La questione catalana - III

12 ottobre 2017michele boldrin

Mentre Puigdemont trascina il progetto indipendentista nel ridicolo, pubblico una terza riflessione sulle diseguaglianze regionali ed i saldi fiscali fra regioni. Altro tema cruciale che la "mini insurrezione" catalana solleva e che sembra destinato a rimanere invisibile alle classi dirigenti europee. La versione originale di questo articolo e' comparsa su Linkiesta il 10/10/2017.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

La questione catalana - II

11 ottobre 2017michele boldrin

Perché l'indipendenza della Catalogna (e, per estensione, quella del Veneto, della Lombardia, eccetera) non mi convince e perché, al contempo credo ponga una questione che non si risolve con l'uso strumentale e, alla fine, violento dell'argomento illiberale secondo cui "la legalità costituzionale è questa e non si discute". Questo articolo è comparso, in versione leggermente diversa, su Linkiesta del giorno 8/10/2017.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

La questione catalana - I

10 ottobre 2017michele boldrin

Una valutazione politica della situazione immediatamente dopo il referendum. A seguire, in quattro capitoli, un'analisi più in profondità. Questo articolo e' apparso originariamente il 2/10/2017 su Linkiesta.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Il cosa, il come ed il perché del Quantitative Easing

19 aprile 2017Massimo Fontana

Cerchiamo di analizzare brevemente l'origine, la motivazione e gli effetti principali della pratica di espansione monetaria chiamata Quantitative Easing.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Quando 1+1=1,5 ... (ovvero, le notizie che ti fanno pensare)

10 marzo 2017Marco Saltalamacchia

Il gruppo PSA (al secolo Peugeot-Citroen) acquista, per 2 miliardi di euro, Opel da General Motors (GM). PSA rinuncia a competere in Cina (immagino con il marchio Opel) ed evidentemente GM rinuncia al mercato europeo. Chi ci perde realmente e chi ci guadagna? 

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Sull'Europa a due velocità.

17 febbraio 2017Massimo Fontana

Alcune considerazioni preliminari sulle parole della Merkel relative ad una Europa a due velocità.

Articolo recuperato da un feed, spero sia tutto a posto

Marcello

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Trump: commenti a caldo

La Scuola Italiana, vista da un emigrato

3 ottobre 2016Pietro Gagliardi

Questo articolo non vuole essere obiettivo e accademico. È piuttosto un insieme di riflessioni personali, frutto delle mie esperienze: figlio di genitori benestanti, nato e cresciuto in una ricca città del Nord, educato in “buone, anzi ottime” scuole, diplomatomi da un liceo classico con potenziamento di matematica due anni fa, studente all’Università di Oxford, e al momento stagista a Shanghai. Non mi definirei un secchione, ma di sicuro uno che ha passato molto tempo sui libri.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

L'Islam questo sconosciuto

12 settembre 2016Fabio Ghia

Questo articolo offre una breve introduzione alle varie realtà dell’Islam di oggi (1,7 miliardi di fedeli pari al 25% della popolazione mondiale) in particolare quello ortodosso e la sua propaggine “deviata”, partendo dalla nascita del pensiero e del linguaggio politico islamico delle origini, e proseguendo al confronto tra la cultura islamica e quella occidentale. Culture che si sono evolute nel corso dei tempi all’insegna della civiltà dei diritti dell’uomo, da una parte, e quella che, ancora oggi, fa esclusivo riferimento al sistema sociale improntato alla legge di Dio, la Sharia, dall’altra.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

L'inevitabilità della Longue Durée

14 settembre 2016Marco Saltalamacchia

Negli ultimi tempi ho constatato una mia crescente insofferenza nella lettura delle notizie quotidiane: molto di quello che leggo mi appare scontato, addirittura banalmente prevedibile.

È maturata in me la convinzione che gli umani non si siano evoluti per nulla con il progresso tecnologico e che quest'ultimo abbia semplicemente reso la nostra vita più comoda e lunga, ma non necessariamente "migliore". Per "migliore" intendo la teorica capacità umana (che, ahimè, temo non esista, contrariamente a quanto argomentato da Steve Pinker) a rimuovere le tante cause che determinano, oggi come duecento o duemila anni fa, conflitti, violenza ed in ultima analisi, infelicità.

Senza alcuna pretesa di scientificità, ho provato ad allineare queste considerazioni ed a trarne alcune conclusioni.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>
PAGINE