federalismo “par excellence”: gli Stati Uniti d’America.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Fassina, o della coerenza

27 ottobre 2013sandro brusco

Gli sparuti lettori di questo blog hanno probabilmente notato un paio di articoli (con un terzo che deve ancora venire) scritti come reazione all'articolo che Fassina ha pubblicato su Huffington Post Italia lo scorso 16 ottobre. Ho ritenuto opportuno reagire soprattutto alle posizioni culturali rappresentate da quell'articolo. Ma il 27 ottobre Fassina ha scritto un altro articolo sempre su Huffington Post Italia. In esso ci spiega che non solo la spesa pubblica si può ridurre, ma che il governo di cui fa parte lo ha già fatto. Lo confessiamo, vedere certi spettacoli ci diverte. Ma ci divertiremmo di più se questa gente non fosse al governo.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Letture del fine settimana, 26-10-2013

Fassineide, la trilogia. Parte seconda

25 ottobre 2013sandro brusco

Prosegue l'analisi delle argomentazioni di Fassina contro la riduzione della spesa pubblica. In questo articolo spiego perché è meglio, quando si fanno comparazioni internazionali, guardare al rapporto spesa/PIL. Osservo che quando si usa questo criterio la spesa pubblica italiana non è affatto bassa. In particolare, la spesa primaria (quella che si ottiene ignorando gli interessi sul debito) è salita nettamente nell'ultimo decennio. Analizzo infine l'amnesia selettiva di Fassina nella scelta delle categorie di spesa da considerare, mostrando che la componente principale dell'aumento è dato dalla spesa previdenziale. La prima puntata della serie la trovate qui, mentre la terza puntata è qui.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Fassineide, la trilogia. Parte prima

23 ottobre 2013sandro brusco

Stefano Fassina ha scritto un articolo su Huffington Post Italia spiegando perché a suo avviso la spesa pubblica e la pressione fiscale in Italia non possono essere ridotte. A Fassina riconosco il coraggio di accettare l'ovvio punto che senza consistenti tagli alla spesa non è possibile ridurre la pressione fiscale. Può sembrare il minimo sindacale, ma l'Italia è piena di cialtroni che non ammettono nemmeno quello.

I riconoscimenti però finiscono qui. Secondo me l'articolo di Fassina è veramente emblematico della bancarotta intellettuale e morale del pezzo di sinistra che lui rappresenta (quella non ''subalterna al neoliberismo'', secondo la sua definizione). In quanto simbolo di tale bancarotta credo sia utile discuterlo in dettaglio, perché sia chiaro il motivo per cui il termine ''bancarotta'' è perfettamente giustificato. Purtroppo la discussione in dettaglio richiede spazio. Ho deciso quindi di scrivere una serie di tre articoli che spero possa servire almeno ai lettori desiderosi di comprendere. Questa è la prima puntata. La seconda la trovate quila terza la trovate qui.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »
PAGINE