Nazisti immaginari, meglio dei veri

 

Temo il libro di Roberto  Bolaño, non esista in italiano. Essendo afflitto da insonnie, di notte leggo cose strane.

Il volume è straordinario (un po' di Marcel Schwob vi cola, forse, come da una teiera rotta.)

Vi si narrano le vite di un gruppo eteroclito di poeti, filosofi, scrittori e scrittrici, che non esistono e mai esisteranno. Però bisognava inventarli.

Molti passano dalla divisione Azzurra alle steppe delle sconfitte del Terzo Reich in Urss. Ma i più hanno i più grandi trionfi al polo, sfidando a pugni Lezama Lima e incontrando Benito e Claretta.

Altri temono la miscela razziale tra caboclos brasiliani e ariani del "Sud."

BR è molto morto (è morto in Catalogna qualche anno fa.)

Vive una mente folgorante e strana, il cui motto era "ciò che non può essere, non può essere; d'altronde è impossibile" (traduzione mia dalla vita di Edelmira Thompson de Mendiluce e di Luz Thompson Mendiluce.)

È tradotto in inglese e in francese.

Data la geometrica potenza del cervello sociale che è Nfa, correggo: esiste l'edizione italiana,  presso Sellerio, Palermo.

3 commenti (espandi tutti)

Pare lo pubblichino a Palermo...

La ringrazio, non lo sapevo...

Comperato qualche anno fa però poi, complice il piccolissimo formato, sperso in libreria prima di leggerlo. Ho penato un po' per ritrovarlo e l'ho letto d'un fiato, grazie per avermelo ricordato!

 

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti