The Keynesian Illusion

25 marzo 2015 David K. Levine

Why does old-fashioned Keynesianism, despite its empirical and intellectual failure, continue to grip the imagination of so many intelligent people?

Keynes

1. Introduction

The philosophy of Keynesianism has an intense appeal. The cure to economic ill is for the government to spend more money - and no reason to worry about how it is paid for. Not only does the Keynesian medicine cure our ills - it even tastes good going down. Austerity is a horrible mistake. The Great Recession could have been prevented if only the government spent more. It would have been infinitely worse if not for the stimulus that did take place. This is repeated by people whose opinions I respect: the jurist Richard Posner, the blogger Kevin Drum - and many others. And we all know that the underlying theory is that of John Maynard Keynes.

Let me give Richard Posner's explanation of Keynes from his New Republic article explaining how he became a Keynesian.

Income spent on consumption, in contrast to income that is saved, becomes income to the seller of the consumption good. When I buy a bottle of wine, the cost to me is income to the seller, and what he spends out of that income will be income to someone else, and so on. So the active investment that produced the income with which I bought the wine will have had a chain-reaction--what Keynes calls a 'multiplier'--effect...For Keynes, in other words, it is consumption, rather than thrift, that promotes economic growth.

From this the conclusion that in hard times the government should stimulate demand - that each dollar it spends will increase economic activity not by one dollar but by one dollar times a multiplier so that the expenditure (in effect) more than pays for itself.

There are two parts of this: the story of the multiplier and the conclusion about government spending. The former seems like common sense: we all know that if a city builds a huge sports stadium local burger flippers will benefit from increased sales - and in turn they will buy more of other things such as haircuts and tattoos thereby benefiting hairdressers and tattoo artists. That seems to support the first part of the story. Support for the second part - and the evidence that held sway over the economics profession for decades - was the Great Depression and especially the end of the Great Depression. It is difficult these days to understand just how bad the Great Depression was - how vast was the number of prosperous middle class people who were reduced to paupers barely able to feed their families. We talk as if the "Great Recession" is somehow comparable - but it does not (in the U.S.) come close. And how did the Great Depression end? With World War II - just as Keynes seemed to recommend the government engaged in massive spending financed by borrowing and printing money - and voila - the Great Depression turned into the great prosperity.

The thing is that the Keynesian prescription - spend more and don't worry about the bills coming due - sounds a bit too good to be true, almost like a perpetual motion machine.

At which point I want to refer you to a drawing by M. C. Escher. It illustrates a canal with water flowing downhill and around several corners until it reaches a waterfall which runs a waterwheel, then flows around the canal downhill back to the top.

Escher Waterfall

This is an illustration of a perpetual motion machine - which of course we know is impossible. How do we know this? If we measure the angles carefully and do the calculations we will discover - of course - that the water is flowing uphill. And we might wonder if the reason that Keynes is so popular with those that do not do math is because they cannot measure the angles carefully. We might want to subject Keynes rather vague stories to some careful measurement.

Another thing we might do with the Escher diagram is to try to build the machine - in which case we will discover it is impossible. As far as Keynes goes, we will come to that as well.

2. Keynes theory, insofar as there is one

I want to subject Keynes story to some scrutiny - to measure the angles carefully. I could do this using complicated math - and if I wanted to be at all realistic I would do just that, but it is his reasoning I am after and I can measure that with a simple example that is precise but avoids any math - it is the precision that matters.

I want to think here of a complete economy peopled by real people who produce and consume things. Let's say four of them: a phone guy who makes phones, a burger flipper, a hairdresser and a tattoo artist. Let's say that the burger flipper only wants a phone, the hairdresser only wants a burger, the tattoo artist only wants a haircut and the phone guy only wants a tattoo - around the circle in effect. We'll suppose that each can produce one phone, burger, haircut or tattoo and that each values the unit of what they want to buy more than the unit of what they can sell. That is, the hairdresser happily cuts hair if he can get a burger and so forth. What happens is clear enough: the phone guy produces a phone, trades it to the tattoo artist in exchange for a tattoo, who trades the phone to the hairdresser in exchange for a haircut, who trades it to burger flipper in exchange for a burger. All are employed, all get what they want - everyone is happy.

Now suppose that the phone guy suddenly decides he doesn't like tattoos enough to be bothered building a phone. Now the circle is broken and this is a complete catastrophe. Everyone is unemployed. Demand is insufficient. There isn't enough consumption - none at all in fact. And notice how this works: one person - the stupid phone guy who is causing the problem by not wanting to buy a tattoo - is "voluntarily unemployed" - he is lazy and doesn't want to work. The other three are "involuntarily unemployed" each one is willing to work in exchange for pay. The burger flipper would like to work making burgers if he can get a phone, the hairdresser would like cut hair if he could get a burger and the tattoo artist would like to work if he could get a haircut and yet all are unemployed.

Now to the multiplier. Suppose - instead of building a sports stadium - the government gives a phone to the phone guy. Why then he'll sell it for a tattoo (he doesn't have any use for a phone himself) the tattoo artist will use the proceeds to buy a haircut, and so around the circle. Full employment. Just put in one phone and you also get a haircut, a tattoo and a burger! That is the multiplier, and just what we see when the city government builds a sports stadium. Nothing mysterious here.

But...this what an economist would call standard competitive equilibrium theory - meaning there isn't a free lunch, and indeed we better ask - how did the government get a phone to give to the phone guy? One is reminded of the old economics joke:

A physicist, a chemist and an economist are stranded on an island, with nothing to eat. A can of soup washes ashore. The physicist says, "Let's smash the can open with a rock." The chemist says, "Let’s build a fire and heat the can first." The economist says, "Let's assume that we have a can-opener..."

Is the basis of Keynesianism that we should assume that the government has a phone to give away? Well maybe not. Maybe the government should follow Keynes advice and print some money (or bury it) and give it to the phone guy. Then the phone guy can buy a tattoo, and the tattoo guy can buy a haircut and the haircutter can buy a burger, and the burger flipper - ooops...he can't buy a phone because there are no phones. There are two possibilities. One is that the burger flipper realizes he shouldn't sell the burger because he can't buy anything he wants with the proceeds, and we are right back where we started with everyone unemployed. Or maybe he doesn't realize that and gets left holding the bag. There is a word for that kind of scheme - it is called a Ponzi scheme and sometimes they work - people do make mistakes - and sometimes they don't - and it seems like a poor excuse for economic policy that our plan is that we hope the burger flipper will be a fool and be willing to be left holding the bag.

Now there is something else we can try: we could force the phone guy to make the phone - then he might as well sell it and get the tattoo, and the world is good - for everyone except the phone guy who is forced to build a phone he'd rather not build. Now there is a sense in which that might be worth it - after all, we helped three people - the tattoo artist, the hairdresser, and the burger flipper at the expense of one - the phone guy. But then let's at least not pretend that there is a free lunch - let's be honest and say that we are screwing the phone guy to help everyone else. It doesn't seem that this is what Keynes or the Keynesians are talking about - and forcing people to work against their will probably seems pretty fantastic as an economic policy...but let's go back to the example of World War II because that is exactly what the government did - not only did they spend a lot of money that they borrowed or printed, but they also drafted soldiers into the military and forced a lot of businesses to produce and do things they would really rather not have done. And certainly while economic activity may have picked up a great deal during and after the war - it is doubtful that the draftees who died in the war benefited much from this. So the big evidence for Keynesianism fades away when we scrutinize it a bit more closely - and what did happen seems to accord pretty well with very simple and very classical economic theory.

Let's talk a bit more about how the government might get a phone - our poster child for anti-austerity at the moment is Greece. What if Germany gives a phone to Greece? That would be great - if the phone guy gets a phone, as we already know we are back to full employment - the multiplier and all that. But: what if Germany is just like Greece, except that their phone guy likes to make phones? If we take the phone away from the German phone guy then Germany collapses into unemployment - the multiplier works just as well in reverse. So it is with sports stadiums - it's great for the businesses nearby - but the money came from somewhere, and of course all the businesses that used to deal with the people that used to have that money are going to suffer. In our example it is all a wash - we can have employment in Germany or in Greece but not both - and as it is the German phone guy who is willing to build the phone it doesn't seem complicated to figure out what is going to happen.

But Keynes (and Posner) are very worried about investment and savings. So what if the reason the phone guy stopped producing phones and buying tattoos was because he wanted to spend his time creating the "next great thing" that will lead to world peace and prosperity in a few years time? We could fix the unemployment problem by forcing him to produce phones - but then of course the next great thing will never happen. There is no investment and no R&D without savings - so beware the theory the way to higher growth is through lower savings.

So there you have it: if we take Keynes theory and measure the angles carefully we discover you can't make a perpetual motion machine.

3. Can you build one?

That's all theory, and I'm sure that you are a practical person. So while unlike Keynes I can produce a precise theory that explains the facts of sports stadiums, multipliers and World War II - maybe my theory is wrong and we really can build perpetual motion machines? Well it has been tried...I quote from Richard Nixon who in response to a recession that began in 1969 said in 1971 "I am now a Keynesian in economics." As a consequence the U.S economy fell into a decade of "stagflation" with high unemployment and high inflation - something that Keynesian theory could not explain (inflation is supposed to cure the unemployment) - and something that Keynesian economists spent countless hours and professional publications trying to explain - and with so little success that besides a few die-hards the rest of the profession quite rightly abandoned the theory. We tried to build the perpetual motion machine - and it didn't work.

For those of you who - sensibly - are interested in facts - bear in mind that the main tenet of Keynesianism is that the key to growth is to avoid saving. The country that has had the most phenomenal growth - in the history of the world in fact - has been China over the last few decades. Will it surprise you to learn that the savings rate in China these decades has been nearly 50% - probably also the highest in the history of the world?

4. M. C. Escher versus J. M. Keynes

The comparison between Escher and Keynes is not especially fair to Escher who drew a simple elegant device not with the view that anybody would try to build one, but as an clever illusion. By contrast Keynes theory is neither simple nor elegant - the General Theory is a kind of Rube Goldberg device

Goldberg alarm

with many spinning wheels, tiny bridges, weights that go up and down on threads - and if carefully examined, many of the parts have no connection to any other parts. Those who have some knowledge of Keynes may object to my discussion of the multiplier above - despite the fact that it predicts all the facts about which Keynes talks - because it isn't what Keynes had in mind. Specifically, Keynes discusses the possibility that - even if the phone guy is willing to produce a phone - there might not be any trade at all because the tattoo artist is unwilling to accept a phone in payment for a tattoo for fear that the hairdresser will not accept the phone and so forth. This coordination failure equilibrium where nobody trades because nobody believes that anyone else will trade has (obviously) different policy implications than a phone guy who does not wish to produce a phone. Unfortunately it is unclear what the government can do about it: even if they give the phone guy a free phone or force him to produce a phone it doesn't seem to solve the problem.

Here is the thing: the possibility of coordination failure pretty much has nothing to do with the multiplier. It is true that if there is purely bilateral trade: the phone guy wants a tattoo, but the tattoo artist wants a phone there is unlikely to be a problem - we figure the two of them can get together and work things out. But as soon as there are more than two needed to trade the possibility of coordination failure seems a possibility. Moreover, although Keynes speaks of coordination failure, I don't believe that it is regarded as particularly "Keynesian." One the one hand it is not part of most of what are considered "Keynesian models." On the other hand it is part of virtually every modern model in which there is money - even though few would be regarded as "Keynesian." It is surely true that if money has no intrinsic value and is used for trade there is the possibility that trade will collapse because nobody expects money to have any value. But: if that is the case, the government is unlikely to solve the problem by printing additional money that nobody wants.

There is also talk in Keynes about the role of expectations in coordination failure - optimism and pessimism. For example: pessimistic people expect money to have no value, they don't trade and it is a self-fulfilling prophecy; optimistic people expect money to have value so they trade and this is also a self-fulfilling prophecy. Hence it may be that the government can fix things (if things are indeed wrong) by convincing people to be optimistic. That would be wonderful, but unfortunately the evidence suggests it doesn't work. FDR gave great speeches about "There is nothing to fear but fear itself" that greatly uplifted spirits - but didn't do anything to end the Great Depression. Or take the current crisis in Greece: with the election of the Syrzia government optimism - as measured by polls - went through the roof. If Keynes was at all correct we would expect economic activity to soar, people to get back to work, start paying their taxes, the Greek stock market to take off, and so forth. Nothing could be further from the truth: economic activity is as anemic as ever, people are as unemployed as ever, few people are paying taxes - and everyone is still trying to get their money out of the country.

Keynes General Theory is a long book - and any book with many anecdotes and ideas is bound to be right some of the time. But whatever else it is, it is neither general nor a theory - and as either a guide to economic research or practical policy is essentially useless.

5. Conclusion

The point is that Keynes is as fascinating and tempting as the Escher drawing - and makes as little practical sense. Economists have worked for decades trying to make sense of Keynes theory and use it to explain the facts about depressions, recessions, crises, unemployment and so forth. It is hardly the case that a conservative profession dismissed Keynes and refused to take him seriously, that the economics profession never gave him a fair shot. Quite the opposite: some of the most brilliant minds in the profession convinced of the absolute truth of Keynes ideas spent decades trying to make those ideas work - they and we have failed.

I do know about Keynes and about Keynesianism. I am old enough too have been taught Keynesian theory as orthodoxy both as an undergraduate and graduate student. My father - a PhD economist whose PhD advisor was the great Keynesian Nobel Prize winner James Tobin - called himself a Keynesian - almost as a statement of religion. In my youth my father and I wrote an empirical paper using a Keynesian model. I studied with Keynesians - I took classes from Bob Solow, an avowed Keynesian. I worked as a research assistant for Stan Fischer doing empirical work using a Keynesian model. One of my mentors was Axel Leijonhufvud whose great and famous work was a book called On Keynesian Economics and the Economics of Keynes. When I was a student we had to study the history of economic thought - I have read Keynes General Theory and some of Keynes lesser works - I even got a perfect score on an examination about them. I participated in (witnessed mostly) a long debate between Leijonhufvud and another great Keynesian Don Patinkin about what Keynes really meant and actually said. Knowledge of Keynesianism and Keynesian models is even deeper for the great Nobel Prize winners who pioneered modern macroeconomics - a macroeconomics with people who buy and sell things, who save and invest - Robert Lucas, Edward Prescott, and Thomas Sargent among others. They also grew up with Keynesian theory as orthodoxy - more so than I. And we rejected Keynesianism because it doesn't work not because of some aesthetic sense that the theory is insufficiently elegant.

Keynes own work consists of amusing anecdotes and misleading stories. Keynesianism as argued by people such as Paul Krugman and Brad DeLong is a theory without people either rational or irrational, a theory of graphs pulled largely out of thin air, a series of predictions that are hopelessly wrong - together with the vain hope that they can be put right if only the curves in the graphs can be twisted in the right direction. As it happens we have developed much better theories - theories that do explain many facts, theories that provide sensible policy guidance, theories that work reasonably well, theories that are not an illusion. The current versions of these theories are very unlike caricature theories of hopelessly rational people who are all identical. Current theories are not perfect - but unlike the Keynesian theory of perpetual motion machines they explain a great deal and have a great deal of truth to them. A working macroeconomist reading Krugman and DeLong feels as a doctor would if the Surgeon General got up and said that the way to cure cancer was to draw blood using leeches.

Beware of politicians saying "you never warned us" when the truth is "we ignored your warnings" - and equally beware of economists bearing empty promises of perpetual motion machines. And when it comes to government borrowing, remember that if in the long run we are all dead, hopefully our children will not be.

Addendum

After I posted the essay above Steve Blough twittered to Brad DeLong about strawmen. Fortunately Brad has provided us with  a beautiful illustration that captures perfectly the problems with the type of reasoning that I was writing about - so hopefully my discussion of his rejoinder will not bring any accusations of strawmen.

I'm going to start with "Everybody else believes that the right way to model the economy is not the barter economy of DKL." My simple example is carefully constructed so that barter is impossible. If, to quote myself, "It is true that if there is purely bilateral trade: the phone guy wants a tattoo", then that would be a model of barter. But the example with the phone guy, tattoo artist, hairdresser and burger flipper is an example of an economy with commodity money: every trade is for a phone, so that the phone serves as money in this economy. So it is in a gold based economy where trades are goods against gold but some people like gold for its intrinsic value.

Brad is quite right that we do not live in a world of commodity money - although Mill and Malthus who he quotes did live in a gold based economy. And I should emphasize that the simple example I constructed was not intended as a realistic guide to an economy or to provide useful policy advice - the purpose was to examine carefully Keynesian reasoning - to, as it were, measure the angles in the Escher diagram carefully.

However, there are a few more things we can do with the simple phone-tattoo-haircut-burger economy. We could, for example, have trade take place using IOUs rather than phones. So that the phone guy trades the tattoo artist an IOU for a phone in exchange for a tattoo, the tattoo artist trades the IOU for a haircut, the hairdresser trades the IOU for a burger, and then the burger flipper redeems the IOU in exchange for the phone. This is called inside money and as you can see nothing much changes - except that the role of trust is highlighted - each must trust the promise of the phone guy to give the phone in exchange for the IOU, and you can see how there can be coordination failure if trust fails - again without an obvious way in which government can restore this trust.

Now Brad has in mind not commodity money or inside money but outside money. This is trickier - which is why I avoided it in the original example. We need to start by supposing that people have already some outside money - say each has a dollar bill. More important - since there will still be four dollars floating around at the end - we need to think why they want to hold those dollar bills. I'll come back to this, but for the moment, let's just say that each person wants to hold a dollar bill at the end for some reason or other. Then the phone guy can give a dollar to the tattoo artist in exchange for a tattoo, and so the dollar bill travels around the circle until it reaches the burger flipper. At this point because the phone guy has no dollar bill and would like to have a dollar more than a phone he trades the phone to the burger flipper for the dollar bill. On the other hand, if the phone guy decides he doesn't want to make phones, giving him a second dollar doesn't seem to solve the problem - he could trade the extra dollar around the circle, but in the end he would have to exchange a phone for a dollar - which we just agreed he doesn't want to do.

Brad wants to do another conceptual experiment in my example "Suppose that the phone guy has a bunch of Mortgage-Backed Securities in her retirement portfolio, which suddenly crash in value with the financial crisis...The phone guy looks at her zero-value retirement portfolio and sets to work building a phone--but decides to use her earnings not to get a tattoo but to hold them in the form of outside money: cash." Let's ignore the bit about mortgage backed securities as there are no houses, house buyers, or brokers in the example economy. If we think these people are important, then we ought to put them in the model, explaining who they are, what they want, and whether they also might want phones and tattoos and so forth.

Anyway - to try to make sense of Brad - let's stick with the simple outside money economy. The idea seems to be that the phone guy decides - because of the loss of his retirement portfolio or whatever - that he wants to have a second dollar more than a tattoo. So indeed the economy collapses. But if the government gives everyone a second dollar everything is fine - they can trade two dollars around the circle, and the phone guy will be happy because he can have a tattoo and two dollars. Think about that. How is the economy in which everyone has two dollars different than the economy in which everyone has one dollar? If this really works, can't the government solve the economic crisis just by declaring that quarters will be called dollars - in which case everyone has four times as many dollars? At this point we really need to ask who is holding money and why - and if the government gives people money, to whom do they give it? Perhaps if the government gives everyone an extra dollar - and so prices double - the phone guy will decide on account of inflation that he really wants four dollars not two for his retirement?

To make sense of this we need to understand why people are holding dollars in the first place - that is why in my simple example I used commodity money: with outside money people presumably hold it not because of the beauty of the artwork but to buy things with it in the future. But to study that we need to introduce a future, and that takes us beyond what we can do in the simple Keynesian framework of a single period, and beyond what can be done without math - but hardly beyond what is done in modern macroeconomic models.

So what happens if we go beyond the simple one period Keynesian framework? What if people hold outside money so that they can use it for future trades? What happens if over time people sometimes want to buy and sometimes want to sell - although they don't always know in advance which they want to do - and they hold outside money for the times in the future they will want to buy without wanting to sell? Here is a quote from the introduction to a 1992 paper that studies such a model: "a trader may occasionally find himself in a position in which he wishes to buy from another trader who wishes to sell but does not have enough money on hand to make the purchase. An expansionary [monetary] policy that gives all traders equal amounts of currency effectively redistributes wealth from the relatively rich seller to the relatively poor buyer. This can make possible socially desirable trades that would not otherwise take place."

Now there are a lot of hypotheticals in that - but the authors of the paper worked out the details carefully with math and concluded that sometimes everybody is made better off by such a policy. Can we leap from this to the conclusion that Keynesianism is right and that just spending money without regard to where it comes from and who it goes to cures all economic ills? Should we conclude that we should go back to using simple IS-LM models for policy analysis? At least one of the authors evidentally does not think so - the quote is from a paper entitled "The Optimum Quantity of Money Revisited"  and the authors are Tim Kehoe, Mike Woodford and me.

Why doesn't our work vindicate Brad's Keynesian view? For starters we also concluded that "for a broad range of parameter values deflation is clearly good" - that is, sometimes Brad is wrong and sometimes he is right - it depends on what the economy is like. Even when he is right, however, the extent to which everybody is made better off is quite small: the paper shows that for reasonable parameter values if inflation increases by 1% this is equivalent to increasing GDP by .004 percent. Now it might be tempting from this to conclude that the right thing to do is to have a 1000% inflation so as to get a 4% increase in GDP, but that is not correct - in fact for higher rates of inflation GDP goes down rather than up. Worse - if there is too much inflation GDP collapses entirely. The reason for this is worth pointing out: if there is too much inflation nobody wants to save because their savings will be worthless next period and this leads to a coordination failure in which money has no value because nobody wants to hold the stuff - and the economy collapses to no-trade and full unemployment. Notice that this stands Keynesianism on its head: Keynesians think that an economic collapse is caused because people want to save too much and not consume enough - here on the contrary it is caused by people who want to save too little and consume too much. This theory of collapses caused by high inflation has - unfortunately - been extensively tested - for example in the early 1920s in Germany where it led to an output loss comparable to that of the Great Depression.

I do not want to deeply defend a model in a two decades old paper - vastly better models are available now - but it illustrates an important point: if we do carefully the things that Keynesians talk about we do not get simple Keynesian results. We do, however, get results that accord vastly better with the data - indeed one of the great problems with modern models is that often there is not enough data to tell us which one is right. The contrast between this modern literature with Brad's rejoinder to the simple - but precise - example in my essay is striking. He says "the problem in a 'general glut' is that an excess supply of pretty much anything else is the flipside of an excess demand for safe, liquid, reliable financial assets." He then quotes Mill and Malthus speaking of "a superabundance of all commodities relatively to money" and "glutted markets, falling prices, and cotton goods selling at Kamschatka lower than the costs of production." Here is the thing: he speaks of a "glut" as if it is some sort of recognizable object like a human being - but in fact it is a theoretical construct. What does it mean that there are "glutted markets" in Kamschatka? That there are cotton goods lying in the streets unpurchased? Am I to imagine that this "glut" of cotton goods has some independent behavior of its own? I understand people who want to buy and sell and make things now and in the future and who might or might not be rational in various ways. Yet in this discussion of DeLong, Mill and Malthus there is no mention of people and what they might or might not want.

Brad speaks of phlogistons and molecules and I find this highly ironic. The 19th century theory of "gluts" sounds to me like "phlogistons" as do the equally mysterious 20th century theoretical concepts of "aggregate supply" and "aggregate demand" - while the 21st century theory of people who buy and sell and produce and trade over time and with uncertain consequences sounds to me like the theory of molecules. Brad apparently feels the opposite.

Traduzione italiana (senza appendice).

38 commenti (espandi tutti)

Avevo letto sul sito di David e ho dato un occhio alle "simpatiche" risposte di DeLong e Krugman. L'unica obiezione che mi fa parzialmente senso e' quella su crisi di domanda e di offerta, ovvero in questo caso il tizio che produce telefoni blocca l'economia perche' non vuole piu' produrre... La mia domanda pero' e' diversa: ha senso distinguere tra crisi di domanda e di offerta, almeno in un modello come questo? Chi produce il telefono mi pare non produca piu' perche' non vuole un tatuaggio, quindi si tratta di uno shock di domanda? E pero' l'economia si ferma perche' manca il bene utilizzato come moneta, quindi si tratta di una crisi da offerta di moneta (gli scambi bilaterali non sono ammessi)? Sbaglio o se ciascuno dei produttori non e' piu' interessato al bene che acquistava in equilibrio l'economia si ferma (o comunque perde almeno 1/4 di produzione)?

certo che ha senso distinguere tra demand shock e supply shock. Per questo secondo me l'esempio di Levine e' fatto male

Si ma se il tizio che produce il telefono non produce perche non gli interessa piu il tatuaggio e' una crisi di domanda o di offerta? Francamente questo esempio mi ha fatto riflettere proprio sul fatto che concetti tagliati con l'accetta come "shock di domanda" e "shock di offerta" sono piu il risultato di equazioni che cercano di esprimere aggregati macro che il risultato di effettive scelte individuali...

Non so se l'esempio di David sia fatto male, forse e' ambiguo apposta.

Tu dici che sia sensato distinguere fra D and S shocks, io ne dubito da sempre. Sia chiaro, la maggioranza dei macroeconomisti sta con te, non-keynesiani compresi.

Io credo possa essere, al piu', una questione di convenienza, di facilita' di discussione. In EEG la mia offerta e' la tua domanda, e viceversa. E mi spiego con un paio di esempi.

Assumi che un tornado distrugga la fabbrica X. Questo implica che il bene X non si puo' piu' produrre, l'impresa sparisce dal sistema economico e tutti i fattori impiegati precedentemente in essa non hanno piu' reddito. Io vedo variazioni SIA nella domanda che nell'offerta, tu no? Da un lato il bene X non viene piu' offerto o viene offerto di meno a prezzi piu' alti, dall'altro i beni che i fattori impiegati in X domandavano non vengono domandati se non a prezzi piu' bassi. Son cambiate sia D che S ...

Assumi che venga aumentata l'IVA su certi prodotti. Questo cambia i prezzi relativi e rende piu' costose/profittevoli certe cose rispetto ad altre ovviamente creando incentivi perche' i fattori di produzione vadano verso le piu' profittevoli e si ritirino da quelle meno. Ma cambia anche il potere d'acquisto di alcuni soggetti, quelli che tendevano a comprare le cose su cui hanno aumentato l'IVA (a questi il potere d'acquisto diminuisce) e quelli che ricevono il trasferimento di risorse che l'IVA addizionale finanzia (a questi il potere d'acquisto aumenta). Di nuovo, shock di domanda o di offerta.

E, ovviamente, l'esempio di DKL e' esattamente di questo tipo: al produttore di cellulari son cambiate le preferenze o ben per fare le cose che faceva prima o ben per consumare le cose che consumava prima o entrambe. Non lo sappiamo e non ci importa, cio' che conta, sul piano economico, e' che non accetta piu' lo scambio tatuaggio/cellulare ai prezzi relativi (o rapporti) precedenti. E' cambiata la domanda o l'offerta? E chi lo sa ... 

D'altra parte: metti "case" al posto di tatuaggi e metti "qualsiasi altro bene servizio" al posto di telefonini ed hai la crisi del 2007-09 negli USA. De Long non se n'e' accorto, comprensibile conoscendolo. Non vedo ragioni per imitarlo ... 

si certo, in equilibrio quantity demanded equals quantity supplied a prescindere se e' la curva di domanda che arretra o la curva di offerta. Ho capito che nell'esempio ridotto all'osso se uno non accetta uno scambio, non voler piu' comprare un tatuaggio equivale a non voler piu' vendere un taglio di capelli. E' la stessa cosa.

Pero' credo che la differenza tra shock di domanda e di offerta dipenda anche dal lag tra produzione e vendita. Ieri ho costruito telefoni (o case) per venderli la mattina dopo. Se oggi non c'e' la domanda che mi aspettavo rimango con un inventory di telefoni invenduti. Se invece e' un tornado a portarmi via il magazzino di telefoni il mercato rimane a bocca asciutta lo stesso, ma e' diverso. E' diverso perche' la politica keynesiana e' intesa come uno stimolo artificiale della domanda per comprare i telefoni invenduti. Vi abbasso l'IVA  cosi' comprate i telefoni invenduti ora. Se i telefoni sono stati spazzati via dal vento lo stesso tipo di stimolo avrebbe solo un impatto nominale, ma non reale. E naturalmente e' solo un rattoppo temporaneo, mica una ricetta per far crescere l'economia  

Questo e' un punto interessante, so given the sadness most other comments inspire, let me debate it a bit. 

It is not only in equilibrium that it is hard to conceptually separate "demand" from "supply" shocks. It is true in general, as my examples show, that shocks to this or other agent in the economy almost always have an impact on both what people call "demand" and what they call "supply". This is because of a deep link that passes through the individual budget constraint : your income/wealth comes from your ability to sell (i.e. SUPPLY) something to the market and this is the same thing (the income/wealth) that makes you able to absorb (i.e. DEMAND) stuff from the market. In other words, I would be ready to claim that any change in the demand of something is also a change in the supply of something else, and viceversa.

Which, by the way, is the general theoretical principle that makes "keynesianism" incoherent and that DKL has tried to clarify with his example.

Consider your example, now. What we have here is

- EITHER a forecast error (the firm producing the cells made silly optimistic predictions about the demand for its particular product and now is in troubles: this, and its opposite, happens all the times in market economies and it does NOT require ANY public intervention);

- OR (1) a shift of demand away from one class of products (cells) and toward another class of products (say investment in southern Brazil);

- OR (2) some kind of negative shock to the entire economic system (an increase in general taxation, the explosion of some financial bubble, an earthquake, declaration of war, a collapse of the electric system, the unexpected failure of a group of large banks, and so on and so forth) that, by making everyone poorer than before had lead to a reduction in the desire/ability to purchase cellulars and many other things.

It is easy to notice that - apart for the random forecast errors (even believers in rational expectations assume people make mistakes and only avoid the systematic ones) who are  the bread and butter of a market economy - all other cases, again, are both shocks to demand of something and supply of something else. There is, in my view, no theoretical way out.

Which is why David, in his pamphlet, kindly suggest to the Keynesians to think harder about coordination failures and expectations-driven multiple equilibria. Because THAT is, at least, a coherent way to think about market failures and some notion of "involuntary unemployment" where some kind of government intervention (albeit not necessarily in the form of "spend and issue debt") could make sense. But the burden of the proof, theoretical and historical, is on the Keynesians, not on us. 

On the demand of something changing the supply of something else, this is certainly true in a general equilibrium setting, but you can still point out the difference between a demand and a supply shock. The economy is full of intermediate interactions, with intermediate goods flowing through an input-output matrix in a sequence of your-supply-is-my-demand. But at the end, at the aggregate level, you can single out final consumption on the demand side, and value added on the supply side. Of course, even at this stage final consumption by households depends on their income, which is affected by labor demand. However value added depends on other factors of productions as well.

So, for instance, when OPEC imposed an oil embargo in the 70s, the input of a natural resource in the production function fell. Output then falls in real terms. Is that a demand shock, because labor demand falls as a consequence? No, it is an adverse supply shock, and in this case a Keynesian expansionary policy would be useless. It would just create inflation and have no effect on real output.

But we cannot say the same when facing a demand shock, that is when inventories are there but private demand is missing for whatever reason. Perhaps due to justified excess savings, but still. If I bring to the market 10 bananas and I sell only 5, real GDP is 5 bananas. If the government buys the other 5 bananas in exchange of IOUs, real GDP jumps to 10 bananas. It might be unjust, inefficient, uncalled for, but when facing a demand shock it can potentially bring real GDP back up (provided I have excess inventory of bananas). With a supply shock (I lost 5 of the 10 bananas on my way to the market) there is no way you can bring real GDP back up to 10, no matter how many IOUs you print.

In conclusion, I personally doubt that even when facing a demand shock, a government stimulus plan can be effective in practice, but in theory it can. That's why I think when Levine used a supply shock example to debunk Keynesian policies, he was barking up the wrong tree.

after writing down my thinking, I am now having some second thoughts about some portions. I will leave it and sleep on it

I agree

michele boldrin 29/3/2015 - 04:57

So let's take time to think about it. In particular

- do not confuse national income accounting conventions with "behavior": VA is the effect of "demand" (of factors) as much as C+I is "supply" (of goods) ... and they are always equal because of the individual budget constraints.

- when demand for a good goes down respect to expectations this may be due to MANY things: wrong expectations, wealth shock, a shock to productivity, a change in tastes, a change in relative prices ... and so on.  

A me non e' chiaro da dove vengono I 5 che il governo spende per comprarsi le banane. Sono maggiori tasse? In tal caso la domanda verra' ridotta da qualche altra parte e il gdp complessivo non cresce, no?
O sono soldi stampati? Ma in questo caso non si genera inflazione, che mi sembra funzionare come una tassa implicita?
Magari non ho capito e sono domande stupide.

si, puoi interpretarla in diverse maniere. IOU's sarebbero in pratica bonds, ma puoi anche interpretarli come moneta. A prescindere c'e' un tradeoff, aumenti G oggi, indebitandoti. Il deficit va su, e quindi il risparmio pubblico cala, e di conseguenza il risparmio nazionale (pubblico piu' privato) cala. In sostanza se il calo di domanda per le banane e' sceso per colpa di meno C e piu' risparmio privato, compensi artificialmente con risparmio pubblico negativo. Ovviamente c'e' un tradeoff intertemporale e non vuol dire che conviene, ma nell'immediato puoi aumentare il Pil reale (non nominale) se questo potenziale c'era (le banane extra in inventory)

Ci provo da profano, non vorrei siano banalità.

Sostanzialmente invece che distinguere tra shock di domanda e shock di offerta si potrebbe tranquillamente riunire entrambi in un più generico "shock di informazione"? Ossia quando le parti in gioco non riescono a passarsi per tempo/completamente le info su cosa fare in cambio di cosa, man mano che passa il tempo e mutano le condizioni interne e esterne... (Motivo per cui c'è chi in passato ha provato a risolvere il problema pianificando tutto mentre le economie più moderne ci provano potenziando formazione, servizi al lavoro e welfare).
Quindi, sotto questo punto di vista l'idea/speranza che sta alla base del pensiero keynesiano sarebbe che le iniezioni di liquidità possano assolvere o per lo meno coadiuvare la funzione di far circolare tra le parti (o al limite distorcere positivamente) le informazioni utili.

Provo a spiegare meglio con un modello semplificato rispetto a quello tizio dei telefoni/paninaro/parrucchiere/tatuatore.
Facciamo che ci siano A e B: A produce vino che scambia per mezzo di denaro con B che produce magliette. Tutto funziona alla perfezione finché B non diventa astemio: A non ha più a chi vendere vino, quindi non può più comprare magliette (che ancora vuole) e B non vende. A questo punto entra in campo JMK: inietta provvisoriamente un po' di liquidità: A coi soldi in mano va da B, ci compra la maglietta e B con la maggiore liquidità in mano va sul mercato dicendo di volere, chessò, un contratto di fornitura e manutenzione di sedie impagliate, al ché A si alza in piedi esclamando "Hey! Io so impagliare sedie, finalmente ho un nuovo lavoro!", JMK furtivamente smette di iniettare liquidità avendo raggiunto lo scopo avendo spostato il tutto dall'equilibrio "vino-magliette" a quello "sedie-magliette". Il punto chiave è che le ipotesi sotto cui la cosa potrebbe funzionare sono in realtà abbastanza forti, in particolare quella per cui A debba avere l'informazione di cosa B voglia (in un modello a 2 è banale, in un modello a 60 milioni un po' meno) e soprattutto che lo sappia fare.

Altrimenti, rilassando le ipotesi: B coi soldi in mano invece che chiedere sedie impagliate (che guardacaso A sa fare) chiede altro, toh, un ballerino-canterino per allietare le sue serate, al che A non può far più nulla non sapendo né ballare né cantare. Siamo al punto di partenza, abbiamo avuto un incremento di liquidità in circolazione a cui non è corrisposto un aumento di produzione. E si può andare avanti ad iniettare all'infinito, ma A continuerà a non saper fare quello che serve per avere in cambio le magliette (e magari a non saper nemmeno cosa serva fare) e B non ha nessuno con cui scambiare quello che sa fare (magliette) con quello che vorrebbe (ballerino-canterino). Quindi per chiudere, tolte le ipotesi più forti di prima si ha che lo stimolo keynesiano fallisce. Ah, ovviamente a questo punto spero che nessuno proponga di continuare a fare iniezioni fini a sé stesse, che avere B che produca all'infinito magliette in cambio di carta che non può usare né funziona né è desiderabile.

Notare poi che nel primo caso, quello delle sedie impagliate, l'iniezione di liquidità non sarebbe stata nemmeno necessaria, bastava che A e B si sedessero insieme allo stesso tavolo e discutendo di cosa vogliono e di cosa possono fare, trovando l'accordo più soddisfacente per entrambi. Accordo che può essrere quello sopra o qualsiasi altro, chessò, può essere che B decide che gli piace la vita frugale e quindi di non produrre più magliette "uscendo dal mercato" lasciando che sia A ad autoprodursele; oppure di mettersi in società e smezzarsi il lavoro etc.. Comunque sta, che nella complessità della società (come detto prima, in un modello a 2 è banale il passaggio di info, in uno in scala 1:1 no) JMK abbia visto nelle "iniezioni di liquidità" un catalizzatore/surrogato della "macchina trasmettitrice di informazioni". Quanto poi questo funzioni sta appunto su quanto le ipotesi implicite siano aderenti alla situazione reale.

Grossomodo questo è quanto ho capito.

quasi

lodovico pizzati 28/3/2015 - 18:16

Quando B diventa astemio, JMK deve berselo lui il vino, o perlomeno comprarlo per darlo ai poveri, se no nel tuo modello il Pil reale cala comunque. In questo caso, il cambio di preferenze e' permanente (B e' astemio per sempre), e A e B poi ritornano a produrre-commerciare senza bisogno di nessun intervento. Il Pil fa vino-magliette (periodo 1, pre shock), zero (periodo 2, B astemio, si blocca tutto), sedie-magliette (periodo 3, B si inventa un nuovo lavoro per scambiare beni con A). Se fai un intervento nel periodo 2, comprando vino che c'era gia' dato che A non sapeva che quell'altro smetteva di bere, puoi mantenere il Pil a vino-magliette. Pero' hai creato IOU's e se vuoi far tornare i conti, nel periodo 3 devi pagare i debiti, diciamo con una tassa, e percio' rimani fregato dopo anziche' oggi. Insomma, there is no free lunch, ma puoi diluire lo shock di oggi in piu' periodi futuri. E' come una carta di credito.

Sì, ho semplificato molto per:
a) non contorcere troppo lo schema;
b) provare a mettermi nella condizione più pro-Keynes possibile, appunto per vedere quanto bisogna tirare le ipotesi affinché la cosa possa avere senso. E quindi ho ragionato per singoli punti di equilibrio. Ovviamente oltre a quello che hai notato in mezzo ci sta tutta la dinamica a complicare le cose. Esempio al volo: chi ci dice che A coi soldi in mano, trovi preferibile prendere la maglietta e poi mettersi ad impagliare sedie? Bisognerebbe passargli l'info che l'iniezione non si ripeterà per cui gli conviene mettersi alla ricerca di un nuovo lavoro alla svelta, ma con questa info potrebbe invece decidere di non comprare più la maglietta in vista dell'incertezza futura etc etc. E la cosa va a ramengo anche nel caso delle sedie impagliate.

Quindi nel mio modello quale diavoleria succeda tra i periodi è lasciata alla fantasia del lettore :) . Tra le altre, domanda: non si può ammettere che JMK possa immettere denaro e basta, lasciando che voli un po' l'inflazione?
O comunque, magari si può pensare che (l'informazione "B è astemio" può passare dopo l'avvenuta produzione di vino ma anche prima) JMK sia abbastanza svelto affinché il cambio di produzione avvenga tutto nel periodo 2 senza sconquassi (A sapendo subito di B astemio non produce vino, prende i soldi di JMK, compra la maglia, B ingagliardito dalla maggiore liquidità rivela quello che altrimenti non avrebbe rivelato, ossia che vuole sedie, A lo viene a sapere, produce le sedie e si chiude il cerchio, tutto in 2), per poi ritirare la liquidità addizionale al periodo 3 (non so, penso sia questa la "magia" che fa brillare gli occhi ai suoi seguaci più accaniti).
Oppure al periodo 2 può sempre metterli allegramente a scavar buche facendo sempre il giochetto di distribuire e ritirare  denaro una volta ristabilito un equilibrio (il Pil nominale rimane a livello, la schiena di A e B meno, però che importa...? scherzo eh).
O che qualcuno nel periodo 2 sgobbi il doppio (e il vino in più può anche finire alle piante, che è l'equivalente di scavar buche)... Ah, ovviamente non sto dicendo che queste soluzioni mi piacciano.

Poi, visto che ci siamo, si può anche immaginare lo scenario perverso per cui JMK dà denaro ad A che compra la maglietta a B che viene tassato di quel denaro che viene rigirato ad A e via così... però questa è perversione pura, lo ammetto :D

nell mondo (economico) che immagina Boldrin/Levine ogni "agente economico" che vuole comprare o vendere qualcosa deve rispettare il suo vincolo di budget e così aggregandoli poi hai la domanda e offerta nei vari mercati dei beni e servizi per cui "OGNI VARIAZIONE DI DOMANDA E' ANCHE UNA VARIAZIONE DI OFFERTA" (cito)

.... your income/wealth comes from your ability to sell (i.e. SUPPLY) something to the market and this is the same thing (the income/wealth) that makes you able to absorb (i.e. DEMAND) stuff from the market. In other words, I would be ready to claim that any change in the demand of something is also a change in the supply of something else, and viceversa.

Di conseguenza, gli unici casi in cui i mercati non tornano ad equilibrarsi (dandogli tempo...e tenendo presente vischiosità varie) e quindi in cui occorre che lo stato intervenga con deficit keynesiani ecc... sono al massimo casi particolari e sempre temporanei di "mancato coordinamento" o di "aspettative distorte" 

Ok, non viviamo in questo tipo di mondo, viviamo in un economia monetaria in cui hai 100 mila (n) mercati di beni e servizi in cui si scambiano sempre denaro da una parte e gli altri n beni e servizi dall'altra. In ognuno ci può essere un eccesso di domanda(offerta) del bene non monetario e un eccesso di domanda(offerta) di denaro e sommando l'eccesso di offerta ad es dei n-1 beni e servizi deve essere pari all'eccesso di domanda di denaro.

In un economia monetaria hai in pratica due cose che si scambiano, (beni e servizi  contro denaro) e 2(n-1) eccessi di domanda (offerta). Questo vale anche nel caso di soli 4 agenti descritto da Levine.

Il commento di Boldrin per cui "Levine ipotizza commodity money"  sembra un scherzo, equivale a dire che il suo discorso non ha nessuna rilevanza, che si applica a qualche altra economia di un altro secolo o continente e non al XX secolo e a Keynes. Se scrivi un pezzo lungo lungo e poi si scopre che l'unico "mini-modello" che fornisci non prevede l'uso del denaro a che serve allora ?

Se lasci fuori il denaro non spieghi più niente. La disoccupazione cronica e la depressione economica si spiegano con il fatto che un singolo individuo, soggetto ai vincoli di bilancio....certo.. se ha un eccesso di domanda di denaro può ottenerne di più comprando meno di altri beni, anche quando non può ottenerne di più vendendo di più dei propri servizi o beni. Ovviamente questo è impossibile in aggregato, i tentativi dei singoli individui di avere più denaro ("medium of exchange", money...) collettivamente significano un eccesso di offerta di beni e servizi. Cioè una crisi, depressione, disoccupazione...

Se come Levine e come fate voi fingete che esista un economia (un modello di un economia...) senza denaro da una parte e beni e servizi dall'altra finite per credere appunto nell'austerità...che è una forma rozza di "vincoli di bilancio" degli individui che si assume valgano per l'intera economia.

L'ultimo pezzo del puzzle è che ovviamente il denaro viene creato e creato dal niente da banche centrali e da banche commerciali nell'economia moderna, ma non vorrei mettere troppa carne al fuoco tutto in un colpo....

(però ecco, sarebbe bello che ogni tanto qualche sospetto sul fatto che vi possa oggi un eccesso di domanda di denaro o una scarsità di offerta di denaro in Italia....Ad esempio questa cosa delle banche centrali che creano 11mila miliardi di denaro dal niente ("base money"...sicuro) e ora persino la BCE 1,100 mld, tutti creati dal niente.... come quadra con vincoli di bilancio individuali di Boldrin per cui "ogni variazione di domanda è una variaz di offerta ?)

 

...nell'esempio di DKL.  Perché il telefono non entra in tutti i mercati come bene scambiato con altri beni.  Abbiamo sì degli scambi solo bilaterali, ma dipendono dalla particolare struttura delle preferenze di questi agenti:  quindi, anche supponendo di avere la possibilità di scambi n-per-n con una sorta di camera di compensazione (che poi è quello che si suppone nel modello EEG/Neo-Walrasiano), il produttore di telefoni non domanda più tatuaggi e non offre telefoni, e quello di hamburger non può più domandare telefoni e offrire hamburger. Quindi non c'è motivo perché avvengano scambi, a meno che gli agenti non domandino anche qualcos'altro (basta un altro bene qualsiasi, e gli agenti possono scambiarsi IOU per quel bene). Ma questo è un assunto addizionale, sicuramente realistico ma altera profondamente i risultati del modello. A me l'esempio iniziale di DKL sembra avere maggiori analogie con quest'altro post di Nick Rowe (che aveva risposto anche a DKL).

La questione è molto diversa se, ad esempio, ipotizziamo che il produttore di haircuts domandi tatuaggi, quello di tatuaggi domandi hamburger e quello di hamburger domandi haircuts, quindi se usano i telefoni puramente come bene di scambio intermedio. In quel caso, se avessimo una camera di compensazione c'è la possibilità di uno scambio a 3.  Quindi una carenza di telefoni può cambiare la domanda e l'offerta effettive, ma quelle nozionali (cioè del modello Neo-Walrasiano/EEG) resterebbero invariate.

perché una macchina a moto perpetuo funzioni devono essere rispettate determinate leggi della fisica. Di fatto queste macchine esistono (https://www.youtube.com/watch?v=287qd4uI7-E) e sono realizzabili studiando le dinamica delle forze in gioco.

Il motivo per il quale questo concetto non è replicabile in termini di economics è che non si tratta di una disciplina scientifica ma sociale... se si vuole che la macchina della "crescita economica" non si inceppi mai è necessario che delle regole sociali vengano condivise e accettate da tutti i membri della collettività anche a discapito di alcune libertà personali.

affinché la macchina funzioni tutti gli ingranaggi devono rispettare la loro compito e "sottomettersi" per il funzionamento di tutto il sistema... i modelli di keynes non sono sbagliati a priori, in un contesto sociale iper-regolamentato (uno stato padre-padrone che in certi sensi opprime i propri cittadini) probabilmente sono quelli che funzionan meglio, meno sono le regole e più sono lasciati liberi gli "ingranaggi" peggio funzionano... penso che nessuna teoria - ne liberal ne keynesian - sia sbagliata a priori, lo bontà dei risultati della loro applicazione dipende dal tipo di società nella quali vengono applicati e dal tipo di rischi che si è disposti a correre...

abbocco io

dragonfly 26/3/2015 - 16:18

perché una macchina a moto perpetuo funzioni devono essere rispettate determinate leggi della fisica. Di fatto queste macchine esistono (https://www.youtube.com/watch?v=287qd4uI7-E) e sono realizzabili studiando le dinamica delle forze in gioco.

di fatto...accetti di scommettere?

di fatto

beppyz 26/3/2015 - 17:51

se ha intenzione di dimostrare che sono tecnicamente irrealizzabili dato che verrebbero violati il primo e secondo principio della termodinamica è inutile andare avanti, lo so da me grazie... che in un sistema chiuso non si possa generare energia dal nulla mi sembra abbastanza scontato, così come che l'energia impiegata per attivare una macchina sarà sempre minore di quella prodotta...

Tuttavia, quello che intendevo (anche se ammetto di non essermi espresso in modo perfetto) è che se dobbiamo sfruttare "energia esterna" tanto vale farlo in un macchina quanto più efficiente possibile (come quelle del video per intenderci)... provi ad allentare tutte le componenti del suo mezzo di trasporto lasciandole "libere di oscillare" fuori posto, sono pronto a scommettere che non farebbe molta strada (o per lo meno ne farebbe molta di meno), se accetta questa scommessa io accetto la sua in bianco...

se dobbiamo sfruttare "energias esterna" tanto vale farlo in un macchina quanto più efficiente possibile (come quelle del video per intenderci).

ok, le macchine del video sono efficienti? la finisco qua, mancano le basi.

Yup

michele boldrin 26/3/2015 - 20:39

Ma da dove spuntano questi? Davvero, da dove spuntano?

io e lei proprio non ci capiamo... sarà che parlando per metafore mi rendo meno comprensibile di quanto pensi, cercherò di essere più diretto

allora... pensiamo ai vari membri della collettività come alle varie parti che compongono un motore (cilindri, camere di scoppio, candele, etc etc), al modello economico (in termini riassuntivi e semplicistici) come la struttura del motore mentre il lavoro rappresenta l'energia che alimenta questo motore. considerando infine la messa a punto come l'insieme di regole che fissano in modo adeguato i vari "ingranaggi" al loro posto, penso sia giusto pensare che meglio sono fissati questi pezzi (un sistema di regole molto rigido per intenderci) meno "gioco" faranno e più efficiente sarà il motore.

Capito questo, in base all'obiettivo del costruttore e al tipo di gara che si deve fare si svilupperà il tipo di motore più consono... se l'obiettivo e vincere una drag race (gara su orizzonte temporale breve) si farà un motore potentissimo che consuma tantissimo ma che sulle lunghe distanze avrà dei grossi limiti; se voglio fare una gara di durata (gara con orizzonte temporale più simile a quello della "durata" di uno stato, che salvo imprevisti dovrebbe tendere ad infinito) ne progetterò uno radicalmente diverso.

dire che il "motore" keynesiano è sbagliato, che è stato un fallimento e non ha senso che venga ancora impiegato tempo per studiarlo è oltremodo ingeneroso! ha fatto quello che doveva fare nel momento nel quale è stato concepito e messo in pratica, non è da escludere che rivisto e corretto non si possa adottare nuovamente.
Allo stesso modo, penso che il motore attuale abbia fatto il suo tempo (nonostante le iniezioni di NO2 fatte di recente per spremerlo fino in fondo...) e abbia bisogno di essere aggiornato o per lo meno che venga fatta una corretta messa a punto.

per rispondere alla domanda del Professor Boldrin, io spunto da quella parte degli appassionati della materia che pensa che la tanto agognata "crescita economica" sia una chimera e sia in molti termini illusoria (il famoso paradosso dell'essere pagati per scavare una buca la mattina e riempirla il pomeriggio mi sembra molto reale in una società composta in maggioranza da colletti bianchi). detto spiccio, penso che il vero fine dell'economia dovrebbe essere quello di redistribuire in modo efficiente le risorse (energetiche, metallurgiche, idriche, alimentari etc) tra le diverse generazioni in modo da garantire la perpetuazione della specie (anche al "costo" di vedere in giro qualche ferrari e yacht in meno), obiettivo che mi sembra distante anni luce da quelli affrontati ora... possibile che mi sbagli...

QED

michele boldrin 27/3/2015 - 02:04

Qualcuno su FB ha commentato ieri 

"Hey, su nFA ci son sempre piu' personaggi comici con commenti assurdi, come quello del moto perpetuo [ora "quello della distribuzione intergenerazionale delle risorse" o "crescita economica una chimera" perche' lui vive nelle stesse condizioni di suo bisnonno, ovviamente]. Che nFA stia diventando popolare?"

Ho quell'impressione anch'io e mi dico che forse e' meglio rimanere poco noti ... se questi son gli effetti. 

P.S. C'e' un dettaglietto che il nostro "cultore della materia" si e' scordato, anzi svariati:

- definire "efficiente" nel caso da lui menzionato
- definire quali siano le "risorse" alla luce del cambio tecnologico
- provare che, anche solo negli ultimi 100 anni, la crescita economica sia stata una "chimera"
- spiegare perche' dovremmo agognare a riprodurre la specie invece di vivere bene
- spiegarci come calcolare il numero ottimo, o efficiente, di esemplari della specie che devono essere riprodotti
- spiegare quale dio benefico dovrebbe incaricarsi di questo grandioso (si fa per dire) compito del sistema economico

... 

lo sa Professore, lei è sempre molto simpatico e sagace, per questo mi piace! purtroppo è anche altrettanto spocchioso quando è convinto di avere di fronte macchiette come Bagnai o personaggi simili, ma così sempre non è...

lei ride e scherza sulle macchine perpetue (così come fan molti giustamente), ma paradossalmente è quello a cui mi pare punti ad essere l'economia allo stato attuale... una macchina perpetua che crea "crescita economica" in modo continuo, senza interruzioni ne shock. la prego, mi corregga se sbaglio o vado lontano dal vero in questi termini... se purtorppo non dovessi essermi sbagliato penso che che a ridere saranno altri

penso che per comprendere più a fondo quello che ho in mente sia necessario ripartire da quelle che sono le basi (che tanto piacciono al libellulone) e ricordarsi quali sono le categorie di bisogni che un essere umano deve soddisfare e il loro ordine di importanza per la sua sopravvivenza (non ho intenzione di dilungarmi su questo, sono cose moltomolto base). rinfrescati questi concetti, sarei curioso di sapere cosa intende lei per "vivere bene"... sic et simpliciter, per lei vivere meglio significa che ci dovrebbero essere più persone che lavorano 60 ore a settimana per poi uscire in ferrari e fare il giro nella casa al lago il weekend oppure più persone che prendono i mezzi ogni giorno, ne lavorano 30 e il resto del tempo lo dedicano ai loro interessi e alle loro passioni senza l'angoscia di dover possedere un bolide rosso e una seconda casa?!?!?), non so lei, ma per me "vivere bene" non dovrebbe dipendere dalla quantificazione materiale di ciò che si possiede... possibile mi sbagli e viva al tempo di mio nonno, in tal caso me ne farò una ragione e cercherò di condividere il mio tempo con chi la pensa allo stesso modo...

detto questo... il sistema efficiente è quello che in una in condizione di risorse scarse ne ottimizza il consumo in previsione di un utilizzo futuro (mai sentita la storia della cicala e la formica?!?!? ha mai preso in esame cosa successe nell'Isola di Pasqua?!?!?). Sapendo che questa è la condizione del pianeta terra (dove vi sono sia risorse rinnovabili che non rinnovabili) è stato calcolato l'earth overshoot day, ovvero il giorno nel quale si raggiunge il pareggio tra risorse consumate e quelle che si ricreano più la frazione dello stock di quelle non rinnovabili nell'arco di un anno, da quel giorno in poi si prenderà a prestito dagli anni futuri (quindi alle generazioni future). se pensa che quel giorno coincida con il 31 dicembre le posso anticipare già che accade un "pelo" prima...

lei mi chiede se negli ultimi 100 anni ci sia stata "crescita economica" (tecnicamente lo possiamo fare pure guardando agli egizzi, ai romani, ai babilonesi etc), però guardi un po' per caso che periodo ha pescato... parte proprio con il 1915, una data che mi pare si scritta da qualche parte sui libri di storia, così come il 1929, il 1939, il 1945, il 1950, il 1960, il 1979, 1997, il 2003, il 2007 (in realtà ce ne sono molte di più, ma non vorrei diventare oltremodo noioso). in mezzo ci son pure gli anni che parton dal 2008 e arrivan ad oggi, ma penso sia superfluo discuterne... giàgià mi sembra proprio che negli ultimi 100 anni abbiamo assistito ad un processo di costate ed inarrestabile crescita economica... non ci sono stati assolutamente accadimenti dai costi sociali enormi in mezzo, così come non mi sembra sia siano mai manifestati shock economici dalle forti ripercussioni sociali... mi sembra proprio che il modello economico e sociale attuale sia quello perfetto... ma quanto sono fantastici il mondo e la società nelle quale viviamo! continuiamo così!!! (spero si intuisca il sarcasmo)

detto schietto, dato che lei pare ignorare il significato di perpetuazione (che mi sembra abbia tra l'altro scambiato con il termine "riproduzione")... io, lei, gli altri scimmiotti che ci circondano, non siamo altro che pulviscolo stellare seduto su una roccia che si scalda di fronte al più grande fuoco d'artificio mai immaginato. c'è la remota ipotesi che sfruttando al meglio i mezzi (in questo caso mi riferisco all'intelletto e alla voglia di conoscenza) e le risorse che abbiamo su questo pianeta si possa dare una possibilità a questo pulviscolo di perpetuare la propria esistenza su di un'altra roccia con le stesse caratteristiche (pare che qualcuna sia stata individuata, il problema è che sono un pelo distanti per le conoscenze e il modo di sfruttare le risorse che abbiamo ora)... se questo non la affascina e non la interessa mi chiedo per quale motivo abbia intrapreso lo studio di una materia tanto semplice e tanto complessa come l'economia... crescita economica, disoccupazione, tasso d'interesse etcetc. penso sian favolette per bambini... credo che i problemi per la collettività debbano tenere in considerazione anche (e soprattutto) quelle complicazioni che si troveranno ad affrontare le generazioni future... questo è il nodo cruciale: garantire la sopravvivenza della specie oltre l'esistenza limitata in questo pianeta, se lei e altri svariati miliardi di esseri umani non ne avverte questo pericolo o non lo ritenete rilevante non significa che non esista...

c'è sempre la possibilità (che già da me riconosco essere molto alta) che io non sia altro che un pazzo stravagante che straparla a vanvera e delira, ma c'è anche quella che lei non si sia mai posto qualche domanda sulla qualità di quello che le han propinato in 4 anni di università più quelli di phd... come il famoso gatto di schroedinger, finché non si realizza l'evento concreto son veri entrambi...

mi stia bene e non si faccia troppi problemi sulla mia immagine nei social, è l'ultima cosa che mi interessa... tempo di andare, con questo sole mi farò un bel giro in moto assieme a varoufakis...

N.B. lei mi chiede cosa intendo per risorse, ovviamente va fatta una distinzione tra quelle rinnovabili (che tendendo ad infinito e alle quali viene dato un valore economico prossimo allo 0, tipo l'aria per ora, anche se qualche dubbio sui costi delle emissioni di CO2 sembra stiano venendo fuori) e non rinnovabili (metalli, idrocarburi)

N.B.2 la invito, sempre per curiosità se non lo conosce già, a controllare cosa fosse il "Second Bill of Rights", chi fu a proporlo e in quale paese... c'est la vie...

Quante parole quando bastava dire: "dato che la disponibilità di risorse naturali rappresenta un vincolo, ci si è mai posti di determinarlo questo vincolo, quindi di spostare il problema da "massimizzare la crescita" a "massimizzare la crescita dato il vincolo ambientale", e per finire di provare a stabilire se le attuali prospettive di crescita siano al di quà o al di là del vincolo trovato?". Fine. Messo così almeno ha un po' di senso, tutto il contorno che ci hai messo invece è roba fumosa, ma tanto.

 

lei ride e scherza sulle macchine perpetue (così come fan molti giustamente), ma paradossalmente è quello a cui mi pare punti ad essere l'economia allo stato attuale... una macchina perpetua che crea "crescita economica" in modo continuo, senza interruzioni ne shock. la prego, mi corregga se sbaglio o vado lontano dal vero in questi termini

Dico la mia: sbagli. Una cosa che mi preme e che ho osservato altrove: c'è tutta questa smania di addossare al c.d. mainstram il "paradigma della crescita infinita", che ci sia qualcuno che crede, (anzi, impone!) che si produca e consumi all'infinito e sempre più, perché fa fico così, che son tutti così orbi che solo in questo vedono il benessere.. e voi siete gli unici illuminati ad aver compreso le vere virtù della vita etc...
Il problema è... che il "paradigma della crescita infinita" esiste, ma solo nella vostra testa.
Seriamente, nessuno dice che bisogna crescere all'infinito, semplicemente si cresce fintanto che ognuno è soddisfatto, mettendo a bilancio ciò che si vuole (beni, servizi e...  tempo libero, che non pensiate di essere gli unici a tenerne conto) con ciò che si riece a fare (tempo da dedicare e produttività). Semplice. Ed è facile capire che fintanto che c'è una bella fetta di gente che ambisce ad avere di più e vede spazio per maggiori incrementi di produttività allora si ambisce a crescere ancora... Certo, qui si può innestare il dibattito sui vincoli ambientali, sulle disuguaglianze, la questione della "moda" (come era comparso in una lettura del fine settimana tempo fa) etc, ma è tutto un altro paio di maniche.
E il bello è che non solo nessuno impone a nessuno di lavorare sempre più per consumare sempre più etc... ma con una velocissima ricerca su internet si trova pure come le ore lavorate annue siano andate continuamente riducendosi negli ultimi 70 anni. Oppure come siano inversamente proporzionali alla produttività.
Non solo, mi viene da considerare anche la durata della vita lavorativa, dove 70 anni fa grossomodo si iniziava da piccoli coi lavoretti di supporto nei campi e si finiva veramente finché le forze lo consentivano, magari spostandosi progressivamente verso lavori meno pesanti ma non fermandosi mai (ora si lavora grossomodo metà della propria vita)... e dove di fianco ai lavori "ufficiali" andrebbero considerati anche gli impieghi "non ufficiali", per dire, fare la massaia 70 anni fa era più usurante (tanto quanto gli altri mestieri) che fare la casalinga adesso.

E non provate a imbrogliare con le questioni filosofiche di "cosa sia realmente il benessere", che son questioni filosofiche, che son sempre esistite e sempre esisteranno, che si possono discutere ma che non vanno assolutamente usate per fare giochetti retorici "delle tre carte" in discussioni come quella sopra.

... con un *testo* equivalente.
Ne approfitto per aggiungere che tutto sommato il Sole irraggia il pianeta, alimenta l'erba o il fitoplancton che vi cresce, i quali alimentno gli erbivori e questi a loro volta i carnivori e gli omnivori. Noi compresi. Il nostro non è un sistema chiuso. Quindi quello che apparentemente sembra ad alcuni un sistema dotato di un motore immobile e crescita infinita (o vuole farlo credere) in realtà è caratterizzato dal lavoro immane di miliardi di esseri umani che invece di cazzeggiare su FB o altri luoghi dedica la maggior parte del tempo a produrre cose utili per il pianeta (compresi i dispositivi che usiamo per comunicare) approfittando dei miliardi di watt che riceviamo (1360 W al metro quadrato)

che questi critici della crescita venissero costretti a vivere con la tecnologia ed il livello di reddito del 1965 (non dico del 1815 o del 1915 per non parlare dell'epoca pre-industriale).  Poi ne riparliamo

io tornerei alle usanze spartane... poche cose (utili) fatte bene e chi non è adatto giù dalla rupe, tanto tempo e risorse risparmiate!

qui sta il punto... l'economia altro non è che l'applicazione di una filosofia su come la società dovrebbe essere strutturata (capitalismo, comunismo, etcetc), non per nulla molti dei grandi economisti del passato son stati grandi filosofi e di concreto si lavora ancora sui loro lasciti. il fatto che oggi si provi a venderla come una disciplina meramente scientifica è la più grande truffa del XX secolo!

"fintanto che c'è una bella fetta di gente che ambisce ad avere di più e vede spazio per maggiori incrementi di produttività allora si ambisce a crescere ancora... Certo, qui si può innestare il dibattito sui vincoli ambientali, sulle disuguaglianze, la questione della "moda" (come era comparso in una lettura del fine settimana tempo fa) etc, ma è tutto un altro paio di maniche."

su questo serve maggiore attenzione... non si tratta di un altro paio di maniche! stiam parlando delle stessa camicia, se sprechi il tessuto per fare effetti particolari sulla parte del corpo poi magari il tessuto per le maniche manco ce l'hai più!

al giorno d'oggi, se tutta la popolazione mondiale avesse lo stesso stile di vita che conduciamo nella società occidentale non penso che ci sarebbero le risorse per sopravvivere tutti a lungo e allo stesso modo (qui un facile e oltremodo semplicistico riassunto http://www.fastcoexist.com/1680379/what-would-happen-if-the-entire-world...)... siamo delle dannate scimmie nemmeno tanto intelligenti, se ognuna venisse lasciata di agire liberamente per soddisfare i propri desideri sarebbe la giungla! è corretto che sia così?!?!? non è stato forse sancito nella carta dei diritti dell'uomo che siamo tutti uguali e abbiamo tutti gli stessi diritti?!?!? se è veramente così perché "noi" abbiam il diritto di consumare più degli altri?!?!? perché chi verrà dopo di "noi" si troverà ad affrontare dei vincoli di consumo che io oggi non ho solo perché non mi son posto il problema in tempo?!?!? son questioni filosofiche?!?!? si, forse, ma non cambia il fatto che potrebbe essere arrivato il momento di provare a darci una risposta...

Ma se leggi bene non ho negato il problema ambientale, e nemmeno ho detto che la questione filosofica non vada discussa. Semplicemente ho suggerito di non usare la questione filosofica per fare giochetti retorici "delle tre carte". In particolare hai mischiato la questione ambientale con cose ridicole: tipo addossare agli altri il desiderio che piu' gente si spacchi la schiena 60 ore a settimana quasi si volesse imporre il dovere morale di possedere la seconda casa e la Ferrari in nome del Pil. Cosa che non solo qui nessuno vuole, ma che nemmeno accade nella realta'. Punto.

Riguardo alla questione ambientale ti faccio notare un po' di cose: intanto non sono tutti orbi come pensi, e tutta la ricerca che si sta facendo in campo dell'efficientamento energetico e del riciclo da 40 anni a questa parte lo dimostra. Poi la crescita non implica necessariamente un aumento del consumo di materie prime e risorse, pensare allo sviluppo del settore dei servizi, in particolare dei servizi alla persona, e poi andare a vedere l'andamento delle emissioni di CO2 (o piu' in generale dei consumi di energia in kg di petrolio equivalente) per capita e per 1000 USD PPP dei paesi avanzati dal dopoguerra ad oggi.

E nota che e' razionalmente impossibile intavolare una discussione seria se quelle son le premesse. Se la discussione seria e' quella che cerchi meglio dare una bella sforbiciata alla retorica, altrimenti qualsiasi discussione sulla sostenibilita' ambientale e sulle virtu' della vita frugale, per quanto possa partire da premesse condivisibili, finisce in fuffa.

Per chiudere: che diavolo centrava tutto questo con l'argomento trattato nell'articolo? Era proprio necessario buttare tutto nel ventilatore?

detto schietto

beppyz 31/3/2015 - 09:01

l'economia si presta alla retorica, l'articolo qui sopra non è altro che un esempio di questo... si tratta di "una materia" dove non esiste la controprova ed è soggetta a speculazioni di qualsiasi tipo (in questo articolo si mette in dubbio l'efficacia delle politiche keynesiane che di fatto han fatto uscire dalla crisi del '29 e in modalità 2.0 han fatto uscire da questa), non è una battuta lontana dal vero quella secondo la quale la risposta tipica e corretta di un economista dovrebbe essere "dipende da"...

sono spesso additato di essere un troll in questo blog di menti sopraffini, devo ammettere che non è lontano dalla realtà questo appellativo... in un blog dove si decantano principalmente le virtù del modello economico liberale vs qualsiasi altra filosofia economica son quello che fa presente che ci son molti temi da trattare (vedi questione ambientale e sostenibilità che nel pensiero liberale per ora non mi pare abbiano ancora del tutto attecchito) che son a mio parere (ma è probabile che mi sbagli) molto più rilevanti di "i keynesiani non capiscono niente perché...", "la scuola austriaca è una fuffa perché...", "il socialismo ha fallito perché..." e via dicendo

fai giustamente notare che non son l'unico ad avere interesse sui temi di sostenibilità e ambiente (mi pare ci fosse un candidato alla presidenza degli usa con le stesse idee e mi risulta anche che recentemente a montreal sia stata presa la decisione di monitorare e ridurre le emissioni di CO2 in modo radicale), ma se son temi così nuovi e interessanti come mai non ho visto mai un articolo che ne parli in questo blog? (e non lo seguo da un paio di mesi...), eppure son questioni che da un punto di vista di impatti economici ne hanno non pochi...

p.s. l'esempio della ferrari, della seconda casa e delle 60 ore (so bene che se ne lavoran molte di meno già da un bel po' di anni) erano ovviamente delle iperboli, avendo tirato in ballo la diversa classificazione di bisogni che un uomo deve soddisfare ho nominato i primi beni che mi son venuti in mente per ridondanza tecnologica e sperpero di risorse (una autovettura fuoriserie ed una casa sulla riva del lago). in realtà si può applicare lo stesso concetto agli smartphone e 1000 altre diavolerie per le quali è valido l'effetto "appartenenza" ad un determinato gruppo sociale "di successo". questo meccanismo innesca la domanda di questi beni etcetc il resto della storia penso sia noto

Se l'obiettivo e' ridurre la disoccupazione, c'e' un semplice ed efficace metodo: campi di lavoro. Non credo sia questo che hanno in mente in keynesiani. 

Perchè no?

In fondo scaava le buche riempi le buche, il lavoratore socialmente utile, o il forestale calabro che cosa sono ?

Certo vengono messi a carico della collettività in maniera più educata e soddisfacente per loro, ma il concetto è esattamente quello alla fine.

 

Vengono pagati market wage per scavare le buche. Non sono campi di lavoro.

Che siano schiavi o che siano pagati con soldi rubati (sottratti) ad altri, in fondo la differenza è poca. Forse è una differenza psicologica (per chi riceve i soldi) ma non sostanziale sul piano economico. Sbaglio?

Per venire alle cose di casa nostra, la riflessione che mi induce l'articolo e la dotta discussione (anche quella della traduzione) che ne segue, è che la politica tira acqua al suo mulino. Penso che in una situazione di debito mostruoso (Italia e Gracia), inefficienza e furfanteria (Italia e Grecia) ampliare la spesa pubblica prima di aver sistemato almeno un pò la sua qualità, sia sciocco. La politica che propone ciò interpreta i desiderata di chi (in Italia e Gracia) vuole continuare a vivere a sbafo. Certamente Keynes questo non poteva pensarlo.

Che questo poi abbia avuto conseguenze sociali importanti è evidente (in Grecia, credo meno in Italia), ma di nuovo, se non si mette a posto la qualità della spesa (che vuol dire anche migliorare l'efficienza della macchina pubblica), beh questo è spreco.

L'articolo mi ha fatto venir voglia di farmi un altro (piccolo) tatuaggio. Potrei pagarlo coi miei commenti su NfA?

Really many many thanks.

I do know about Keynes and about Keynesianism. I am old enough too have been taught Keynesian theory as orthodoxy both as an undergraduate and graduate student. My father - a PhD economist whose PhD advisor was the great Keynesian Nobel Prize winner James Tobin - called himself a Keynesian - almost as a statement of religion. In my youth my father and I wrote an empirical paper using a Keynesian model. I studied with Keynesians - I took classes from Bob Solow, an avowed Keynesian. I worked as a research assistant for Stan Fischer doing empirical work using a Keynesian model. One of my mentors was Axel Leijonhufvud whose great and famous work was a book called On Keynesian Economics and the Economics of Keynes. When I was a student we had to study the history of economic thought - I have read Keynes General Theory and some of Keynes lesser works - I even got a perfect score on an examination about them. I participated in (witnessed mostly) a long debate between Leijonhufvud and another great Keynesian Don Patinkin about what Keynes really meant and actually said. Knowledge of Keynesianism and Keynesian models is even deeper for the great Nobel Prize winners who pioneered modern macroeconomics - a macroeconomics with people who buy and sell things, who save and invest - Robert Lucas, Edward Prescott, and Thomas Sargent among others. They also grew up with Keynesian theory as orthodoxy - more so than I. And we rejected Keynesianism because it doesn't work not because of some aesthetic sense that the theory is insufficiently elegant.

s'è commentato oltre il ragionevole, Chiudete i commenti, please!

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti